Annunci online: semplici errori che potrebbero costarti

Il mondo della pubblicità online è separato in editori e inserzionisti. L'editore è il proprietario di un sito che consente a qualcun altro di fare pubblicità su di esso, mentre l'inserzionista è ovviamente quello che fa la pubblicità. In alcuni casi, l'editore può anche essere l'inserzionista e, quando ciò accade, viene chiamato pubblicità interna. Tutto il resto è pubblicità esterna.

Perché questi termini devono essere definiti è perché influenzano fortemente la tolleranza e l'accettazione che è probabile che un pubblico abbia per essere esposto all'annuncio. In generale, un pubblico avrà livelli molto più elevati di fiducia e accettazione nel caso della pubblicità interna, e, a sua volta, è più probabile che abbassino la guardia e potenzialmente si impegnino con la pubblicità.

D'altra parte, la pubblicità esterna può generare una vasta gamma di risposte, ma molte persone riferiscono di sentirsi infastidite da pubblicità esterne, e alcune sono addirittura infuriate da loro. Il modo in cui ciò è avvenuto è in gran parte dovuto al comportamento collettivo della maggior parte del settore del marketing nei primi 1990.

Perché la pubblicità interna è più accettata

È probabile che anche gli utenti che arrivano a un sito Web a seguito di una scelta consapevole di interagire con il marchio rappresentato da quel sito Web interagiscano con la pubblicità interna sul sito web. Catene di ristoranti fast food come McDonald's, KFC e Burger King sono buoni esempi, dato che normalmente contengono molta pubblicità interna, e gli utenti sono piuttosto disposti a interagire con questi, perché sono già sintonizzati per ricevere il messaggio di marketing. Sono su un sito che è rilevante per il loro interesse e vogliono quante più informazioni possibili, soprattutto se l'annuncio promette qualche tipo di incentivo come buoni sconto.

Perché la pubblicità esterna è meno accettata

A causa delle tecniche ombrose utilizzate dai rivenditori senza scrupoli, gli utenti hanno sviluppato rapidamente un'avversione per quella che è stata vista come pubblicità invasiva. A quel tempo la principale fonte di antagonismo era che le pubblicità influivano gravemente sull'esperienza utente, ma man mano che gli utenti si rendevano conto del potenziale cookie per rintracciarli e identificarli, si innescava un enorme contraccolpo.

Il risultato del marketing sta andando troppo lontano

Tra le altre cose, questi abusi hanno dato origine alle ridicole leggi europee sui cookie, che in realtà non risolvono alcun problema e ne creano di nuovi. È anche il motivo per cui esiste un settore completamente nuovo dedicato al blocco degli annunci pubblicitari (e ironicamente molti dei sistemi creati per bloccare la pubblicità sono pubblicizzati online).

Ma gli utenti non odiano davvero gli annunci

Il più grande fraintendimento nel settore del marketing deriva dall'idea che gli utenti odiano gli annunci e questo è il motivo per cui utilizzano gli ad blocker pubblicitari. La verità, tuttavia, è diversa. In realtà ciò che gli utenti odiano sta avendo la loro privacy invasa. Gli annunci che non utilizzano il monitoraggio o tentano di "personalizzare l'esperienza dell'utente" sono accettabili per la maggior parte degli utenti Internet intelligenti. Gli annunci che sono utili o danno beneficio al lettore in qualsiasi forma a seguito di un coinvolgimento con loro possono persino essere considerati favorevoli, tranne quando l'annuncio sembra essere personalizzato, regionalizzato (falsamente) o facendo uso di tecniche di tracciamento.

Gli inserzionisti e gli editori devono evitare consapevolmente gli errori che portano al fallimento

Non sarebbe bello se ci fossero alcune semplici regole che potrebbero dirti cosa evitare di fare e come avere più successo nella pubblicità online? Beh, tieniti forte, perché quelle regole effettivamente esistono. Ora diamo un'occhiata agli errori comuni che potrebbero costarti denaro e buona volontà.

Errore 1: gli editori generano flussi di cassa negativi dagli annunci

Ci sono alcuni tipi di editori che hanno siti ideali per l'hosting di pubblicità esterna. In generale, sono siti non aziendali. Se hai un sito che è in qualche modo legato a un marchio, potrebbe rendere il tuo sito non professionale se contiene annunci per cose non correlate alla tua attività.

Immaginate se McDonald's avesse pubblicità sul loro sito per una vendita di scarpe nel centro commerciale. Un annuncio di questo tipo sarebbe sicuramente fuori luogo e comprometterebbe l'esperienza dell'utente, anche se l'utente era davvero dell'umore giusto per comprare delle scarpe. Non sono venuti sul sito Web di McDonald's in attesa di mostrare un annuncio per le scarpe.

Se gli annunci sul tuo sito hanno un effetto negativo sul tuo aspetto e sulla tua reputazione professionale, tali annunci potrebbero costarti di più in termini di perdita di affari di quanto possano generare per te come entrate pubblicitarie. In tal caso, è molto meglio non ospitare gli annunci.

Errore 2: utilizzo di finestre pop-up o pop-under per pubblicità o tracciamento

Questa è una delle cose più fastidiose che un inserzionista o un editore possa fare. Quasi nessuno fa clic su annunci contenuti in pop-up o pop-under, e quando lo fanno, è spesso per caso. Non vinci se qualcuno fa clic sul tuo sito come risultato di un incidente o attraverso l'inganno. Infastidisce solo l'utente.

Anche i principali siti come TripAdvisor hanno usato il pop-under, e questo è quanto ha generato un sacco di lamentele dagli utenti che lo sono frustrato da loro. Uno dei motivi per cui è importante è che i pop-under sono nascosti. L'utente potrebbe anche non essere consapevole del fatto che uno è stato aperto fino a quando non chiudono la finestra del browser. Ma può anche avere un impatto più grave sull'utente, perché il tuo pop-under potrebbe impedire a Firefox di offrire all'utente la possibilità di salvare la sessione di navigazione.

Errore 3: schermi Nag

Questi sono comuni sui siti di blog commerciali, ma talvolta hanno anche trovato la loro strada nei siti aziendali. Si tratta di finestre modali attivate in determinati eventi, ad esempio l'utente che accede al sito, tenta di uscire dal sito o scorre oltre un determinato punto della pagina. Il modale di solito si blocca o chiede all'utente di iscriversi a una mailing list o qualcosa del genere. È incredibilmente scortese. È come bloccare la porta del tuo negozio fino a quando il cliente ti dice dove vivono così puoi inviarli cataloghi.

Il problema è che questi fastidiosi pop-up funzionano davvero. Vari idioti (e occasionalmente interessati alla persona) li riempiono, e ciò che alla fine accade è che l'inserzionista riceve molti indirizzi e-mail, quindi i marketer credono ancora che sia bello avere.

Quello che non stanno considerando è questo la maggior parte degli utenti li trova fastidiosi e anche quando gli indirizzi e-mail vengono raccolti e spammati fino in fondo, non vedrai un aumento drammatico delle vendite. Potresti anche vedere una diminuzione delle tue vendite. È perché quasi nessuno legge le newsletter e altro spam sollecitato che invii.

Gli schermi Nag non sono l'unico modo per acquisire abbonati, e ci sono prove che sono meno efficaci dei metodi alternativi.

Errore 4: Promettere una cosa e consegnarne un'altra

Questa è solo pura disonestà, e di solito si ritorce contro. Una variazione su questo è mascherare una pubblicità come contenuto originale e rivelare solo abbastanza tardi che stai cercando di vendere qualcosa all'utente. È probabile che entrambi i tipi di annunci comportino una visione negativa dell'utente. Certamente potresti fare delle vendite a prescindere, ma probabilmente faresti molto di più se fossi onesto nelle tue intenzioni.

Un esempio è quando offri all'utente una prova gratuita o un campione gratuito, ma poi scoprono che non è veramente libero. C'è una grande differenza tra una prova gratuita e una garanzia di rimborso, ma ci sono molti marketer che trascureranno felicemente questa differenza e chiameranno una vanga una pala. Altri esempi includono l'aumento del prezzo al di sopra del prezzo pubblicizzato aggiungendo ulteriori addebiti laddove non sarebbe giustificato, mostrando un prodotto che in realtà non è il prodotto venduto, utilizzando testimonianze ovviamente false, e così via.

Errore 5: sfacciata disonestà e falsa dichiarazione

È qui che l'inserzionista presenta informazioni false per cercare di convincere il consumatore a comprare. A parte il fatto che in molte giurisdizioni è illegale farlo, basta una sola persona per esporre la frode sui social media e la tua intera reputazione potrebbe essere in rovina. Potresti anche dover affrontare procedimenti giudiziari e cause legali.

Errore 6: monitoraggio

Questo è il motivo per cui le persone usano gli ad-blocker e gli strumenti per la privacy come Ghostery. È per questo che sempre più persone utilizzano gli anonimizzatori, rifiutano i cookie e utilizzano i personaggi online. Ed è per questo che l'Europa ha creato le loro pazze leggi sui cookie. Ora che il presidente Trump ha approvato la vendita della cronologia di navigazione, è probabile che gli utenti siano ancora più resistenti che mai a essere rintracciati. Quando si utilizza il monitoraggio ci sono due cose che accadono. Il primo è che molti utenti lo percepiscono come inevitabile, e il secondo è quello quasi tutti gli utenti si risentono.

Errore 7: eccessivo affidamento sugli annunci display

Gli inserzionisti fanno spesso l'errore di pensare che ciò che funziona nel mondo offline sia anche il più efficace online. Gli annunci display sono non altrettanto efficace come annunci di contenuto in linea, tranne quando gli annunci di contenuto in linea sono collegamenti SEO che fingono di non essere annunci. Quando un blogger che è popolare tra i corridori fa una raccomandazione per un certo tipo di scarpe da corsa, i lettori sono più propensi a rispondere favorevolmente a questo annuncio che se fosse semplicemente un banner pubblicitario grafico visualizzato sulla pagina o un link ingannevole che è stato aggiunto solo per farti un clic.

immagine di cortesia per gentile concessione di justyna stasik

Bogdan Rancea

Bogdan è membro fondatore di Inspired Mag, avendo accumulato quasi 6 anni di esperienza in questo periodo. Nel tempo libero ama studiare musica classica ed esplorare le arti visive. È piuttosto ossessionato dai fissaggi. Possiede già 5.