Una guida passo passo alla SEO tecnica

Se sbagli il SEO tecnico del tuo sito, tutto il resto va in malora. Se lo fai bene, probabilmente hai risolto il problema numero uno dell'ottimizzazione e della conversione del sito.

In uno studio, 59 percento degli appassionati di SEO ha definito l'ottimizzazione tecnica in loco come la loro strategia SEO più efficace. Per le aziende enterprise e di livello medio, tale cifra va rispettivamente al 65.4 e al 66.7%.

Cosa c'è di più?

  • Il quarantasette percento degli utenti del sito si aspetta che una pagina venga caricata entro due secondi
  • Passare da un secondo a dieci secondi di caricamento probabilmente invierà la tua frequenza di rimbalzo a 123 per cento
  • Per ogni secondo di ritardo nel tempo di caricamento, la conversione della tua pagina crolla del 12 percento
  • Google declasserà il tuo sito se le persone visitano e tornano ai motori di ricerca in meno di cinque secondi

Probabilmente sarai d'accordo: devi capire cos'è la SEO tecnica e come puoi ottenerla nel modo giusto.

Che cos'è il SEO tecnico?

I motori di ricerca danno la priorità ai siti Web che mostrano caratteristiche tecniche specifiche, come il design reattivo o un tempo di caricamento rapido, rispetto a quelli che non lo fanno. Ottenere la corretta SEO tecnica garantisce che il tuo sito web venga visualizzato nei risultati di ricerca.

La SEO tecnica è una raccolta di pratiche per ottimizzare la struttura e il contenuto del tuo sito web in modo che i motori di ricerca e i visitatori umani possano utilizzarli senza problemi. Se fai un ottimo lavoro, i motori di ricerca:

  • Trova il sito
  • Accedi al suo contenuto
  • Scansiona le pagine
  • Interpretare correttamente il contenuto e la struttura del sito
  • Indicizza le pagine del sito in modo che vengano visualizzate nei risultati di ricerca

In effetti, godrai di risultati di ricerca migliori e di classifiche più elevate. Più persone ti troveranno, interagiranno con i tuoi contenuti e si convertiranno in lead.

La SEO tecnica funziona anche al contrario.

Se commetti errori tecnici sul tuo sito, possono costare a te e alla tua attività. Non sarai il primo a impedire ai bot dei motori di ricerca di eseguire la scansione del tuo sito rovinando involontariamente le cose nel tuo file robots.txt.

Quindi, devi sapere cosa stai facendo.

Basato su questo lista di controllo SEO tecnica, questo articolo fornisce una guida passo passo che puoi utilizzare per creare il tuo audit tecnico SEO.

Cominciamo.

Indicizza le pagine del tuo sito

Un indice è un nome per il database utilizzato da Google, Yahoo o qualsiasi altro motore di ricerca. Questi indici contengono dettagli su tutti i siti web che i motori di ricerca possono trovare.

Se un sito web non è nell'indice di un motore di ricerca, gli utenti non lo individueranno. Quindi, nessun traffico organico. E il traffico di ricerca organico è vitale per far crescere il tuo sito web e la tua attività.

Il quarantanove percento dei professionisti del marketing afferma che la ricerca organica ha il miglior ritorno sull'investimento di qualsiasi canale di marketing.

Come indicizzare le pagine del tuo sito

Esploriamo come indicizzare il tuo sito su Google, Yahoo e Bing.

Come inviare l'URL a Google

Prima di iniziare, digita sito: yourdomain.com in Google. Nessun risultato verrà visualizzato se la tua pagina non è indicizzata.

Quindi, se non riesci a trovare il tuo sito nell'elenco dei risultati di Google, procedi nel seguente modo:

1. Configurare Google Search Console sul sito web

Devi configurare la Search Console e verificare di essere il proprietario del sito web. Istruzioni dettagliate su come farlo sono qui.

2. Invia la mappa del sito

Una potente mappa del sito funge da guida che porta Google a tutti i tuoi URL pertinenti. La tua mappa del sito si trova solitamente in tuodominio.com/sitemap.xml. Se non lo trovi lì, controlla il tuo file robots.txt - controlla tuodominio.com/robots.txt.

Una volta trovata la mappa del sito, è necessario inviarla tramite il webmaster come questo:

Search Console> seleziona la tua proprietà> Sitemap> incolla l'URL della tua sitemap> fai clic su "invia"

Come inviare un URL a Yahoo e Bing

Con diversi miliardi di pagine nel loro indice di ricerca, Bing e Yahoo sono luoghi eccellenti per includere le tue pagine web. Da quando Bing ha ritirato il suo strumento di invio di URL pubblici a settembre 2018, ora devi inviare una mappa del sito in Bing Webmaster Tools.

Strumenti per i Webmaster> "aggiungi il tuo sito"> compila il modulo> fai clic su "invia"

Non ci sono sforzi aggiuntivi per inviare il tuo sito a Yahoo. L'indice di Bing alimenta il motore di ricerca, quindi lo hai inviato automaticamente a Yahoo quando lo invii a Bing.

Perché l'indicizzazione delle pagine è importante

L'invio manuale del sito ti aiuta a indicizzare il tuo sito più velocemente. Quindi faresti in modo che i motori di ricerca eseguano la scansione del tuo sito non appena pubblichi nuovi contenuti.

Correggi gli errori di scansione

Quando i motori di ricerca eseguono la scansione del tuo sito e riscontrano errori, rendono il tuo sito inappropriato per posizionarsi in alto nei risultati di ricerca.

Puoi trovare gli errori di scansione del tuo sito nel rapporto Copertura indice nella dashboard di Search Console.

Google ha smesso di segnalare errori del sito. Ora segnala gli errori di scansione a livello di sito nel file Rapporto sulla copertura dell'indicee puoi trovare singoli errori di scansione a livello di URL in lo strumento Controllo URL.

Ecco un'istantanea degli errori che puoi monitorare nella dashboard di Google Search Console:

Utilizza lo strumento di controllo degli URL di Google

Usa il Strumento di controllo URL per trovare errori a livello di singola pagina. Puoi trovare questo strumento in Search Console.

Errori del server

Un errore del server indica che Google non è riuscito a caricare una pagina a causa di un problema del server. Gli errori del server potrebbero verificarsi quando il tuo sito web è sovraccarico di traffico che il server non può gestire.

Tuttavia, la correzione di un errore del server dipende dal tipo di errore del server che stai ricevendo. Gli errori comuni del server includono:

  • timeout
  • Reset della connessione
  • Intestazioni troncate
  • connessione rifiutata
  • Connessione fallita
  • Connetti timeout
  • Nessuna risposta

Per ulteriori suggerimenti per correggere ciascuno di questi errori, puoi farlo controllare qui.

Fallimento dei robot

Un errore di Robots significa che Google non è stato in grado di recuperare il tuo file robots.txt, che si trova in yourdomain.com/robots.txt.

Se ricevi questo errore, dovresti ricontrollare come hai impostato il tuo file robots.txt. Scopri quali pagine hai chiesto a Google di non eseguire la scansione.

Inoltre, controlla tre volte la presenza di un file Disallow: / line e assicurati che la riga NON esista, a meno che tu non voglia che il tuo sito web venga visualizzato nei risultati di ricerca di Google.

Se il tuo file è in ordine e continui a ricevere errori, utilizza uno strumento di verifica dell'intestazione del server per verificare se il tuo file restituisce un errore 200 o 404.

È importante notare che non avere alcun file robots.txt è meglio che averne uno configurato in modo errato.

Come correggere gli errori di URL

Per la maggior parte dei siti, Google Search Console mostrerà i principali errori URL per categoria: desktop, smartphone e feature phone. Per i siti di grandi dimensioni, tuttavia, potrebbe non fornire dati sufficienti per mostrare tutti gli errori.

404 morbidi

Sebbene il suo nome possa essere fuorviante, un 404 soft non restituisce un codice di stato 404. Una pagina soft 404 restituisce uno stato HTTP 200, che è principalmente una pagina vuota.

Il modo più affidabile per risolverlo è renderli utili aggiungendo contenuti alle pagine o non indicizzarli, in modo che i motori di ricerca non li vedano più.

404 o errori non trovati

Questo errore si verifica quando un motore di ricerca ha richiesto un URL sul tuo sito che è inesistente. Anche se vedere molti di questi URL "404 o non trovati" nel rapporto Errori di scansione potrebbe essere preoccupante, non è così terribile come sembra.

Nota sulle linee guida di Google che gli errori 404 non influiscono sull'indicizzazione o sul posizionamento del tuo sito. Con quel lato, dovresti sapere che riparare i tuoi 404 dipende dalla causa. Potrebbe essere semplice come

  • Correzione di errori di battitura in un collegamento interno
  • Aggiunta di una pagina
  • Reindirizzare l'URL a un altro contenuto pertinente sul tuo sito se si tratta di un URL che le persone pensano che esista

Se è una pagina che non vuoi rianimare, puoi reindirizzarla 301 alla pagina più pertinente.

Errori di accesso negato

Questi errori si verificano quando un motore di ricerca non è autorizzato ad accedere a una determinata pagina. Gli errori di accesso negato sono generalmente causati da:

  • Pagine non consentite da robots.txt
  • Password che protegge la pagina
  • Il tuo provider di hosting blocca Googlebot

Se desideri che le pagine bloccate vengano visualizzate nei risultati di ricerca, dovrai correggere ciò che blocca i motori di ricerca. Inoltre, dovresti:

  • Rimuovi il requisito di accesso dalla pagina
  • Rimuovi l'URL dal tuo file robots.txt
  • Utilizza il tester robots.txt per controllare gli avvisi nel file robots.txt
  • Utilizza il file robots.txt per testare i singoli URL sul tuo file
  • Contatta il tuo provider di hosting per autorizzare Googlebot
  • Usa Screaming Frog per scansionare il tuo sito, potrebbe chiederti di accedere

Errori non seguiti

Da non confondere con un'istruzione di collegamento "no-follow"

Errori "non seguito" significa che Google non può seguire quel particolare URL. Questi errori si verificano spesso quando Google si imbatte in problemi con Flash, Javascript, cookie o reindirizzamenti.

Per correggere questo errore, utilizza lo strumento Controllo URL o il browser di testo Lynx per visualizzare il sito come farebbe Google. Puoi anche utilizzare un componente aggiuntivo di Chrome come User-Agent Switcher per imitare Google mentre navighi nelle pagine.

Se non vedi il caricamento delle pagine o non vedi contenuti importanti sulla pagina, probabilmente hai trovato il tuo problema. I motori di ricerca necessitano di link e contenuti per eseguire la scansione.

Perché è importante correggere gli errori di scansione

Gli errori di scansione influiscono in modo significativo sul posizionamento del tuo sito web nella Ricerca Google. Se non viene rilevato o ignorato, il tuo sito diventa invisibile al tuo mercato di riferimento.

Interrompi il caricamento del tuo sito web in iFrame

Quando si tratta di iFrame, il male supera il buono. Possono fornire codice dannoso - virus, trojan o spyware - a un computer.

Utilizzeresti iFrame per impostare i cookie sul tuo computer. Questi cookie potrebbero non lasciare mai anche dopo averli cancellati dal browser.

Come bloccare il tuo sito dal caricamento iFrame

Sebbene tu possa bloccare il caricamento del tuo sito iFrame in due modi: X-Frame-Options e Content-Security-Policy - ci concentreremo sulla prima tattica.

Perché?

Più browser supportano l'intestazione X-Frame-Options rispetto all'opzione Content-Security-Policy. Con questo in mente, dovresti sapere che l'intestazione X-Frame-Options ha tre impostazioni:

  • L'impostazione DENY, che blocca tutte le richieste di iFrame,
  • L'impostazione SAMEORIGIN che consente al tuo sito di iFrame il suo contenuto e
  • L'impostazione ALLOW-FROM ti consente di scegliere posizioni attendibili che possono iFrame le tue pagine. È necessario prestare attenzione quando si utilizza questa opzione perché non è riconosciuta da tutti i browser e potrebbe lasciarti vulnerabile agli attacchi.

Blocca iFrame usando .htaccess

Se condividi l'hosting del tuo sito, probabilmente non avrai accesso alla configurazione di Apache. Fortunatamente, puoi impostare l'intestazione X-Frame-Options inserendo uno dei seguenti codici nel tuo file .htaccess:

header set x-frame-options DENY - per impedire agli utenti di utilizzare iFram sul tuo sito

header set x-frame-options SAMEORIGIN - negare gli utenti, ad eccezione di quelli con la stessa origine, iFraming il tuo sito

header set x-frame-options ALLOW-FROM https: //il tuodomain.com - per negare agli utenti, ad eccezione dei domini specificati, di utilizzare iFraming del tuo sito

Rinomina il tuodomain.com al dominio a cui desideri concedere l'accesso a iFraming.

Blocco di iFrame su Apache

Se non utilizzi l'hosting condiviso e puoi accedere ai tuoi file Apache, puoi aggiungere il seguente codice nel tuo file file httpd.conf:

intestazione imposta sempre x-frame-options "SAMEORIGIN"

Blocco di iFrame su Nginx

Per questo, dovrai aggiungere le seguenti righe alla configurazione del blocco del server:

intestazione imposta sempre x-frame-options "SAMEORIGIN"

Blocco di iFrame su Internet Information Services (IIS)

Se stai usando Windows per il tuo sito web, dovrai aggiungere le seguenti righe al tuo file file web.config:

...

...

Alternativamente, utilizzare la GUI di Gestione IIS per configurare i tuoi diritti iFraming:

  • Apertura di IIS Manager
  • Espandere il Cartella siti, che dovrebbe essere sotto Riquadro connessioni sul lato sinistro e scegli il sito che intendi proteggere
  • Doppio clic sul Icona delle intestazioni di risposta HTTP, che apparirà nell'elenco delle caratteristiche al centro
  • Facendo clic su Aggiungi nei Riquadro azioni dal lato giusto
  • Digitando X-Frame-Options nei Campo nome della finestra di dialogo che appare
  • Digitando SAMEORIGIN nel campo Valore e
  • Dacci un'occhiata cliccando OK per salvare le modifiche

Perché è importante bloccare gli iFrame

Usando il SAMEORIGIN x-frame-options header per il tuo sito web protegge te e i tuoi utenti da clickjacking, frode o furto di contenuti.

Controlla Robot.txt

Un modo per promuovere l'ottimizzazione dei motori di ricerca è assumere un maggiore controllo su come i motori di ricerca eseguono la scansione del tuo sito. Questo è quello che fai con il file robots.txt.

Il file robots.txt è anche chiamato protocollo o standard di esclusione dei robot.

Il file robots.txt indica ai robot dei motori di ricerca di non eseguire la scansione di pagine o sezioni distinte di un sito web.

Come creare un file robots.txt

Essendo un file di testo, puoi creare facilmente un file robots.txt utilizzando il blocco note di Windows. Fortunatamente, il formato per crearne uno è lo stesso.

Agente utente: X

Non consentire: Y

Dove user-agent è il bot specifico a cui ti stai indirizzando e tutto ciò che viene dopo "disallow" sono gli URL che desideri bloccare.

Per esempio:

Agente utente: googlebot

Disallow: / pictures

Questa regola dice automaticamente a Googlebot di non indicizzare la cartella delle immagini del tuo sito. Puoi anche utilizzare un asterisco (*) per indicare ai bot che eseguono la scansione del tuo sito web.

Per esempio:

User-agent: *

Disallow: / videos

L'asterisco "*" dice a tutti i bot di non eseguire la scansione della cartella dei video.

Come trovare un file robots.txt

Una volta che il file robots.txt è pronto, dovrebbe essere posizionato nella directory di primo livello del tuo sito web. DEVE essere denominato "robots.txt" perché distingue tra maiuscole e minuscole.

Tu e chiunque altro potete trovare il file robots.txt aggiungendo /robots.txt alla fine di qualsiasi dominio principale, ad esempio, https://www.google.com/robots.txt.

Come ottimizzare robots.txt per SEO

Il modo in cui ottimizzi il tuo file robots.txt dipende dal contenuto del tuo sito. Esistono diversi modi per utilizzare il file robots.txt a tuo vantaggio.

Un modo è dire ai bot di non eseguire la scansione dei tuoi siti grazie alle pagine. Quindi se quella pagina si trova in https://yourdomain.com/thank-you/, bloccarlo nel file robots.txt sarebbe simile a questo:

User-agent: *

Disallow: / grazie /

Come testare il tuo file robots.txt

Dopo aver creato o modificato, trovato e ottimizzato il file robots.txt, dovrai testare tutto per assicurarti che funzioni correttamente.

Per fare ciò, accedi al tuo Google Webmaster Conto e seguire la direzione qui.

Hai la possibilità di inviare il tuo robots.txt aggiornato file o testa il file robots.txt del tuo sito per sapere se sta bloccando i crawler di Google.

Fai clic sul pulsante Tester del file robots.txt.

Seleziona la proprietà la proprietà giusta dal menu a discesa.

Dopo aver selezionato una proprietà, ti indirizza a un editor. Se nella casella è già presente un codice, eliminalo e sostituiscilo con il file robots.txt appena creato.

Fai clic su "Test."Dovrebbe essere nella parte inferiore destra dello schermo.

Se la "prova"Il testo cambia in"Permesso, "Significa che il tuo file robots.txt è valido.

In caso di problemi, è possibile modificare la sintassi direttamente nel tester.

Continua a eseguire i test finché tutto è regolare, quindi carica il tuo file robots.txt nella tua directory principale (o salvalo lì se ne avevi già uno).

Perché è importante controllare il tuo Robots.Txt

Se fatto correttamente, dovrebbe esserci un aumento della visibilità della tua ricerca. Robots.txt massimizza anche i budget di ricerca per indicizzazione dei motori di ricerca istruendoli a non eseguire la scansione delle parti del tuo sito Web che non è necessario classificare nelle SERP.

Puoi imparare utilizzando robots.txt e le sue sintassi qui.

Pagine del sito Deindex

Anche se l'indicizzazione delle tue pagine può aumentare la tua autorità sulle pagine dei risultati dei motori di ricerca, la deindicizzazione è altrettanto efficace.

Come?

Deindicizzare le pagine significa che i risultati dei motori di ricerca indirizzano il traffico alle pagine pertinenti. Impedisce la visualizzazione di pagine non importanti quando gli utenti cercano sul Web i tuoi contenuti.

Le pagine che dovrebbero essere deindicizzate includono:

  • Contenuti duplicati
  • Grazie pagine
  • Pagine di amministrazione e accesso
  • Risultati di ricerca interni

Come deindicizzare le pagine del sito

Esistono due modi per deindicizzare le pagine del tuo sito web.

Utilizzo di meta tag

I meta tag - tag noindex e nofollow - sono un modo semplice per deindicizza le pagine dalle classifiche di ricerca. Mentre l'aggiunta di un tag noindex impedisce la visualizzazione delle pagine su qualsiasi pagina dei risultati dei motori di ricerca (SERP), un tag nofollow impedisce ai motori di ricerca di eseguire la scansione dei link sulla pagina selezionata.

Inserire i tag è semplice come aggiungere il tag che hai copiato nella sezione Hypertext Markup Language della tua pagina. Apri semplicemente il codice sorgente della pagina web che intendi deindicizzare. Quindi, incolla il tag in una nuova riga all'interno del file sezione del codice HTML.

Evita sempre di incollare un tag noindex o nofollow al di fuori del file tag in quanto indica la fine dell'intestazione. Salva le modifiche al codice e il gioco è fatto.

Crea un file robots.txt

Oltre ai dettagli condivisi sopra, eccone alcuni codici robots.txt potrebbe essere utile:

Consentire l'indicizzazione di tutto:

User-agent: *

Disallow:

or

User-agent: *

Allow: /

Non consentire indicizzazione:

User-agent: *

Non consentire: /

Deindicizzare una cartella specifica:

User-agent: *

Disallow: / cartella /

Perché la deindicizzazione di alcune pagine del sito è importante

Controlla cosa trovano gli utenti. Indirizza il traffico a pagine pertinenti e impedisce la visualizzazione di pagine non pertinenti quando gli utenti cercano i tuoi contenuti tramite Google.

Usa Sitemap XML

Una mappa del sito è un formato XML, che elenca gli URL del sito, ognuno dei quali ha metadati specifici. Le mappe dei siti XML sono essenziali per la SEO poiché rendono più facile per i motori di ricerca trovare siti Web.

Come creare Sitemap per le immagini

Creando una mappa del sito XML per le immagini, è probabile che le immagini del sito vengano visualizzate nei risultati di ricerca di Google. L'utilizzo di una mappa del sito XML per le immagini aiuterà anche un motore di ricerca a trovare i contenuti caricati utilizzando JavaScript.

I tag principali per descrivere le immagini includono:

- informazioni su un'immagine.

- URL dell'immagine.

- didascalia all'immagine.

- posizione dell'immagine

- l'URL della licenza dell'immagine.

Come creare Sitemap per i video

Grazie a metadati aggiuntivi, la probabilità che un video venga visualizzato nei risultati di ricerca di Google in posizioni più alte aumenta.

I tag principali per la creazione di Sitemap video includono:

- pagina web della posizione del video

- il titolo del video (fino a 100 caratteri)

- la posizione del lettore del video

- il posizionamento di un video specifico

- l'anteprima del video (non deve superare i 120 × 90 pixel)

- un contenitore per descrivere il video

- la descrizione del video (fino a 2000 caratteri)

Se preferisci evitare la seccatura manuale, puoi usare:

  • PowerMapper Desktop
  • Urlando Frog
Se utilizzi WordPress, questi plugin possono generare una mappa del sito XML. Una terza opzione è usare creatori di sitemap XML online ad esempio
Yoast XML-Sitemap
Google XML Sitemaps XML Sitemap Generator
Rank Math My Sitemap Generator
Premium SEO pack Mappa del sito web
All in One SEO pack

Perché è importante utilizzare le Sitemap

L'utilizzo di una mappa del sito XML rende i crawler dei motori di ricerca più efficienti in

  • Priorità alle pagine web
  • Correzione della frequenza di aggiornamento delle pagine di un sito e
  • Scansione di contenuti multimediali

Le Sitemap XML sono fondamentali anche per la scansione del feed di notizie del sito e per l'indicizzazione di tutte le pagine necessarie.

Usa tag hreflang per impostazioni multilingue

Se il tuo sito web ha contenuti in diverse lingue, l'attributo hreflang deve essere riconosciuto e utilizzato. Ad esempio, se Google "Sito ufficiale di Amazon" negli Stati Uniti, questo è il primo risultato:

Se facciamo la stessa ricerca in Francia, vediamo questa versione della pagina:

Hreflang lo rende possibile.

Come creare tag hreflang

I tag hreflang utilizzano una sintassi facile da ricordare e coerente:

Ecco una ripartizione di ogni codice:

  • link rel = "alternate": Il collegamento in questo tag è una versione alternativa di questa pagina.
  • hreflang = "y": È alternativo perché è in una lingua diversa e quella lingua è y.
  • href = "https://samplesite.com/alternate-page": La pagina alternativa può essere trovata a questo URL.

Quindi, per gli anglofoni negli Stati Uniti, un tag Hreflang sarebbe:

<link rel = "alternate" hreflang = "en-us" href = "https://example.com/us/yes" />

Per chi parla inglese nel Regno Unito, sarebbe:

<link rel = "alternate" hreflang = "en-gb" href = "https://example.com/uk/yes" />

Come implementare i tag Hreflang

Google riconosce tre modi di utilizzare i tag hreflang:

  • Tag HTML: Puoi implementarlo aggiungendo qualsiasi tag hreflang appropriato nel file tag della tua pagina web.
  • Intestazioni HTTP: Se hai una pagina non HTML come un PDF, puoi utilizzare le intestazioni HTTP per specificare la lingua relativa delle varianti del documento.
  • Sitemap: Poiché le Sitemap possono includere markup pertinente per specificare l'hreflang di una pagina e le sue varianti, puoi utilizzare il XHTML: collegamento attributo.

Puoi anche fare affidamento su strumenti SEO come Rank Math e Yoast per eseguire tag hreflang sul tuo sito.

Errori da evitare durante la creazione di tag Hreflang

Sebbene questi errori sembrino evitabili, rimarrai sorpreso dalla frequenza con cui si verificano. Loro includono:

  • Indicare una versione in lingua diversa del sito web nel tag canonico
  • Utilizzo di URL relativi
  • Inserisci il prefisso internazionale sbagliato. Ad esempio, se utilizzi hreflang = "uk" invece di hreflang = "en-gb" per il Regno Unito

Perché è importante utilizzare i tag Hreflang

Fornire assistenza alla lingua madre di un utente del motore di ricerca migliora l'esperienza dell'utente. Ciò si traduce spesso in un minor numero di persone che fanno clic fuori dalla tua pagina e tornano ai risultati di ricerca.

L'implementazione dei tag hreflang si traduce anche in un maggiore tempo trascorso sulle tue pagine e una frequenza di rimbalzo inferiore. Tutti questi alla fine hanno un impatto positivo sulla SEO e sul posizionamento del sito.

Confermare l'impostazione corretta dei tag canonici

I tag canonici aiutano i motori di ricerca a riconoscere qual è la pagina originale in caso di pagine o contenuti duplicati.

In presenza di contenuti duplicati e in assenza di questo tag, il motore di ricerca non comprende quali pagine siano canoniche e pertinenti nei risultati di ricerca.

Pertanto, includendo un tag canonico, chiedi al motore di ricerca di classificare questo URL nei risultati di ricerca.

Come scrivere tag canonici sul tuo sito

Se stai scrivendo tag canonici sul tuo sito, dovresti includerli nel file sezione nel codice sorgente della pagina per cui stai tentando di specificare un link canonico. Se il tag non è annotato nel file , i motori di ricerca lo ignoreranno.

Se utilizzi piattaforme CMS, la maggior parte di esse ti consente di aggiungere tag canonici senza accedere al codice sorgente.

Come scrivere tag canonici in WordPress

WordPress ti consente di aggiungere rel = "canonical" alle tue pagine. Il metodo che usi dipende dal tuo plugin.

In RankMath, puoi trovare il "Avanzate"Nella parte inferiore dell'editor dei contenuti. Cliccaci sopra.

Scorri leggermente verso il basso per trovare la casella per aggiungere il tuo URL canonico.

Per Yoast, trova e fai clic sulle impostazioni SEO. Sarai in grado di scrivere un tag canonico nella finestra che appare.

Condurre una verifica canonica sul tuo sito web

L'esecuzione di un controllo canonico ti evita di essere ignorato da Google. Quindi, come puoi farlo con successo?

Rivedi il codice manualmente

La revisione manuale del codice è utile se desideri controllare alcune pagine del tuo sito. Fortunatamente, tutti i browser ti consentono di visualizzare il codice sorgente.

Nel codice sorgente, trova la riga "Rel = canonical" e guarda le informazioni che desideri. Prendi in considerazione l'utilizzo di CTRL + F scorciatoia per trovare rapidamente le linee necessarie.

Usa strumenti specializzati

Se hai più di 20 pagine web da controllare sul tuo sito, strumenti specializzati sono la strada da percorrere. Servizi come Semrush e Ahrefs forniscono la possibilità di controllare i tag canonici.

Perché l'uso di tag canonici è importante

I tag canonici indicano ai motori di ricerca che sul tuo sito è presente una risorsa definitiva o una pagina più pertinente. Aiutano anche a risolvere i problemi con i contenuti duplicati. È fondamentale garantire la corretta implementazione del tag canonico per evitare di confondere i motori di ricerca.

Configura reindirizzamenti 301

Un reindirizzamento 301 mostra che una pagina web è stata definitivamente spostata da un dominio a un altro.

In poche parole, un reindirizzamento 301 dice a un browser:

"Questa pagina è stata spostata definitivamente. Ecco la nuova posizione e non c'è intenzione di spostarla indietro ".

E il browser risponde:

"Nessun problema! Invierò subito il tuo utente lì! "

Capire come funzionano i reindirizzamenti 301 nella SEO tecnica è essenziale.

Come impostare un reindirizzamento 301

Sebbene tu possa impostare un reindirizzamento 301 in molti modi, il metodo più comune è modificare il file .htaccess del tuo sito web. Il file si trova nella cartella principale del tuo sito.

Se non vedi il file, significa che non hai un file .htaccess o il tuo dominio non è in esecuzione su un server web Apache.

Solo i server Apache utilizzano .htaccess.

E poiché questo processo è strettamente per Apache, usa Controllo dell'intestazione del server di SEO Book.

Inserisci l'URL del tuo sito e fai clic su "Controlla intestazione".

Scoprirai che il tuo sito utilizza Apache nella sezione "Server:"Linea. Di seguito è riportato un esempio.

Come reindirizzare una vecchia pagina a una nuova pagina

Se non disponi di un file .htaccess, puoi crearne uno utilizzando TextEdit (Mac) o Blocco note (Windows). Basta aprire un nuovo documento e salvarlo come .htaccess assicurati di rimuovere l'estensione file .txt standard.

Se è già presente un file .htaccess sul tuo server, scaricalo sul desktop per un facile accesso e modifica. Quindi, inserisci questo codice nel file .htaccess:

reindirizzamento 301 /old/old.htm http://www.you.com/new.htm

Se il file contiene già righe di codice, salta una riga, quindi inserisci il codice sopra. Salva il file .htaccess e caricalo nella cartella principale del tuo server. Puoi testare l'azione digitando il vecchio indirizzo della pagina. Dovresti essere portato nella nuova posizione.

Come reindirizzare un vecchio dominio a un nuovo dominio

Sebbene sia possibile reindirizzare un vecchio dominio a uno nuovo con tecniche dirette, il codice seguente è altrettanto utile:

RewriteCond% {HTTP_HOST} ^ domain.com $ [OR] RewriteCond% {HTTP_HOST} ^ www.domain.com $ RewriteRule ^ home \\. html http://www.domain.com/ [R = 301, L] RewriteRule ^ about \\.

Assicurati di salvarlo e testarlo prima di implementarlo sul tuo sito.

Come reindirizzare URL non www a URL www

Per reindirizzare tutte le richieste a un URL www, è possibile inserire le seguenti righe in RewriteEngine On:

Avrai tuodominio.com/pagina1.

Puoi seguire lo stesso formato se desideri che tutte le richieste vengano indirizzate a un URL non www. Basta inserire questi codici all'inizio del file .htaccess del tuo sito:

Quindi, avrai www.tuodominio.com/pagina1.

Come reindirizzare da HTTP a HTTPS

Se stai reindirizzando l'intero dominio da HTTP a HTTPS, puoi aggiungere queste righe all'inizio del file .htaccess del tuo sito:

Se stai reindirizzando un dominio specifico, puoi aggiungere queste righe:

Se stai reindirizzando una cartella specifica, inserisci queste righe:

Osservazioni:: Sostituisci "tuodominio " e /cartella con il dominio e il nome della cartella effettivi, ove necessario.

Fortunatamente, non devi essere tecnicamente propenso a gestire questi reindirizzamenti. Strumenti e plugin SEO, come Rank Math, Può aiutare.

Perché l'utilizzo di reindirizzamenti 301 è importante

Se reindirizzi tuodominio.com/pagina2 a tuodominio.com/pagina3, la pagina reindirizzata dovrebbe mantenere il "potere" della pagina di origine. Con quel potere in tasca, i reindirizzamenti 301 diventano utili per aumentare il traffico organico del tuo sito.

Verifica e correggi i collegamenti interrotti

Se il link del tuo sito non funziona, può rovinare tutto il tuo duro lavoro. I collegamenti interrotti sul tuo sito web svaluteranno i tuoi sforzi SEO e creeranno una brutta esperienza per i tuoi utenti.

Come trovare collegamenti interrotti

Grazie ai progressi tecnologici, ci sono diversi strumenti che puoi utilizzare per trovare collegamenti interrotti, interni o esterni. E molti di loro sono gratuiti.

Strumento di verifica del sito SEMrush

Apri lo strumento di verifica del sito SEMrush e inserisci l'URL del tuo sito nella casella di ricerca.

Fare clic su Avvia audit. Ti verrà chiesto di accedere al tuo account. Inserisci la tua password e la tua email.

Puoi scegliere il limite di pagine e l'origine della scansione. Gli audit per 100 pagine e inferiori sono gratuiti. Se desideri controllare più pagine, dovrai utilizzare un piano a pagamento.

Fare clic su Avvia verifica del sito. Vedrai l'audit in esecuzione. Dagli un po 'di tempo.

Riceverai un rapporto come questo quando completerà l'audit.

Fare clic su quella scheda per ottenere il rapporto completo.

Fare clic su Problemi> Categorie> Collegamenti.

Avrai una panoramica di eventuali problemi con i collegamenti, inclusi i collegamenti interrotti.

A questo punto, probabilmente noterai che puoi utilizzare questo strumento di controllo del sito per trovare errori di scansione e qualsiasi altro problema che potrebbe avere il tuo sito web.

Come correggere i collegamenti interrotti

Dopo aver identificato i collegamenti interrotti del tuo sito, puoi risolverli seguendo queste indicazioni.

Correggi eventuali errori semplici o errori di battitura

A volte, i collegamenti interrotti sono causati da semplici errori e refusi. Un esempio è se hai digitato "http://www.yoursite.com/about-us"Invece di digitare"www.yoursite.com/aboutus, "Durante la scrittura di una pagina.

Per errori come questi, puoi prima correggerli poiché impiegheranno solo pochi secondi. Possono anche eliminare una parte considerevole dei collegamenti interrotti del tuo sito web.

Configurazione dei reindirizzamenti nel sistema di gestione dei contenuti (CMS)

Se il tuo sito ha subito una riprogettazione, il suo URL potrebbe essere eliminato o modificato e tutti i collegamenti utilizzati per indirizzare gli utenti a quella pagina porteranno a un 404.

Il modo migliore per risolvere questo problema è impostare i reindirizzamenti. Per fare questo, dovresti:

  • Una volta collegato al sito web Amministrazione > trova Costruzione del sito > Reindirizzamenti URL,
  • Fare clic su "Aggiungi redirect" opzione,
  • Riempire il "Da" e "A"Spazi vuoti copiando e incollando dal finale Rapporto di reindirizzamento di link interrotti,
  • Selezionare "301 Spostato in modo permanente"Nel menu a discesa Tipo di reindirizzamento menu e
  • Fai clic su "Crea nuovo reindirizzamento."

È possibile ripetere il processo per reindirizzare tutti i collegamenti interrotti e aggiornare il rapporto di reindirizzamento dei collegamenti interrotti.

Perché è importante trovare e correggere i collegamenti interrotti

Quando i collegamenti interrotti non vengono né trovati né corretti, i tuoi utenti diventano frustrati. Questi collegamenti danneggiano anche la tua credibilità come autorità.

In definitiva, i collegamenti interrotti faranno sì che gli utenti trascorrano meno tempo sul tuo sito. Questa azione spingerà i motori di ricerca a presumere che il tuo sito web non stia fornendo una buona esperienza utente. Se il problema persiste, i motori di ricerca classificheranno i tuoi contenuti più in basso nelle SERP.

Verifica la presenza di pagine Web o contenuti duplicati

I contenuti o le pagine duplicati sono elementi che appaiono su più di un sito web. Se pubblichi i tuoi contenuti in più di un posto, si tratta di contenuti duplicati. Se pubblichi il contenuto di qualcun altro sul tuo sito o ripubblichi il tuo sul loro sito, duplicherai i problemi di contenuto.

L'esistenza di contenuti duplicati rende difficile per i motori di ricerca determinare quale sia più rilevante per una query del motore di ricerca. Se i motori di ricerca non riescono a capirlo, possono escludere tutti quei contenuti duplicati dalla SERP.

Come verificare la presenza di contenuti duplicati

Puoi utilizzare controlli di contenuto duplicati per assicurarti che il tuo materiale sia visto come originale. Fortunatamente, hai alcune risorse per aiutarti.

Il Rel = canonico Etichetta

Strumenti Bowman per analizzare le seguenti finiture: i tag possono dirlo ai motori di ricerca quale URL deve essere utilizzato come copia originale di un sito web. Quindi, affrontare qualsiasi incertezza sui contenuti duplicati dal punto di vista del motore di ricerca.

301 reindirizza

I reindirizzamenti 301 forniscono un metodo rapido e intuitivo per i motori di ricerca per inviare gli utenti all'URL corretto quando è necessario eliminare una pagina duplicata.

I meta tag "Noindex"

Questi tag indicano ai motori di ricerca di non indicizzare singole pagine, il che potrebbe avvantaggiarti a lungo termine.

Strumento per i parametri degli URL di Google

Google Strumento Parametri URL informa Google di non eseguire la scansione di pagine con parametri specifici. Lo strumento dei parametri consente a Google di sapere facilmente che i tuoi contenuti duplicati sono intenzionali. Quindi, non dovrebbe essere considerato per scopi SEO.

Un percorso alternativo potrebbe essere quello di utilizzare le risorse online per verificare la presenza di contenuti duplicati. Alcuni includono:

  • Copyscape
  • Plagspotter
  • Siteliner
  • Duplichecker
  • Smallseotools

Perché è importante verificare la presenza di pagine o contenuti duplicati

Si subiscono classifiche e perdite di traffico quando sono presenti contenuti duplicati. Creare contenuti unici e originali significa quindi che puoi offrire un'esperienza utente superiore. Significa anche che i motori di ricerca non sono obbligati a scegliere tra più pagine con lo stesso contenuto.

Correggi gli errori del server

Un errore del server è come la versione web di una schermata blu. Ciò significa che una serie di motivi poco chiari potrebbe causare l'errore.

Allora, quali sono questi errori e come puoi risolverli?

500 Errore HTTP (errore server interno)

Poiché questo errore del server è un codice di stato collettivo per gli errori del server, è impossibile determinare quale sia l'errore a prima vista. Tutto ciò che l'utente sa è che il server ha riscontrato e segnalato un errore imprevisto.

L'errore effettivo potrebbe variare da proprietà non valida, file .htaccess errato, timeout PHP e autorizzazioni non valide, tra gli altri.

Come risolvere un errore HTTP 500

Se c'è un errore interno, la prima cosa da fare è controllare i file di errore.

  • Gli utenti Apache possono trovare questo registro in /Applicazioni / MAMP / logs / apache_error_log
  • I server Linux mantengono i messaggi di errore in / var / log / httpd / error_log.

Puoi ricaricare il tuo sito per vedere come è stato creato un registro degli errori. Questo ti aiuterà a trovare rapidamente la fonte dell'errore.

Inoltre, considera le modifiche apportate in precedenza. A volte potresti programmare queste modifiche in modo errato.

Se non è presente alcun messaggio di errore nei registri degli errori, è necessario risolvere i problemi dei file di indice. Per avviarlo, apri il file manager e scegli la cartella contenente il tuo dominio. Tieni gli occhi aperti per qualsiasi file oltre a index.php, index.html o default.html.

Se sono visibili altri file, è possibile rinominarli temporaneamente per evitare di riconoscerli come file indice. Se questo risolve il problema, è necessario spostare i file di indice aggiuntivi altrove. Tuttavia, in caso contrario, è necessario controllare il file .htaccess.

La maggior parte degli errori del server interno 500 si verificano a causa di file .htaccess configurati male. Per accedere a questo file, seleziona il file public_html cartella del tuo file manager. Se non riesci a trovarlo a prima vista, verifica la presenza di un "mostra file nascosti" opzione e fare clic su di essa.

Una volta lì, rinominalo in qualcosa di simile .htaccess_currentdate. Quell'azione disabilita l'attuale .htaccess, quindi puoi crearne uno nuovo predefinito.

Per creare un nuovo file .htaccess predefinito, fare clic su Nuovo file dalla barra degli strumenti principale di File Manager (dovrebbe essere all'estrema sinistra). Assegna un nome al nuovo file .htaccess.

Quindi apri l'editor del codice e aggiungi le seguenti righe:

Salva le modifiche.

503 Errore HTTP (errore di servizio non disponibile)

Questo errore indica che un server non è temporaneamente in grado di gestire la richiesta. Le ragioni comuni per questo sono che un server è in fase di manutenzione o è sovraccarico.

In rari casi, una configurazione errata del server DNS potrebbe generare un messaggio di errore HTTP 503.

Alcune varianti del messaggio di errore HTTP 503 includono:

  • Codice di stato Errore HTTP 503
  • HTTP 503
  • Errore HTTP 503
  • HTTP Errore 503. Il servizio non è disponibile
  • Errore 503 Servizio non disponibile

Come correggere un errore HTTP 503

Esploriamo alcuni modi per correggere rapidamente questo errore.

Perché è importante correggere gli errori del server

Se le tue pagine web si caricano lentamente o il tuo sito si è bloccato, gli errori del server possono danneggiare la tua autorità.

Se i tuoi utenti non possono accedere al tuo sito, passeranno rapidamente ai siti dei tuoi concorrenti, lasciandoti con una perdita di entrate.

Crea interessanti pagine 404

La tua pagina 404 è una pagina di destinazione su cui nessuno vuole entrare. Ma se fai bene il tuo lavoro, ai tuoi utenti non dispiacerebbe atterrarci sopra. Le pagine 404 creative esercitano un'influenza significativa sul modo in cui un cliente percepisce un marchio.

Se gli utenti dovessero atterrare lì comunque, perché non sfruttarlo al massimo?

Che interessante pagina 404 dovrebbe includere

Sebbene l'aspetto della tua pagina 404 dipenda da ciò che è il tuo marchio, è necessario assicurarti di includere questi elementi durante la progettazione.

  • Un messaggio di errore: Il tuo utente deve sapere di essere arrivato a una pagina di errore
  • Look and Feel del marchio: Anche se è una pagina di errore, dovrebbe corrispondere a ciò che rappresenta il tuo marchio
  • Un aneddoto divertente: Se puoi, dovresti includere un aneddoto divertente, magari uno scherzo o un detto spiritoso.
  • Link al tuo contenuto migliore: L'aggiunta di tre o quattro link ad alcuni fantastici contenuti sul tuo sito porterà i visitatori a qualcosa che potrebbero trovare interessante
  • A Call to Action: Poiché la pagina 404 funge da pagina di destinazione, dovresti includere un invito all'azione: un pulsante di download o di registrazione o anche una barra di ricerca

Qualunque cosa tu decida, assicurati che il tuo messaggio nella pagina di errore sia semplice, nitido e diretto al punto.

Perché creare una pagina 404 interessante è importante

Costruendo una pagina 404 personalizzata, offri ai tuoi visitatori un'esperienza utente superiore. Ad esempio, quando un utente trova collegamenti utili nella pagina di destinazione, ha la possibilità di accedere alla pagina di errore.

Quindi, invece di lasciare del tutto il tuo sito, gli utenti faranno clic sui collegamenti forniti o troveranno ciò che desiderano tramite la casella di ricerca. In altre parole, le persone trascorrono più tempo sul tuo sito.

Gestisci i tuoi collegamenti

Google dà molto peso ai link. È uno dei principali fattori di ranking di ricerca. Quindi prestaci attenzione.

Come utilizzare i collegamenti

Prima di affrontare come puoi utilizzare questo potente strumento a tuo vantaggio, diamo un'occhiata ai tipi di link: nofollow e dofollow.

Mentre i link dofollow dicono ai motori di ricerca di trasferire il potere di ranking da un sito web alla pagina di destinazione, i link nofollow no.

In breve, i link nofollow indicano ai motori di ricerca di non seguire link specifici. Poiché tutti i collegamenti sono dofollow per impostazione predefinita, è necessario creare un collegamento nofollow. Per questo, è necessario aggiungere il file rel = "nofollow" tag all'interno del codice.

Se un collegamento dofollow predefinito ha questo aspetto:

marketing

Un link nofollow che include l'attributo rel = "nofollow" dovrebbe avere questo aspetto:

marketing

Dovresti utilizzare il link nofollow se non vuoi perdere la tua credibilità o il tuo sito è pieno di "contenuti generati dagli utenti".

Puoi utilizzare la maggior parte degli strumenti SEO come Yoast e Rank Math per gestire le tue impostazioni dofollow e no-follow su altri siti. In alternativa, se utilizzi WordPress, utilizza uno strumento dedicato come Collegamenti esterni WP per gestire i tuoi link.

Perché è importante vincere a ritroso

Quando i siti si collegano a te, aumenta la tua popolarità e autorità con i motori di ricerca, aumenta il valore e incoraggia più backlink. Inoltre, a lo studio ha mostrato una relazione positiva tra i backlink di una pagina o di un sito e il suo posizionamento nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca.

Crea un'intestazione ideale (H1)

Sebbene molte tendenze SEO siano andate e venute, gli H1 sono rimasti significativi. Il miglioramento fondamentale dei tag H1 del tuo sito mostra una media del XNUMX% di aumento del traffico.

H1 è un tag HTML che implica la prima intestazione su una pagina. Un tipico tag H1 ha questo aspetto:

il nome della tua pagina o del tuo post.

Suggerimenti per la creazione di un ideale H1

I seguenti suggerimenti ti aiuteranno a creare accattivanti H1 per i tuoi contenuti.

L'H1 dovrebbe descrivere l'oggetto del contenuto e il suo scopo

Poiché questo tag è per il titolo principale, dovrebbe riflettere lo scopo del contenuto. Ciò lo rende facile per i motori di ricerca trovarlo mentre aiuta gli utenti a capire quali informazioni aspettarsi e quanto sarà interessante o utile.

Il tag H1 dovrebbe contenere la stessa idea del tag del titolo

Sebbene non siano la stessa cosa, il tag H1 e il tag del titolo dovrebbero contenere la stessa idea. In alcuni casi, l'H1 può essere più lungo e più largo del tag del titolo. Maggiori dettagli possono essere trovati di seguito.

Il tag H1 dovrebbe includere parole chiave

L'utilizzo di parole chiave mirate è una delle pratiche SEO più implementate. Per ottenere i massimi risultati, dovresti usare le stesse parole chiave in H1 e nel tag del titolo. Sebbene tu possa utilizzare più parole chiave, è essenziale per te non saturarle eccessivamente.

Ottieni la lunghezza giusta per l'H1

Trovare la lunghezza perfetta per il tuo tag di intestazione è sia una scienza che un'arte. Se è troppo corto, sembrerà generico. Se è troppo lungo, perderai rapidamente l'interesse dell'utente.

Gli esperti SEO raccomandano che i caratteri H1 siano compresi tra 30 e 60 caratteri.

Il tag H1 dovrebbe essere incentrato sull'utente

Dal momento che desideri mantenere gli utenti interessati al tuo sito, concentrati sul motivo per cui l'utente trova quel contenuto.

Usa un tag H1 sulla pagina

Un tag H1 SEO dovrebbe essere usato con tanta parsimonia che c'è un solo tag H1 nel codice HTML. Perché?

Non c'è alcun vantaggio nell'avere più tag H1 per pagina. Inoltre, avere più di un H1 per pagina può confondere i motori di ricerca e gli utenti.

Se vuoi confermare che i tuoi tag H1 sono ottimizzati, puoi utilizzare un controllo dei tag H per scansionare i tuoi contenuti. Successivamente, otterrai un elenco di URL problematici e suggerimenti su come risolverli.

Perché è importante creare un titolo H1

Un tag H1 ben realizzato dà il tono ai tuoi contenuti e cattura l'attenzione dei tuoi utenti. Il tuo titolo H1 è vitale per il tuo successo SEO.

Uno studio ha scoperto che il tag del titolo della pagina e i titoli del sito web, in particolare gli H1, svolgono un ruolo cruciale nelle classifiche organiche dei motori di ricerca.

Crea tag del titolo della pagina compatibili con i motori di ricerca

I tag del titolo della pagina sono uno dei cardini di una strategia SEO. Per alcuni esperti di SEO, i tag del titolo sono il successivo fattore di ranking sulla pagina più importante per la SEO, dopo il contenuto.

Perché?

Il titolo è il messaggio del tuo sito o della tua pagina al mondo. Attira l'attenzione del consumatore e lo spinge persino a fare clic sul tuo sito quando appare nei risultati di ricerca.

Come creare un tag del titolo compatibile con i motori di ricerca

Puoi avvicinarti al primo posto nella pagina dei risultati di ricerca con un tag del titolo ottimizzato.

Allora, come ne crei uno?

Prima di poter creare un titolo adatto ai motori di ricerca, è necessario scriverne uno. A tal fine, dovresti creare un tag del titolo che sia unico, creativo, diretto e che rifletta i tuoi prodotti o servizi.

Questo tag del titolo dovrebbe contenere il focus o le parole chiave principali. Se possibile, il tag del titolo dovrebbe iniziare con le parole chiave principali.

Una volta scritto il tag del titolo, dovrai impostarlo come titolo del sito o della pagina. La piattaforma che usi determina come gestisci questo. Se utilizzi WordPress, non avrai problemi a configurarlo.

Tuttavia, potresti riscontrare alcuni problemi se utilizzi un host o un sistema di gestione dei contenuti diverso.

Creazione di un tag del titolo su WordPress

Tutto ciò di cui hai bisogno per creare un tag del titolo qui è il plugin Yoast SEO. Ma se non lo hai installato, vai a Plugin> Aggiungi nuovo >

Genere "Yoast"> Cerca" Yoast SEO "> fai clic su"Ora l'installazione"> Fai clic su"Attiva."

Ora che il plug-in è configurato, puoi modificare il titolo per generare un tag del titolo per un post o una pagina accedendo a quel contenuto, quindi aprendo l'editor.

Sotto il campo di testo, c'è una casella Yoast in cui puoi fare clic su "Modifica snippet."

Troverai un segnaposto nella casella del titolo SEO; Titolo, Pagina, Separatore, Titolo del sito.

Elimina i segnaposto e inserisci il titolo ottimizzato.

Puoi tornare in questa sezione in qualsiasi momento per modificare questo titolo SEO.

Creazione di un tag del titolo su un sito non ospitato da CMS

Se il tuo sito web non è ospitato su un CMS, puoi creare i tag del titolo modificando il tuo HTML. Per prima cosa, dovresti accedere all'HTML per la tua pagina.

Si consiglia di chiedere al proprio servizio di hosting come eseguire questa operazione. Dopo aver effettuato l'accesso all'HTML modificabile, assicurati di trovarti tra i file tag.

Potrebbe esserci un codice aggiuntivo, ma non c'è nulla di cui preoccuparsi. Per creare il titolo, usa tag.

Per esempio:

il titolo del tuo dominio - la tua azienda

Salva il codice.

Creazione di un tag del titolo senza WordPress o un sito personalizzato

Se rientri in questa categoria, significa che il tuo host web ha una configurazione diversa o hai un CMS unico. Contatta il tuo host web o provider CMS per guidarti nell'accesso all'HTML del tuo sito in modo da poter modificare i tag del titolo della pagina.

Perché è importante avere un tag del titolo ottimizzato

La prima ragione per l'impotenza di un tag del titolo è che sia i motori di ricerca che gli umani lo vedranno come una pagina utile. Senza un tag del titolo ottimizzato, i motori di ricerca potrebbero determinare che la tua pagina non è abbastanza buona e gli utenti potrebbero saltarla.

Inoltre, i tag del titolo sono ciò che gli utenti vedranno se la tua pagina è condivisa sui social media. In poche parole, un tag del titolo ottimizzato significa massima visibilità, mentre un tag del titolo inefficiente affonderà la tua pagina.

Crea la meta descrizione giusta

Una meta descrizione è la parte dell'HTML che fornisce una breve panoramica del tuo sito web. È il breve snippet che vedi nei risultati di ricerca organica di Google sotto il titolo di un sito nella SERP.

Le meta descrizioni invitano i clic degli utenti che effettuano ricerche. Quindi influenzano indirettamente le tue classifiche.

Supponiamo che tu vada a digitare "ispirazione per l'acconciatura" in un motore di ricerca; ti condurrà alla SERP. Qui troverai diversi risultati di ricerca organici.

Mentre le parole blu in alto sono i tag del titolo, la descrizione sotto è la meta descrizione.

Come scrivere un'ottima meta descrizione

Se vuoi attirare più consumatori, i seguenti passaggi ti aiuteranno.

Conteggio dei caratteri

Sebbene non esista la lunghezza giusta, dovresti assicurarti che la tua meta descrizione sia breve, unica e creativa allo stesso tempo.

Se controlli i risultati di ricerca di Google, troverai principalmente meta descrizioni comprese tra 120 e 156 caratteri.

Rendilo utilizzabile

Dovresti rendere la tua descrizione attiva, motivante e utilizzabile. Una buona meta descrizione dovrebbe rivolgersi direttamente ai consumatori in modo che sappiano cosa stanno cercando se fanno clic sul collegamento.

Usa parole chiave

Senza saturarlo eccessivamente, dovresti usare le parole chiave principali. Se la parola chiave di ricerca di una query corrisponde a una parte del testo nella meta descrizione, i motori di ricerca saranno più inclini a evidenziarla nei risultati della ricerca.

Sii specifico

Supponiamo che tu abbia un prodotto per consumatori esperti di tecnologia. Un ottimo trucco sarebbe quello di concentrarsi sulle specifiche tecniche del prodotto.

È possibile includere dettagli sull'unità di stoccaggio, sul produttore e sul prezzo. Se un visitatore sta cercando quel particolare prodotto, c'è un'alta probabilità; faranno clic sul tuo link.

Lascia che la tua meta descrizione corrisponda al suo contenuto

Se provi a utilizzare clickbait per portare gli utenti al tuo sito, Google lo scoprirà. Potresti anche essere penalizzato per questo. Oltre a ciò, potresti vedere un aumento delle persone che fanno clic fuori dal tuo sito se la meta descrizione non corrisponde al suo contenuto.

Come creare una meta descrizione

Se sei su WordPress e utilizzi Yoast SEO, aggiungere una meta descrizione è facile. È sufficiente fare clic sul pulsante "Modifica snippet"Per aprire l'editor. Lì troverai i campi di input per modificare il titolo SEO, lo slug e la meta descrizione.

Una volta che inizi a digitare nella sezione della meta descrizione, l'anteprima dello snippet nella parte superiore dell'editor degli snippet mostrerà immediatamente il tuo nuovo testo. Sotto il campo di input, c'è una barra che cambia colore a seconda dei tuoi progressi.

È arancione quando inizi a digitare, diventa verde quando hai abbastanza informazioni e diventa di nuovo arancione quando hai aggiunto troppo testo.

Perché una meta descrizione è importante

Una meta descrizione è pertinente perché aiuta a convincere le persone a fare clic sul link degli elenchi dei risultati organici.

Ottieni un certificato SSL

Un livello di socket di sicurezza è un tipo di tecnologia di crittografia che rende illeggibili i dati trasferiti tra gli utenti e un sito web. Impedisce a terze parti dannose di intercettare i dati o le informazioni di un utente.

Un certificato SSL è un indicatore visivo del fatto che gli utenti possono fidarsi del tuo sito, soprattutto se disponi di funzionalità per:

  • Accessi
  • Moduli che richiedono dati personali
  • Transazioni con carta di credito o di debito

Come ottenere un certificato SSL

Innanzitutto, dovresti decidere quale tipo di certificato ti serve. Puoi scegliere tra:

  • Certificato SSL a convalida estesa (EV): Sebbene siano i certificati SSL più costosi da ottenere, sono preziosi. Mostreranno il nome e il paese dell'azienda, il lucchetto e HTTPS.
  • Certificato convalidato dall'organizzazione (OV SSL): Il certificato SSL OV verifica l'autenticità della tua organizzazione e del nome di dominio. Offre un livello medio di crittografia e può essere ottenuto in due passaggi.
  • Certificato di convalida del dominio (DV): Sono necessari solo pochi documenti aziendali per richiedere questo certificato.
  • Certificati SSL Wildcard: Questo certificato rientra nella categoria "numero di dominio e sottodominio". Se acquisti un certificato per un dominio, puoi utilizzarlo per i sottodomini.
  • Certificato SSL per comunicazioni unificate (UCC): Conosciuti anche come certificati SSL multi-dominio, gli UCC consentono a più nomi di dominio di apparire sullo stesso certificato.
  • Certificato SSL a dominio singolo: Questo certificato protegge solo un dominio.

Un altro fattore da considerare è il prezzo di un certificato. Puoi ottenere un certificato SSL gratuito o pagare una tariffa mensile per ottenere un certificato personalizzato.

Successivamente, dovresti considerare il periodo di validità di un certificato SSL. Sebbene la maggior parte dei certificati SSL standard siano automaticamente disponibili per uno o due anni, puoi esaminare altre opzioni a lungo termine se è quello che vuoi.

Come to Dire se il tuo sito ha SSL

Quando gli utenti visitano il tuo sito web, possono sapere se hai SSL con alcuni puntatori distinti.

  • Il tuo URL dice "https: //" invece di "http: //".
  • Hai l'icona di un lucchetto nella barra degli indirizzi.
  • Il tuo certificato è valido.

Se vuoi confermare il terzo puntatore, puoi aprire Chrome, vai a Vedi > Costruttori > Strumenti di sviluppo > Scheda di sicurezza.

Facendo clic sul pulsante Visualizza certificato verranno fornite ulteriori informazioni sul certificato SSL, incluso il periodo di validità specifico.

Un'alternativa potrebbe essere quella di utilizzare siti in linea, come htpc.com, per confermare la validità di un certificato.

Perché avere SSL è importante

Tutti i siti web devono dare la priorità alla sicurezza. E se pensi che non sia necessario o importante, ti sbagli.

Ricerche recenti lo hanno scoperto 85 percento dei consumatori evitare di fare acquisti su siti Web non protetti. Inoltre, gli analisti di Google Webmaster Trends hanno rivelato di includere la presenza SSL in Algoritmo di posizionamento nei risultati di ricerca di Google.

Rileva contenuti misti ed evita blocchi

Il contenuto misto si verifica quando il codice HTML originale viene scaricato su una connessione HTTPS sicura, altri contenuti come fogli di stile, immagini e video vengono scaricati su una connessione HTTP non sicura.

Come verificare la presenza di contenuti misti

Per sradicare i tuoi contenuti misti, avrai bisogno di un controllo del contenuto misto SSL. Il controllo SSL è uno strumento che conferma che hai installato correttamente un certificato SSL sul tuo sito. Alcuni includono:

  • Verme
  • Controlli SSL e
  • Osservatorio

Come rimuovere contenuti misti dal tuo sito

Per garantire che il tuo sito ritorni alla visibilità nei motori di ricerca e garantirne la sicurezza, devi eseguire i seguenti passaggi:

  • Installa un certificato SSL: Un certificato SSL fornisce ulteriore sicurezza a te e ai tuoi utenti. Consente inoltre al tuo sito di funzionare tramite HTTPS.
  • Installa un reindirizzamento 301: Dopo aver aggiornato il tuo sito e passato da HTTP a HTTPS, dovresti considerare l'installazione di un reindirizzamento 301. Se ignori questo passaggio, gli utenti potrebbero utilizzare involontariamente la vecchia versione non sicura del tuo sito o non trovarti affatto.
  • Rimuovi i collegamenti ipertestuali HTTP: Per fare ciò, puoi utilizzare il sistema di controllo di Google. Per provarlo, installa Chrome Canary e uso Lighthouse. Una volta configurato lo strumento, inserisci queste righe per avviare l'audit:
    • faro: URL con contenuto misto del tuo sito web
    • Lighthouse segnalerà i collegamenti non protetti sul tuo sito che devono essere sostituiti o eliminati.

Perché è importante rilevare contenuti misti

I siti con contenuto misto sono più vulnerabili ai rischi per la sicurezza. Inoltre, i contenuti misti possono ridurre il ranking di ricerca del tuo sito e Chrome potrebbe bloccare il sito.

Se l'utente tenta di sbloccare i contenuti e di inserire dati personali, il browser indicherà nuovamente il potenziale pericolo e emetterà un secondo avviso.

Un cliente o un cliente, nuovo o vecchio, potrebbe rinunciare a visitare il tuo sito. In definitiva, nessuno visualizzerà un annuncio o effettuerà un acquisto.

Ottimizza il tuo sito web per i dispositivi mobili

Gli smartphone sono passati rapidamente da una tecnologia rivoluzionaria e costosa a una parte normale della vita quotidiana. Oggi lo si stima più di 5 miliardi di persone dispongono di dispositivi mobili e oltre la metà di queste connessioni sono smartphone.

Cosa c'è di più?

Al di sopra 50 percento del sito web globale il traffico proveniva da dispositivi mobili nel secondo trimestre del 2020. Queste statistiche sbalorditive indicano che avere un sito web ottimizzato per i dispositivi mobili non è più un optional.

Come rendere il tuo sito ottimizzato per i dispositivi mobili

I seguenti passaggi possono garantire che il tuo sito funzioni bene per i tuoi visitatori mobili.

Rendi il tuo sito reattivo

Con il responsive design, il tuo sito può diventare mobile-friendly senza limitare le informazioni a cui possono accedere gli utenti mobili.

Consenti alle persone di trovare facilmente le informazioni

Rendi il tuo sito facile da navigare sui dispositivi mobili. Se ti stai chiedendo cosa mettere in posizioni di rilievo, un ottimo punto di partenza è rispondere alle domande frequenti dei tuoi utenti mobili.

Se non sei sicuro di ciò che i tuoi visitatori mobili cercano sul tuo sito, utilizza le tue analisi per ottenere i dati. In Google Analytics, puoi aggiungere il traffico mobile come segmento nella sezione Comportamento. Ciò ti consente di vedere come i visitatori mobili interagiscono con il tuo sito web.

Evita annunci e popup che bloccano il testo

Se desideri che i visitatori dei dispositivi mobili abbiano un'esperienza utente positiva, considera di non utilizzare annunci e popup che bloccano il testo. Se sono troppo importanti per essere abbandonati del tutto, valuta la possibilità di disabilitarli per gli utenti mobili.

In alternativa, puoi modificarlo, in modo che venga visualizzato un popup solo quando un utente mobile scorre fino in fondo alla pagina.

Semplifica il tuo web design

Considera l'idea di utilizzare e attenersi a un design minimalista che renda facile per gli utenti mobili orientarsi. Disordinando le pagine web, il tuo sito verrà caricato più velocemente.

Evita di usare Flash

L'utilizzo di Flash sul tuo sito può rallentare il tempo di caricamento di una pagina. Poiché i dispositivi Android e iOS non supportano il flash, i tuoi utenti mobili verranno esclusi quando scegli di creare un sito Web che dipende dall'animazione flash.

Esegui regolarmente test mobili

Di tanto in tanto puoi navigare nel tuo sito tramite un telefono cellulare o un tablet. In questo modo, vedrai se c'è qualcosa che deve essere scartato o modificato.

Più velocemente noti i problemi del tuo sito, prima potrai aggiornarlo per fornire un'esperienza ottimizzata per i dispositivi mobili.

Puoi verificare se il tuo sito è realmente ottimizzato per i dispositivi mobili su console di ricerca.

Perché un sito ottimizzato per i dispositivi mobili è importante

Con un sito ottimizzato per i dispositivi mobili, i tuoi utenti possono accedere e condividere facilmente i tuoi contenuti online. È anche un modo gratuito per posizionarsi meglio sui motori di ricerca.

Migliora la velocità di caricamento della tua pagina

Il tempo di caricamento della pagina è il periodo medio necessario per il caricamento dei contenuti del tuo sito. Pensi che la velocità di caricamento della tua pagina non sia importante?

Pensa di nuovo. Il quaranta per cento degli utenti abbandona un sito che impiega più di tre secondi per caricarsi. Inoltre, un ritardo di un secondo nella risposta della pagina può comportare una riduzione del XNUMX% delle conversioni.

Video Youtube

Come migliorare la velocità di caricamento della tua pagina

Testa la velocità del tuo sito con PageSpeed ​​Insights. Quindi utilizza i consigli per migliorare la velocità del tuo sito.

Google page speed insights semrush

Puoi migliorare la velocità di caricamento della pagina con i seguenti passaggi.

Abilitare la compressione

Per ridurre i file HTML, CSS e JavaScript di dimensioni superiori a 150 byte, utilizza Gzip, un'app software per la compressione dei file.

Anche se non dovresti usare gzip sui file di immagine, puoi comprimerli in un programma Photoshop. L'uso di Photoshop ti consentirà di mantenere il controllo sulla qualità dell'immagine.

Minimizza e combina file

Rimuovendo spazi, virgole e altri caratteri irrilevanti, puoi aumentare la velocità della pagina. È inoltre necessario rimuovere il codice inutilizzato, i commenti sul codice e la formattazione.

Combinare i file è facile. Se il tuo sito esegue più file JavaScript e CSS, puoi combinarli in uno solo. Puoi utilizzare plugin di WordPress come WP Rocket per accelerare il processo. In alternativa, puoi usare Strumenti consigliati da Google, UglifyJS e CSSNano.

Riduci i reindirizzamenti delle pagine

Ogni volta che una pagina viene reindirizzata a una pagina diversa, l'utente deve attendere il completamento del ciclo di richiesta-risposta HTTP. Se il tuo pattern di reindirizzamento mobile ha questo aspetto: "dominio.com -> www.tuodominio.com -> m.domain.com -> m.domain.com/home, "Ciascuno di questi due reindirizzamenti aggiuntivi rallenta la pagina.

Utilizza una rete di distribuzione dei contenuti

Una rete di distribuzione dei contenuti (CDN) è una rete di server che distribuiscono il carico di consegna dei contenuti. L'utilizzo di un CDN fornisce una maggiore velocità di caricamento del tuo sito web. Inoltre impediscono arresti anomali del sito in caso di picchi di traffico.

Perché è importante migliorare la velocità della pagina

Avere una pagina che si carica velocemente è un indicatore dell'esperienza utente complessiva del tuo sito. In altre parole, se le tue pagine si caricano velocemente, forniranno i contenuti più velocemente e, in definitiva, soddisferanno le esigenze dei tuoi utenti più rapidamente.

Crea un sito web intuitivo

Prima che il termine "user-friendly" fosse coniato, gli sviluppatori di siti web e gli utenti dovevano descrivere le caratteristiche che rendevano un sito web facile da usare. Nel frattempo, un sito web mal progettato è stato descritto come uno che non soddisfa le aspettative degli utenti.

Con così tanti web design impressionanti e tendenze di crescita, atterrare su un sito web così così è frustrante. Se il tuo sito web rende difficile agli utenti trovare ciò che stanno cercando, è caricato con collegamenti interrotti o impiega troppo tempo per caricarsi, non dovrebbe esistere.

Pertanto, mantenere attivi i tuoi utenti e incoraggiarli a tornare sul tuo sito significa investire in un design user-friendly.

Come costruire un sito user-friendly

Per creare in modo efficace un sito facile da usare, dovresti:

  • Mantieni la navigazione semplice
  • Fai caricare le tue pagine più velocemente
  • Rendi i tuoi contenuti facili da capire
  • Includere un chiaro invito all'azione
  • Combina aiuti visivi e testo per maggiore chiarezza
  • Rendi i tuoi contenuti condivisibili
  • Ricorda gli utenti mobili

Perché è importante costruire un sito user-friendly

Un sito web di facile utilizzo aumenterà il traffico del tuo sito. Ottantotto per cento degli americani hanno sentimenti spiacevoli nei confronti dei marchi con siti Web e app mobili con prestazioni scadenti.

Inoltre, più il tuo sito è user-friendly, maggiore sarà la fiducia che ispirerai nei consumatori che lo utilizzano.

Ottimizza le immagini per il SEO

Gli esseri umani elaborano le immagini meglio del testo. Quindi un contenuto ricco di immagini coinvolgerà meglio i tuoi utenti e li aiuterà a ricordarlo più a lungo.

In pratica, l'ottimizzazione delle immagini significa che le consegnerai nel formato, dimensione, dimensione e risoluzione corrette mantenendo le dimensioni più piccole possibili.

Come ottimizzare le immagini per la SEO

Puoi godere dei vantaggi delle immagini ottimizzate con i suggerimenti di seguito.

Trova immagini che corrispondono ai tuoi contenuti

Sebbene l'utilizzo di foto originali sia migliore delle immagini stock, è più importante utilizzare quelle pertinenti. Ad esempio, se stai scrivendo sulla tua esperienza di speed dating, non utilizzare le immagini di speed dating di altre persone.

Puoi trovare immagini gratuite e utili sui siti Web Unsplash, Flickr e Pixabay.

homepage di unsplash

Scegli nomi di file adatti alle tue immagini

Proprio come il punto precedente, è fondamentale salvare le immagini con nomi appropriati. Se stai creando contenuti sulla Torre Eiffel e stai usando una foto che mostra un tramonto a Parigi, il nome del file non dovrebbe essere DSC5672.jpg.

Un nome di file appropriato sarebbe eiffel-tower-paris-sunset.jpg, assicurando che il soggetto principale della foto (e il tuo contenuto) sia all'inizio del nome del file.

Usa il formato immagine corretto

Sebbene non esista un formato corretto per le immagini, ti consigliamo di:

  • Usa JPEG per immagini o illustrazioni di grandi dimensioni,
  • Usa PNG se vuoi preservare la trasparenza dello sfondo dell'immagine,
  • Usa WebP per i suoi risultati di alta qualità con file di dimensioni inferiori o
  • usa SVG per icone e loghi.

Usa tag alternativi

I tag alternativi aiutano i robot dei motori di ricerca a indicizzare il contenuto dell'immagine. Un tag alt ragionevole fornisce il contesto mentre aiuta gli utenti con problemi di vista.

Aggiungi didascalie

Sebbene le didascalie delle immagini possano non avere un impatto diretto sulla SEO, sono visibili sulla tua pagina web. E la loro presenza può aumentare l'esperienza dei tuoi visitatori.

Perché è importante ottimizzare l'immagine per la SEO

Se usate correttamente, le immagini aiutano i lettori a capire meglio il tuo articolo. Inoltre, le immagini con testo correlato molto probabilmente si classificano meglio per la parola chiave per cui sono ottimizzate.

Wrapping It Up

La SEO tecnica è un processo continuo e sarebbe impossibile includere tutti i passaggi in un'unica guida. Detto questo, se affronti tutti gli elementi sopra, sarai sulla buona strada per un posizionamento più alto nei motori di ricerca.

Sarai anche un passo avanti rispetto alla concorrenza, che è tutto ciò che conta. Quindi, inizia! In bocca al lupo.