Cos'è un rivenditore?

Cosa significa retail?

Il retail è il processo di vendita di beni e servizi direttamente ai consumatori. È fatto attraverso più canali di vendita nel tentativo di realizzare un profitto.

E a rivenditore?

Fondamentalmente, un rivenditore è qualsiasi individuo che gestisce la propria attività tramite a mattone e malta negozio o su un online piattaforma di e-commerce.

Una transazione al dettaglio è di solito completata una volta che l'acquirente paga per i beni o servizi ricevuti. Grandi rivenditori come Amazon, Walmart, Tesco e Sainsbury sono progettati per esporre prodotti da produttori o grossisti. Successivamente vengono venduti ai consumatori in linea con la tecnica del prezzo di markup.

Ci sono prodotti specifici nel mercato che richiedono che un rivenditore sia debitamente registrato. Se, per esempio, voglio vendere prodotti Apple ai consumatori nel mio negozio, ho bisogno di una documentazione adeguata che accerti che sono un rivenditore autorizzato. Ricorda, ho bisogno di trasferire la garanzia del prodotto dal produttore ai miei clienti in buona fede.

Questo supporta il motivo fondamentale per cui è altamente consigliabile acquistare l'elettronica da rivenditori certificati. Nel caso in cui il prodotto abbia difetti di fabbricazione, un acquirente è protetto dalla garanzia che contiene un'efficace politica di restituzione. Nella maggior parte dei casi, i rivenditori non vendono merci che hanno fabbricato da soli. Piuttosto, lavorano come intermediari tra il produttore, il distributore o il grossista e il compratore finale.

A questo punto, devi essere a conoscenza del fatto che i rivenditori importanti come Amazon o anche Alibaba non sono gli unici attori sul mercato. Abbastanza interessante, un rivenditore potrebbe essere quel piccolo negozio intorno al tuo blocco che vende vestiti di marca. Nell'ordinario corso delle cose, i rivenditori spesso vendono prodotti così gentili ai loro potenziali clienti;

  • mobili e altri articoli per la casa
  • abbigliamento
  • libri
  • accessori automobilistici
  • gioielli

Le principali funzioni dei rivenditori

Ci si aspetta che un rivenditore fornisca servizi eccezionali ai consumatori.

In genere, i grossisti ricevono i loro prodotti dai produttori. Un rivenditore preleverà quindi i prodotti dal grossista. È così semplice. Un produttore si impegna a cercare materie prime, manodopera e produrre un prodotto finito. Un rivenditore dovrà quindi vendere i beni al consumatore ad un prezzo di vendita consigliato.

Tutti i compiti di magazzino e archiviazione sono lasciati nelle mani dei rivenditori. Fa parte dell'intero processo logistico. Ma praticamente, non possono farlo da soli. Avranno bisogno di esternalizzare i servizi di ordine globale adempimento piattaforme.

Per massimizzare la soddisfazione del cliente, ci sono casi in cui un rivenditore deve offrire beni all'acquirente a credito. Di conseguenza, devono includere un piano di gestione del rischio per non accumulare così tanti crediti inesigibili. Oltre a ciò, la qualità del prodotto deve essere in prima linea rispetto agli obiettivi di un commerciante.

E la logica è abbastanza semplice. Per evitare ritorni o anche riaddebiti che alla fine riducono i margini di profitto. Introducono nuovi prodotti sul mercato e raggiungono tutti i potenziali clienti per istruirli sullo stesso.

In che modo i rivenditori promuovono i loro prodotti?

Ci sono così tante strategie di marketing aperte ai rivenditori. Al giorno d'oggi, i social media hanno guadagnato terreno rispetto ai metodi pubblicitari tradizionali. Annunci sponsorizzati su Facebook e Instagram o anche su email marketing sono alcune delle strategie dominanti utilizzate dai rivenditori per pubblicizzare i loro prodotti. In altre parole, essere visibili nel social network è un piano di gioco vincente su cui spesso fanno affidamento i commercianti.

Quello che sembra funzionare per la maggior parte dei rivenditori è il branding. Avere un nome univoco e il logo fanno sì che i clienti acquistino fiducia nei tuoi prodotti. I rivenditori possono procurarsi i prodotti dai distributori e personalizzare l'imballaggio come mezzo per promuovere il proprio marchio aziendale.

Le vendite flash sono la nuova norma nel settore E-commerce. È un mezzo per catturare gli occhi dei clienti. Dopo tutto, il commerciante venderà prodotti a un prezzo molto basso che attira i clienti a fare un acquisto.

Brick and Mortar Vs E-commerce Retail

È fuori discussione che lavorare senza un piano collaudato è un sogno spaventoso per la maggior parte dei rivenditori. Queste due strade sono le strategie più dominanti per quasi tutti i rivenditori. Quest'ultima, tuttavia, sta prendendo piede in vari modi. Per cominciare, ci sono eccezionali piattaforme di vendita al dettaglio e-commerce che hanno dimostrato di essere altamente produttive per la maggior parte dei rivenditori. Tra questi includono;

  1. Shopify (recensione completa qui)
  2. BigCommerce (recensione completa qui)
  3. WooCommerce (recensione completa qui)
  4. Volusion (recensione completa qui)
  5. 3dcart (recensione completa qui)

Solo per citarne alcuni.

È abbastanza evidente che l'attività di drop-shipping è qui per rimanere. A differenza di un negozio di mattoni e malta, un rivenditore non ha bisogno di avere un negozio da qualche parte per le strade. Hanno solo bisogno di caricare i loro prodotti sul loro account di negozio online. Indubbiamente è meno costoso per un rivenditore vendere i propri prodotti online piuttosto che andare in un luogo fisico.

D'altra parte, dovresti considerare le esigenze del mercato. Cose come i materiali di consumo avranno sicuramente bisogno di un rivenditore per investire in un negozio di mattoni e malta per migliorare la rapida consegna del servizio.

Vendita al dettaglio di nicchia

Questa è una strategia di marketing comune che al momento è al centro dell'attenzione. I rivenditori capiscono quanto sia opprimente essere un tuttofare. I rivenditori di nicchia sono quei commercianti che si occupano di prodotti specifici sul mercato.

E non è tutto.

Per ottenere il massimo da una simile impresa, un rivenditore deve conoscere il mercato di riferimento. Inoltre, monitorano da vicino la maggior parte dei clienti. Con la diffusione di Google Trends, si può facilmente sapere come una nicchia specifica abbia guadagnato popolarità in una determinata regione.

Supponiamo di voler scegliere abbigliamento da palestra come mia nicchia, vedo il punteggio che equivale alla frequenza con cui la frase chiave e i suoi argomenti correlati sono stati cercati su Google. I rivenditori trovano più facile concentrarsi su una nicchia specifica poiché possono mettere tutta la loro energia sul marketing del prodotto.

Un rivenditore ha bisogno di un punto vendita?

A Punto vendita è abbastanza essenziale per molti proprietari di negozi al dettaglio. Ciò che dimostra la sua importanza è la capacità di gestire i pagamenti da parte dei clienti. Un processore di pagamento mobile è un must nel settore della vendita al dettaglio. Inoltre, il rivenditore deve utilizzare un sistema che ordina l'inventario in modo sistematico.

Un rivenditore deve lavorare con cifre precise ed è qui che entra in gioco un potente sistema di vendita al dettaglio. Se un rivenditore decide di vendere articoli online, l'intero processo di checkout dovrebbe essere senza soluzione di continuità.

In qualsiasi attività di vendita al dettaglio, il proprietario del negozio deve registrare tutte le transazioni di pagamento. In quale altro modo sapranno i reali margini di profitto? Oltre a ciò, un sistema POS competente consente a un commerciante di ottenere tutti gli aggiornamenti a livello di magazzino per tutte le vendite. Cercando il sistema POS più adatto, i rivenditori dovrebbero essere consapevoli dei clienti che effettuano pagamenti tramite carte di credito. Devono considerare l'utilizzo di un lettore di schede che accetta le principali marche di carte e si integra facilmente con il sistema POS.

Ecco alcuni termini di base nella vendita al dettaglio

  1. Magazzino unitario È più di un sistema di codifica di inventario. Ad ogni prodotto viene assegnato un numero SKU per identificare la variante, il prezzo e il marchio tra le altre caratteristiche.
  2. Flusso di cassa- Si riferisce all'aspetto di liquidità del business. Un rivenditore deve tenere traccia di quanti soldi stanno arrivando e della quantità che esce dal business. Il commerciante deve fare un accantonamento per tutti i debiti e le spese operative in modo da gestire il business in modo efficiente in base al flusso di cassa.
  3. Ammortamento- Questo è il decremento del valore del bene che si utilizza per gestire il commercio al dettaglio. Il mercante mette da parte del denaro per sostituire i beni una volta che esauriscono la loro durata di vita.
  4. Utile lordo- È l'ammontare totale di denaro che un commerciante fa dopo aver dedotto tutti i costi legati alla produzione e alla vendita di un prodotto. Questo include i servizi che vengono forniti come parte della vendita, come la spedizione, se è il rivenditore che deve pagare per questo. Deve riflettere sul conto economico e per calcolarlo, è necessario sottrarre il costo delle merci vendute dalle vendite totali.
  5. Inventario del fatturato È un rapporto che indica il numero totale di volte in cui l'inventario è stato utilizzato o sostituito in un periodo di tempo stabilito. Questo confronta i livelli delle scorte sul numero totale di vendite in un anno. Per calcolare il fatturato dell'inventario, è necessario dividere il costo totale dei beni venduti rispetto all'inventario medio in un determinato momento, che di solito è un anno.
  6. Conto economico È un rapporto che fornisce una rappresentazione chiara di tutte le entrate e le spese in un determinato periodo. Si riferisce anche a una dichiarazione dei redditi. Aiuta ad analizzare come l'azienda sta facendo le sue vendite, tutte le spese e le entrate totali.
  7. Spese di vendita Questi sono tutti i costi che maturano durante la commercializzazione e la distribuzione di un prodotto. Le spese di marketing derivano dalle spese pubblicitarie sui social media. Se un rivenditore vende tramite un canale di commercio elettronico di terze parti come Shopify, la necessità di pagare il piano su base mensile.

Il termine rivenditore può anche essere usato per descrivere anche i venditori meno tradizionali. Un artista che vende intagli o dipinti in mercati o fiere è anche un rivenditore. Quindi è un camion di cibo se stanno vendendo al pubblico con l'obiettivo di realizzare un profitto.

Oltre alla vendita di prodotti, i rivenditori possono anche essere fornitori di servizi. Ad esempio, la maggior parte dei rivenditori di elettrodomestici offre anche l'assicurazione sui loro prodotti sotto forma di garanzie estese, e alcuni offrono anche servizi di consegna, installazione o riparazione.

Diventa un esperto di e-commerce

Inserisci la tua email per iniziare la festa