Qual è la frequenza di rimbalzo?

Cosa significa una frequenza di rimbalzo?

Una frequenza di rimbalzo è la durata del tempo che viene utilizzata per calcolare in percentuale, tutte le singole visite alle pagine. In altre parole, queste sono persone che lasciano il tuo sito Web senza visitare la seconda pagina. Principalmente, Google Analytics non riceverà alcun trigger se il visitatore non va oltre la home page.

Inutile dire che l'obiettivo finale è ridurre sempre il numero di frequenze di rimbalzo in modo da ottimizzare i tassi di conversione del tuo sito web. In genere, viene utilizzata una frequenza di rimbalzo per misurare le visite complessive in cui un individuo lascia il tuo sito dal pagina di destinazione senza alcun ulteriore impegno.

Tali informazioni vengono utilizzate come metrica per fornirti informazioni sul tipo di pubblico che il tuo sito attrae. In aggiunta a ciò, ti illumina su quali pagine web, per essere precisi, dovresti rinnovare.

Perché è necessario misurare la frequenza di rimbalzo?

In particolare, la gestione di un'attività online di successo va oltre il semplice fatto di avere un sito Web a bordo. È necessario apportare regolazioni precise tramite l'utilizzo di dati accurati da potenti strumenti come Google Analytics. Per cominciare, devi guardare i tuoi tassi di conversione. Se sono bassi, sarebbe sicuramente una bandiera rossa.

È ovvio che i bassi tassi di conversione indicano che i visitatori abbandonano il tuo sito senza intraprendere alcuna azione. Ad esempio, non effettuano alcun acquisto. Probabilmente, questo dovrebbe far scattare un allarme. Forse il processo di checkout è complicato o le pagine si stanno muovendo lentamente. Allo stesso tempo, alti tassi di rimbalzo potrebbero essere la ragione per cui si è frustrati con un basso volume di vendite.

E non è tutto.

Elevate frequenze di rimbalzo potrebbero indicare che le tue pagine sono di bassa qualità. Se un visitatore non trova nulla di allettante, non ti aspetti che si fermino. Inoltre, potrebbe esserci la possibilità che il tipo di pubblico che il tuo sito attrae, non corrisponda al contenuto delle tue pagine web. Di solito, il tuo sito web deve essere user-friendly, per non dire altro.

Ecco come calcolare una frequenza di rimbalzo.

A scopo illustrativo, utilizziamo Google Analytics per ottenere una rappresentazione chiara di come restringere a cifre precise. Da questo punto, una frequenza di rimbalzo viene calcolata dal numero totale di visite a pagina singola diviso per il numero totale di sessioni nel tuo sito. Tieni presente che lo strumento Analytics cattura tutti i trigger.

Vale a dire, registra tutte le sessioni in cui un visitatore ha fatto clic sulla pagina di destinazione e lo divide per il numero totale di voci sul tuo sito web. Semplice come sembra.

Interpretazione di una metrica della frequenza di rimbalzo

Vale la pena notare che una frequenza di rimbalzo può essere fuorviante se non si sa come interpretarla. Per chiarire questa azione, è necessario comprendere che non tutte le frequenze di rimbalzo elevate sono spiacevoli. Ecco uno scenario comune. Un blog completo con post molto lunghi potrebbe riscontrare frequenze di rimbalzo elevate. Più spesso, un visitatore leggerà il primo paragrafo e lascerà il sito.

Normalmente, le pagine a basso impatto avranno alte frequenze di rimbalzo, tuttavia, finiscono per avere lead di conversione in sospeso. Sul rovescio della medaglia, se i tuoi obiettivi di business si basano su visitatori che eseguono un'azione o visualizzano più di una pagina, un'alta frequenza di rimbalzo potrebbe essere così dannosa per le tue prospettive di successo. Ad esempio, un commerciante di e-commerce deve ottimizzare il sito per aumentare le vendite di un margine impressionante.

A seconda del tipo di traffico su cui stai contando, devi mettere il comportamento degli utenti nell'equazione. È certamente una strategia significativa per interpretare la frequenza di rimbalzo.

A parte questo, il tipo di sito web che hai a disposizione potrebbe influenzare il comportamento di un visitatore. Cosa voglio dire? Supponiamo che sia un sito a pagina singola, la frequenza di rimbalzo può essere molto più alta. E il contrario è in realtà vero.

In alternativa, puoi mantenere un tracciato ravvicinato sulla pagina di destinazione per avere una migliore comprensione della frequenza di rimbalzo. È necessario apportare un paio di modifiche per soddisfare le esigenze dei visitatori. A volte è piuttosto fastidioso vedere un sito pieno di annunci e uno con immagini di bassa qualità. Inoltre, se il tuo sito manca di un elaborato 'chiamare all'azione' per invogliare il tuo pubblico di destinazione, essere pronti a essere colpiti da frequenze di rimbalzo estremamente elevate. Ciò che sembra funzionare bene, è l'aggiunta di un pulsante Abbonamento al tuo sito web. Abbassa tremendamente i tassi di rimbalzo.

Parlando del target di riferimento, è assolutamente necessario accertarsi che i canali del traffico siano diretti nella giusta direzione. Afferrare il pubblico sbagliato è un vero e proprio rompicapo nella misura in cui non realizzi i tuoi obiettivi di business.

Frequenza di rimbalzo vs conversioni

Quindi mettiamo le cose in chiaro

Dall'inizio, queste metriche sembrano apparire come due variabili che portano a direzioni opposte contemporaneamente, poiché sono inversamente proporzionali. Ma ecco cosa è più importante per qualsiasi profano. Pensa a una frequenza di rimbalzo come a un proxy che indica se i tuoi obiettivi aziendali si materializzeranno o meno.

Tecnicamente, se apporti alcune modifiche a un'offerta per ridurre la frequenza di rimbalzo, il risultato più atteso è vedere un aumento dei lead di conversione. Ecco un puntatore acuto.

È prudente effettuare confronti tra pagine che hanno una bassa frequenza di rimbalzo rispetto a quelle con una frequenza di rimbalzo elevata. Di fatto, potrai cogliere alcuni suggerimenti dalle pagine con bassa frequenza di rimbalzo.

Inoltre, devi guardare le tue sorgenti di traffico. Tracciare una linea tra quelle che aumentano le frequenze di rimbalzo e quelle che non aumentano, è un pacchetto di partenza ideale per migliorare le tue conversioni.

Come ridurre le frequenze di rimbalzo

Soprattutto, devi calcolare cifre precise calcolando il tempo medio trascorso dai visitatori sul tuo sito. Fondamentalmente, ci sono alcune dinamiche che devi conoscere prima di apportare modifiche alle frequenze di rimbalzo. Se sembra che la tua pagina di destinazione ottenga la maggior parte delle conversioni rispetto alla pagina del tuo blog, questo è un segnale che indica che è ora di migliorare la qualità dei contenuti nel tuo sito web.

Come discusso in precedenza, un sito di blog che attira visitatori la cui unica intenzione è ottenere informazioni mostra una frequenza di rimbalzo del 100% su Google Analytics. Questa non è necessariamente una brusca frequenza di rimbalzo, poiché la maggior parte delle sessioni sono di solito visite di una sola pagina.

Per questo motivo, non lo considereremmo un rimbalzo di per sé, nonostante il fatto che si tratti di una visita di una sola pagina poiché l'obiettivo principale è focalizzato sulle conversioni e non riduce le frequenze di rimbalzo.

Ecco un esempio.

Forse ti starai chiedendo. Come posso ottenere il pubblico giusto? Bene, puoi ottenere il massimo da Google Trends, uno strumento che aiuta un utente a conoscere le parole chiave più ricercate. Per questo motivo, devi ottimizzare i tuoi contenuti in modo da posizionarli in alto su Google. Da un punto di vista SEO, vale la pena apportare alcune modifiche ai tuoi backlink e strategie di marketing.

Ad esempio, dovresti essere interessato a se la tua campagna di email marketing, a bordo del traffico appropriato per il tuo sito. In modo sufficiente, è necessario stabilire obiettivi che siano pratici e possano essere raggiunti. Durante i tentativi di osservare la tua perfomance, devi incorporare i tuoi dati storici in modo da rendere le aspettative realistiche e sensate.

Come forse saprai, avere diverse pagine di destinazione, ognuna con contenuti accattivanti, a volte è un approccio unico per ridurre le frequenze di rimbalzo. Inoltre, devi disporre di una pagina di destinazione che visualizzi un invito all'azione (CTA) in modo da far rimanere i visitatori molto più a lungo nel tuo sito. Una volta terminato, devi fornire una meta description molto particolare per gli utenti che utilizzano costantemente il motore di ricerca.

Nel miglior modo possibile, i contenuti SEO dovrebbero essere ben organizzati. Utilizza i proiettili e includi i titoli in modo metodico. Avere intestazioni e sottotitoli rende più facile per i visitatori navigare attraverso il tuo sito web. Per mettere fine ai giochi di indovinare, è necessario elaborare un layout ben progettato.

Perché questo tema?

Vale la pena notare che un sito web dovrebbe avere una capacità di risposta elevata e le sue pagine devono essere caricate abbastanza velocemente utilizzando contenuti multimediali autocaricanti.

Cos'è la frequenza di rimbalzo: conclusione

Per riassumere, è importante interpretare le frequenze di rimbalzo in modo intuitivo. Oltre a questo, vale la pena distinguere tra una buona e una cattiva frequenza di rimbalzo. Nel tentativo di fare calcoli precisi, è sempre nella migliore pratica tenere traccia di tutte le azioni che si svolgono nel tuo sito dietro le quinte.

Fortunatamente, Google Analytics è sufficientemente competente per aiutarti a ottenere la frequenza di rimbalzo media. Inoltre, puoi monitorare i canali di marketing che, in particolare, portano il traffico giusto sul tuo sito. A lungo termine, si arriva a filtrare tutte le tecniche che si traducono in tassi di conversione più elevati.

È abbastanza ovvio che nella maggior parte degli scenari, un'elevata frequenza di rimbalzo può rappresentare un ostacolo che impedisce il raggiungimento degli obiettivi della tua azienda, ad eccezione dei siti di blog. In generale, è necessario tenere presente che le frequenze di rimbalzo tendono a misurare lo stato di redditività delle pagine su un sito Web.

Diventa un esperto di e-commerce

Inserisci la tua email per iniziare la festa