Come vendere cibo online: una guida completa

Più spesso che no, un nuovo imprenditore e-commerce sta pensando a una bella invenzione per risolvere i problemi da qualche parte intorno alla casa. O forse stanno prendendo in considerazione modi per acquistare prodotti per i loro negozi online dalla Cina e stupire i clienti con servizio, velocità e qualità.

Tuttavia, non è troppo spesso si sente parlare di vendita di cibo online.

E poiché questo è il caso, c'è una quantità limitata di informazioni su come imparare a vendere cibo online.

I negozi di alimentari stanno iniziando a capire come consegnare partite di cibo alle soglie delle case.

La realtà è che questo è in circolazione da un po 'con Peapod, ma anche aziende come Amazon e Imperfect Produce stanno entrando in azione. Ancora più comuni sono i cibi meno deperibili, come hot dog e manzo congelati, scatole per abbonati con mix trail (si pensi Nature Box), carne secca e l'ampia gamma di altri alimenti che potresti trovare nel tuo negozio di alimentari.

Scommetto che potresti aver notato pasti completi preparati o separati in porzioni da preparare in seguito (come Blue Apron).

Indipendentemente dal tipo di cibo che pianifichi di inviare ai clienti, ci sono regole convenzionali da seguire. La parte facile è pensare a cosa vendere, e non è così difficile configura il tuo negozio online.

E ora, continuerò a seguire questi passaggi, ma assicurati di prestare attenzione agli aspetti legali e di licenza dell'intera operazione. Altrimenti, potresti finire nei guai legali e nella peggiore delle ipotesi, dietro le sbarre.

Quindi continua a leggere per imparare come vendere cibo online.

A proposito, ho fatto un versione video del tutorial per te nel caso tu voglia sentire la mia voce ????

Video Youtube

Passo 1: Aspetti legali e di licenza da sapere prima di imparare come vendere cibo online

come vendere cibo online

Il regolamento per la vendita di prodotti da forno, merci non deperibili o qualsiasi tipo di cibo online è un po 'complicato. La ragione principale alla base di questo è perché dipende completamente da dove si trova la tua cucina.

Confuso? Bene, in parole più semplici, le regole che ho menzionato prima variano in base alle regioni.

Tuttavia, ci sono alcune regole generali che puoi seguire che tratterò qui.

Prima di iniziare, è necessario conoscere le leggi di base sulla vendita di prodotti alimentari online.

Ad esempio, qualsiasi persona negli Stati Uniti che pianifica di vendere cibo fuori dalla propria casa (sia che si trovi online o andando a fiere o mercati di strada) deve seguire le normative sui cibi caserecci. Puoi saperne di più su quelli, ma consigliamo anche di completare una ricerca su Google per le leggi sugli alimenti caserecci del tuo stato.

Suggeriamo di leggere le leggi sul cibo dei cottage (perché variano tutte), ma la maggior parte di esse segue gli stessi principi di base:

  • È necessario disporre di una corretta conservazione per tutto il cibo, freddo e secco.
  • Non ti è permesso avere animali domestici nella tua cucina.
  • Hai bisogno di una licenza commerciale statale.
  • È necessario ottenere l'autorizzazione alla zonizzazione e tutti i permessi necessari dal governo locale.
  • È richiesto un controllo della cucina almeno una volta all'anno. Questo è fatto dal dipartimento della salute.

Quando sorgono domande, è necessario contattare il dipartimento sanitario locale e il Dipartimento dell'agricoltura locale. In effetti, è una buona idea farlo a prescindere. Per quanto riguarda quelli che vendono nell'UE, c'è un tutt'altra cosa serie di leggi a cui devi pensare.

Che dire di permessi e certificazioni per la vendita di prodotti da forno?

Ora che le parti legali primarie sono state completate, è tempo per te di considerare quali permessi e certificazioni hai bisogno per la tua azienda.

Come sempre, dipende da dove si trova la tua cucina. Detto questo, ti consigliamo di ottenere quanto segue:

  • Passa attraverso una sorta di allenamento per la gestione del cibo diventare un gestore di cibo certificato. Questo tipo di allenamento ti insegna come gestire correttamente il cibo, a quali temperature conservare, a quali temperature cucinare, come lavarti le mani, i piatti e molto altro ancora.
  • Ottieni un permesso locale per la tua cucina. Ciò comporta spesso il contatto con la tua contea o altro governo locale. È necessario verificare con loro per assicurarsi che la vostra cucina di casa soddisfi le normative in materia di zonizzazione e sicurezza alimentare. Se la tua casa non soddisfa i requisiti dovrai trovare una cucina commerciale.
  • Concedi in licenza la tua attività nello stato. Questa licenza di solito può essere effettuata su Sito web SBA. La maggior parte delle volte non ti è tecnicamente permesso fare una vendita online finché non ti registri allo stato.

Passo 2: trova un fornitore affidabile

Sì, potresti preparare i tuoi pasti o prodotti alimentari da zero, ma a un certo punto potresti dover contattare un fornitore per gli ingredienti.

Dal momento che l'industria alimentare ha così tante società ombrose (dove potresti non ottenere ciò che ordini), è essenziale monitorare la catena di approvvigionamento prima di impegnarsi con un fornitore.

I fornitori più affidabili sono elencati su directory affidabili (immaginatelo!). Si consiglia di iniziare con Elenco dei fornitori di ingredienti per gli Stati Uniti. Puoi anche trovare diverse altre directory online per altri paesi.

Una volta selezionati alcuni fornitori che corrisponde alle esigenze degli ingredienti, inizia a esaminare le loro certificazioni e la catena di approvvigionamento. Fare connessioni è una grande parte di questo, ma puoi in genere chiedere referenze e navigare in internet per vedere se, per esempio, un fornitore di prodotti biologici ha le certificazioni giuste.

Inoltre, è sempre possibile iniziare a produrre piccoli lotti con cibo da Costco o da un magazzino di magazzino simile.

Passo 3: considera come dovrebbero essere i tuoi imballaggi e le etichette

Vuoi più regolamenti? Ne ho un po 'per te

Sapevi che è estremamente importante avere le etichette dei cibi giuste?

Secondo la legge degli Stati Uniti, ogni prodotto alimentare dovrebbe avere etichette e una completa divulgazione degli ingredienti. Dovresti anche avere una quantità netta, il peso di tutti gli ingredienti combinati e una menzione del nome e della sede del produttore (in particolare la tua azienda e il fornitore).

Dovresti avere questa etichetta sulla confezione e nelle descrizioni dei prodotti online. In questo modo stai seguendo la legge e i tuoi clienti non continueranno a fare domande.

Quando crei gli elenchi dei tuoi ingredienti, inizia con gli ingredienti più grandi e inizia da li. Dovresti anche evidenziare specifici allergeni alimentari che potrebbero interessare persone come arachidi o semi di soia. Strumenti come HubSpot ti permettono di creare moduli di contatto gratuitamente. Tutte le informazioni sui clienti vengono quindi registrate in un CRM che semplificherà la gestione dei contatti e l'interazione con loro inviando contenuti personalizzati.

Quando si spediscono i prodotti, i prodotti non refrigerati di solito richiedono solo un'etichetta di qualche tipo che dichiari "deperibili" o "fragili".

Tuttavia, se il cibo richiede una sorta di refrigerazione o se gli alimenti sono alterati in qualche modo a causa del caldo o del freddo, è essenziale trovare un corriere che offra spedizioni controllate dal clima. In questo modo avrai un felice ispettore sanitario e clienti.

Passo 4: configura il tuo negozio online

Abbiamo detto che il negozio online è una delle parti più facili di vendita di cibo online. Questo è vero dal momento che non devi essere un genio del computer o un programmatore per configurare il tuo sito. In effetti, posti come Shopify, BigCommerce, Squarespace e Volusion tutto ha tutto il necessario per avviare un sito web.

Useremo Shopify per questo esempio, ma ti consigliamo di dare un'occhiata a le migliori piattaforme di e-commerce prendere una decisione corretta. Ognuno di loro ha i suoi pro e contro.

Come punto di partenza, vai al Shopify negozio a tema, quindi seleziona l'industria alimentare e delle bevande.

come vendere cibo online - temi shopify

Questo rivela tutti i tipi di temi gratuiti e a pagamento, molti dei quali sono progettati solo per determinati settori, mentre altri possono essere personalizzati per adattarsi a qualsiasi tipo di azienda.

Ad esempio, supponiamo che la mia azienda voglia vendere i cookie. Ho intenzione di optare per il tema Focal poiché si adatta perfettamente alle mie esigenze. Costa $ 170, ma questo è uno degli unici costi che hai nell'area di progettazione delle cose. E hai anche la possibilità di scegliere un tema gratuito.

Questo è un tema bellissimo con slider, gallerie di raccolta, moduli di iscrizione via email e link ai social media.

Dopo aver scelto il tema e iscriversi per Shopify tutto quello che devi fare è aggiungere i tuoi prodotti e collegare il processore di pagamento di tua scelta. Tutti i tuoi prodotti possono quindi essere acquistati al prezzo che hai impostato. Inoltre, vengono gestite cose come l'hosting e i nomi di dominio Shopify, quindi non dovrai pensare molto agli aspetti tecnici della tua attività.

Non sembra abbastanza semplice?

Compra o prepara il cibo, prendi scatti e aggiungili al carrello! E poi, hai quasi finito con metà del lavoro!

Passo 5: inizia il marketing per i buongustai

Ok, supponiamo che il tuo negozio online sia pronto. Non finisce qui.

In realtà, stiamo solo iniziando. Questo passaggio può rivelarsi un incubo perché richiede impegno e comprensione dei vari processi se sei un principiante del marketing online.

Ma non aver paura. Ecco alcuni suggerimenti.

Quando fai marketing per il tuo business alimentare, molto di esso può essere fatto attraverso mercati locali e feste di strada. Tuttavia, il lavoro online dovrebbe iniziare con la tua lista di email. In questo modo puoi iniziare ad afferrare le informazioni dei clienti fin dall'inizio.

Inoltre, ti consigliamo di avviare un blog di alimenti o ricette, in cui di tanto in tanto condividi le ricette che i tuoi clienti possono fare con gli ingredienti che vendi sul tuo sito. Questo non solo fornisce contenuti per il tuo blog, newsletter e-mail e pagine di social media, ma è un ottimo modo per consigliare i tuoi prodotti.

Il social media marketing è fantasticoma tagliandi, blog ed eventi locali sono fondamentali per le vendite di cibo. Alcune persone si imbatteranno per caso sulle tue ricette e sui post del tuo blog, ed è un ottimo modo per ottenere la parola.

Vendiamo cibo online!

Ora che abbiamo esaminato le regole, le leggi, i regolamenti, i permessi e gli aspetti di progettazione della vendita di prodotti alimentari online, dovresti essere pronto per essere creativo e iniziare a fare soldi.

Hai mai provato a vendere prodotti da forno? Se sì, che tipo di cibo hai scelto e quale piattaforma hai usato?

Sarebbe bello poter condividere le strategie che hai adottato.

Se hai ulteriori domande su come vendere cibo online, per favore fammelo sapere nella sezione commenti qui sotto.

Immagine caratteristica di Nahid Hossain

Joe Warnimont

Joe Warnimont è uno scrittore freelance che crea strumenti e risorse per aiutare altri scrittori a diventare più produttivi e commercializzare il proprio lavoro.