80 ha spiegato gli errori più comuni nel sito di ecommerce in 2019

Se hai provato a eseguire un sito di e-commerce, allora sai già quanto sia feroce la competizione là fuori. Il numero di aziende di e-commerce sta aumentando in modo esponenziale perché tutti noi vogliamo una parte dell'azione, specialmente considerando che il volume di acquirenti digitali a livello globale in 2019 sta per colpire 2 miliardi.

Ora, ammettiamolo, ci sono vincitori e vinti nello shopping online. Se approfondisci le analisi di business e-commerce, noterai che il divario tra questi due gruppi è in continua espansione. E il fatto è che va oltre la semplice qualità del prodotto.

Bene, ecco la cosa. Che ci crediate o no, la maggior parte dei siti di e-commerce sta perdendo potenziali acquirenti prima ancora che imparino a conoscere la qualità del prodotto. Ci sono molte ragioni per cui questo sta accadendo, ma in poche parole, è tutto collegato a esperienze utente poco ottimizzate.

Fortunatamente, ora possiamo identificare gli errori più comuni del sito di e-commerce, grazie alla ricerca condotta da SEMRush (leggi il nostro Recensione di SEMRush). Ha usato il suo ben noto strumento di verifica del sito scansionare i negozi online 1,300 e, di conseguenza, identificare i problemi ricorrenti che riguardano tutti i tipi di attività commerciali.

Ora, aspetta un momento. Prima ancora di procedere, in che modo esattamente SEMrush è stato in grado di analizzare tutto ciò? Che cos'è esattamente uno strumento di verifica del sito?

Che cos'è uno strumento di verifica del sito?

Uno strumento di verifica del sito è essenzialmente un sistema di diagnosi del sito web. Si tuffa in profondità nella struttura del tuo sito Web per esaminare metodicamente ogni singolo elemento in dettaglio e, alla fine, generare approfondimenti completi sulla salute generale del tuo sito. Si basa su un database esteso caricato con tutti i parametri dell'algoritmo del motore di ricerca pertinenti per riconoscere con precisione i potenziali errori SEO.

E poiché vorrete correggere i problemi, gli strumenti di controllo più efficaci vanno oltre l'analisi tipica del sito e il rilevamento dei problemi, per darvi utili indicatori di rettifica.

Bene, questo è praticamente come SEMRush è stato in grado di studiare tutti quei negozi online.

Quindi, per aiutarti a capire che cosa dovresti cercare, ecco approfondimenti dettagliati su 80 degli errori più comuni del sito di e-commerce in 2019:

Errori di SEO On-Page sul sito di e-commerce

Scommetto che l'hai già indovinato. Che il problema più diffuso nei negozi online sia quello delle pagine del sito di e-commerce poco ottimizzate.

È interessante notare che l'ottimizzazione SEO on-page non richiede alcuna competenza avanzata. Hai solo bisogno di conoscenze di marketing SEO di base per modificare un paio di parametri e quindi gestirli per il lungo periodo. Tuttavia, sorprendentemente, molti siti di e-commerce si sbagliano ripetutamente e successivamente si perdono in un flusso costante di traffico.

Ora, SEMrush ha analizzato il tutto in modo olistico e ha raggruppato i risultati di conseguenza per darvi una chiara immagine di tutto: il contenuto del sito di e-commerce, la meta description, i tag del titolo e gli errori di ottimizzazione delle immagini.

Vale la pena notare che le sezioni blu illustrano la frazione dei siti Web di e-commerce interessati, mentre le sezioni arancioni allegate chiariscono la percentuale media delle pagine Web corrispondenti interessate dal problema.

Errori relativi al contenuto del sito web di e-commerce

Il contenuto è sempre stato al centro dell'ottimizzazione dei motori di ricerca. Google e altri motori di ricerca classifica il tuo sito in base a come i tuoi contenuti si riferiscono a vari termini di ricerca, oltre alla qualità dei contenuti corrispondente.

Ora, prima ancora di valutare la qualità, ti aspetteresti che un sito di e-commerce abbia almeno una buona quantità di contenuti. E successivamente, potremmo essere abbastanza indulgenti da dare ad alcuni negozi online un pass per un paio di errori di qualità dei contenuti qua e là.

Ma indovina un po? È un disastro totale, per non dire altro. 73% dei siti di e-commerce ha un basso numero di parole. Le loro descrizioni dei prodotti e gli articoli della pagina non riescono a soddisfare le linee guida SEO di Google perché il loro contenuto è troppo scarso.

E peggiora quando si tratta di duplicare i contenuti. Si scopre che molte delle aziende di e-commerce che riescono a sfuggire alla rete di conteggio delle parole basse lo fanno solo perché hanno copiato materiale incollato.

Ok, possiamo capire che è sempre più difficile trovare una descrizione univoca per ogni prodotto, ma andiamo - siamo onesti qui - non è un tasso di 82.97% incredibilmente alto per siti di e-commerce con contenuti duplicati?

Ma poi di nuovo, potresti obiettare la duplicazione dei contenuti interessa solo una media di 7.10% delle loro pagine web. Giusto.

Tuttavia, non sono così fortunati quando esaminiamo il loro testo in proporzione HTML. In sostanza, è incredibile 96.96% dei siti di e-commerce funziona con un rapporto testo / HTML basso. E la Il problema è così diffuso che colpisce, in media, 84.47% delle loro pagine web.

Errori di descrizione del sito web di e-commerce Meta

Quando è stata l'ultima volta che hai fatto clic su un link dei risultati del motore di ricerca senza eseguire la scansione attraverso la meta description corrispondente?

Vieni a pensarci, le meta descrizioni sono diventate delle informazioni estremamente vitali sulle pagine dei risultati dei motori di ricerca. Forniscono una breve panoramica di ciò che dovresti aspettarti dopo aver fatto clic su un link. Praticamente come i film trailer.

Quindi, ovviamente, non sorprende che i motori di ricerca continuino a considerare fortemente le meta descrizioni negli algoritmi di classificazione dei risultati. Google, ad esempio, richiede che il tuo negozio online contenga solide descrizioni meta su tutte le sue pagine. E non dovrebbero essere solo unici, ma contenere anche parole chiave pertinenti.

Ciò nonostante, SEMRush scoperto quello 72.24% dei siti di e-commerce non ha completamente implementato meta descrizioni. Chi Sono 17.29% delle loro pagine manca di meta descrizioni.

Se la tua attività di e-commerce non è tra quelle interessate, allora ottieni questo - si scopre che una parte considerevole dei negozi online con meta descrizioni non sono state in grado di crearne di uniche.

Per essere più specifici, 89.43% dei siti di e-commerce utilizza meta descrizioni duplicate in varie capacità. 13.20% delle loro pagine web, in media, contiene meta descrizioni copiate.

Errori delle etichette del titolo del sito Web di e-commerce

Se mai c'è qualcosa come la prima linea di difesa nel search engine marketing, allora devono essere i tag del titolo. Tutto sommato, sono fondamentali per la creazione di una grande prima impressione del tuo business online tra gli utenti dei motori di ricerca. Vanno a sapere essenzialmente che cos'è una pagina classificata mentre sfogliano i risultati.

Non fare alcun errore però. Non sono solo i surfisti a essere interessati ai tuoi tag title. I robot di Google analizzeranno anche i tag del titolo e i tag di intestazione per identificare le pagine del sito e gli argomenti corrispondenti.

Detto questo, è sempre stato consigliabile impostare tag title univoci per ogni pagina, completi di parole chiave pertinenti più un breve testo informativo.

Ma, si è scoperto che solo un piccolo numero di aziende online è stato in grado di farlo correttamente. Il resto sta ancora lottando con i vari problemi del tag title.

Finora, circa 34.75% dei siti di e-commerce non ha i tag title su alcune sezioni. Sul lato positivo, tuttavia, solo 5.58% delle loro pagine web è stato interessato.

La corrispondente situazione dei tag H1 è piuttosto il contrasto, direi. Perché un enorme 87.60% dei siti di negozi online non ha tag H1. E questo fondamentalmente si applica a circa 16.59% delle loro pagine web.

Andando avanti, trovo un po 'divertente che, sebbene la maggior parte delle aziende abbia già implementato i tag del titolo in modo completo, la parte più semplice di tutto ciò continua a rivelarsi una sfida. Più specificamente, non sono stati in grado di trovare lunghezze appropriate per i loro titoli.

Di conseguenza, 89.43% dei siti di e-commerce ora ha elementi di titolo troppo lunghi. Questa edizione, in media, si diffonde attraverso 17.94% delle pagine del sito.

Bene, non finisce qui. Abbiamo anche negozi online che, d'altra parte, hanno esagerato con l'intero processo di rendere i titoli brevi. Successivamente, 55.67% dei siti web di e-commerce ora ha elementi di titolo che hanno un'influenza troppo breve, in media, 3.46% delle loro pagine.

Detto questo, il problema più grande, come abbiamo visto con le meta descrizioni, è la mancanza di carattere distintivo. Finora, 90.11% dei siti di e-commerce ha tag title duplicati, che influiscono sulla percentuale di 10.30 delle loro pagine. Difatti, 58.02% delle aziende è andato oltre per creare tag H1 identici ai tag title corrispondenti.

Errori di immagini sito web di e-commerce

L'ultimo nella nostra lista di comuni problemi di ottimizzazione on-page sono errori relativi alle immagini. Mentre questo potrebbe essere previsto in altri siti tipici, i problemi di ottimizzazione delle immagini sono una sorpresa nel settore dell'e-commerce.

Vedete, a differenza del resto di Internet, l'e-commerce dipende in modo significativo dalle immagini. Devi avere grandi immagini se hai intenzione di vendere qualcosa sul web. Non ci sono due modi per farlo.

Tuttavia, sembra che un buon numero di commercianti online stiano caricando solo le immagini dei loro prodotti e lasciandoli così. Non riescono a includere completamente gli attributi alt pertinenti che ottimizzerebbero le loro pagine per la ricerca di immagini.

E per metterlo in prospettiva, la porzione di siti web di e-commerce che non hanno attributi alt è 86.24%. Il problema si è diffuso fino al 17.67% delle loro pagine.

Per fortuna, le cose non vanno così male quando si tratta di immagini rotte. Solo 13% dei siti Web di e-commerce ha interrotto le immagini esterne, mentre 29.51% ha impostato le immagini interne non funzionanti. Ciò influenza rispettivamente 4.51% e 1.08% delle loro pagine.

Errori SEO tecnici del sito web di e-commerce

Questo è il lato tecnico del SEO che la maggior parte delle persone considererebbe avanzato.

Non fraintendermi però. È ancora incredibilmente importante per i motori di ricerca. È un dato di fatto, è il lato tecnico che fornisce un quadro per l'ottimizzazione della struttura sottostante del tuo sito.

Ora, considerando che questo è meno semplice dell'ottimizzazione in-page, ci aspetteremmo di trovare molti più errori nel sito di e-commerce relativi alla SEO tecnica.

Beh, il fatto è che qui gli errori non sono pochi. I negozi online continuano a commettere numerosi errori in loco e fuori sito che si stanno rivelando estremamente dannosi per la loro classifica generale. I più comuni sono:

Errori di crawlability del sito di e-commerce

I motori di ricerca tipicamente scatenano i propri crawler per spostarsi nell'analisi dei siti e identificare il contenuto per l'indicizzazione. Pertanto, l'ottimizzazione del tuo negozio online per renderlo eseguibile tramite scansione è fondamentale se intendi includere i tuoi contenuti nei risultati di ricerca di Google.

Suona bene, all'inizio. Ma poi di nuovo, e piuttosto ironicamente, vale la pena notare che potresti non voler permettere ai crawler di entrare in ogni parte del tuo sito web. L'industria dell'e-commerce tende ad applicare regole leggermente diverse rispetto ai siti standard quando si tratta di crawlability dei motori di ricerca.

E la ragione è semplice. La scansione senza restrizioni potrebbe danneggiare il posizionamento del tuo negozio online nel lungo periodo. Se hai integrato uno strumento di ricerca di siti web dinamici con numerosi filtri, ad esempio, potresti attivare problemi di contenuto duplicati consentendo ai crawler di indicizzare tutte le sezioni.

Bene, questa è solo la punta dell'iceberg. Le cose diventano ancora più complesse quando ci addentriamo più in profondità in altri parametri di crawlability. E questo, in definitiva, si traduce in un maggiore potenziale di errori e omissioni.

Di conseguenza;

  • 23% dei siti web di e-commerce presenta problemi con reindirizzamenti temporanei, che incidono sulla percentuale di 32.60 delle loro pagine.
  • Gli 58% di negozi di e-commerce presentano vari errori 4XX, che influiscono sulla percentuale di 2.54 delle loro pagine.
  • 70% dei negozi online ha impedito ai bot di eseguire la scansione di conseguenza, influenzando la 15.67% delle loro pagine.
  • 25% dei siti di e-commerce sta riscontrando reindirizzamenti permanenti su 4.73% delle loro pagine web.


Errori di siti Web di e-commerce Robots.txt

Strettamente correlato all'intero aspetto della scansione è Robots.txt. In poche parole, questo è un file che alimenta i motori di ricerca per far loro conoscere le precise aree del sito Web che possono esaminare e indicizzare, oltre alle sezioni che preferiresti escludere dai risultati di ricerca.

Pertanto, considerando il suo ruolo di fondamentale importanza, Robots.txt è una risorsa che nessun sito di e-commerce può permettersi di ignorare. Comunque, e piuttosto, sorprendentemente, SEMrush lo ha scoperto 16.81% delle aziende di e-commerce deve ancora sfruttare Robots.txt. E poi tra quelli che l'hanno implementato, 10.11% non ha un formato Robots.txt valido

Errori di collegamento interno al sito di e-commerce

Ammettilo. Il processo di collegamento interno al tuo sito è abbastanza semplice. Collegando parti di contenuto correlate tra le tue pagine web, aiuterai sia i motori di ricerca che i visitatori del tuo sito a stabilire la connessione.

Detto questo, questo è probabilmente l'ultimo posto in cui ti aspetteresti di trovare molti errori ricorrenti. Ma, purtroppo, 75.89% dei siti di e-commerce ospita collegamenti interni non funzionanti.

Nondimeno, il problema più rilevante qui è il collegamento inadeguato, dal momento che 95.97% dei negozi online ha pagine con un solo collegamento interno, che influisce sulla percentuale di 26.20 delle loro pagine web.

Altri errori comuni del sito di e-commerce

38.86% dei siti di e-commerce non ha sitemap.

38.63% dei negozi online ha pagine non corrette nelle loro sitemap.

22.28% dei siti di e-commerce ha URL troppo lunghi

27.53% dei negozi online utilizza troppi parametri URL

54.83% delle aziende di e-commerce hanno caratteri di sottolineatura nei loro URL

51.33% dei siti di e-commerce ha JavaScript non compresso e file CSS.

79.54% delle aziende online ha file JavaScript e CSS non ancora terminati.

79.85% dei negozi online registra una velocità di caricamento delle pagine ridotta.

Come evitare gli errori comuni del sito di e-commerce

Anche se la maggior parte di questi errori del sito web di e-commerce può essere comprensibilmente complessa, abbiamo anche esplorato un paio di problemi sorprendentemente semplici. Sto parlando di problemi che in precedenza avevamo ipotizzato che i negozi online seri non avrebbero dovuto affrontare 2019.

Ma poi di nuovo, in tutta onestà, l'ecommerce è un ecosistema estesamente esigente con numerose variabili e tendenze che si trasformano su base regolare. Persino Google stesso aggiorna il suo algoritmo di ricerca centinaia di volte all'anno, complicando ulteriormente le cose per tutti i siti aziendali.

Quindi, affrontiamo i fatti qui. È letteralmente impossibile tenere il passo con tutti i potenziali requisiti del sito e-commerce. Tuttavia, immagino che potresti rendere tutto molto più semplice sfruttando risorse come gli strumenti di controllo del sito. Leggi il nostro recensioni dettagliate per scoprire come capitalizzare su di loro per identificare e correggere anche gli errori più tecnici del sito di e-commerce.

Immagine in vetrina tramite Shutterstock

Davis Porter

Davis Porter è un esperto di e-commerce B2B e B2C particolarmente ossessionato dalle piattaforme di vendita digitale, dal marketing online, dalle soluzioni di hosting, dal web design, dal cloud tech e dai software di gestione delle relazioni con i clienti. Quando non sta testando varie applicazioni, probabilmente lo troverai costruendo un sito Web o tifando per l'Arsenal FC.