Le migliori strategie pubblicitarie per i negozi online (giugno 2019)

Quando finalmente lanci il tuo negozio, speri segretamente che sia un successo in fuga dal primo giorno. Per me quel sentimento dura circa un giorno, poi la realtà che fa riflettere diventa realistica. Ti rendi conto che ci vorrà più tempo del previsto e hai bisogno di alcune solide strategie pubblicitarie.

Anche con prodotti unici e un grande design, ci vuole del tempo per far funzionare il tuo negozio. E una delle cose che è più difficile da sopportare è il tuo marketing.

SEO, social media e email marketing funzioneranno tutti per ottenere traffico nel tuo negozio. Ma tutti hanno bisogno di tempo per crescere.

La pubblicità è una delle tue uniche opzioni per fare progressi più velocemente quando sei appena agli inizi.

Perché le strategie pubblicitarie ti aiutano a fare progressi più velocemente

Il motivo per cui la maggior parte degli imprenditori vuole vedere i progressi in fretta è semplicemente perché siamo impazienti. Il lancio di un negozio online richiede molta preparazione. E quando finalmente è vivo, vuoi vedere i risultati ADESSO!

In passato, ho sprecato troppo tempo in progetti che non andavano da nessuna parte. Quindi per me, la ragione principale è che voglio passare il mio tempo a qualcosa che funziona.

La pubblicità accelera le cose in tre modi. Ti permette di:

1. Stirare le rughe

Non importa quanto hai speso per testare il tuo sito web. Alcuni errori compaiono solo quando hai veri visitatori sul tuo sito. Collegamenti interrotti, istruzioni non chiare, informazioni sul prodotto mancanti, ecc.

Con strumenti come Optimizely puoi creare mappe di calore e registrazioni che ti mostreranno cosa sta succedendo, permettendoti di cogliere errori evidenti o cose che puoi migliorare ulteriormente.

2_heatmap-commerce-store

Dai un'occhiata a questa mappa del calore da Brothers Leather Supply. Sembra che tutti i visitatori facciano clic sulle immagini del prodotto. Come useresti queste informazioni per migliorare la tua pagina di prodotto?

Se si dispone di un'unica immagine di prodotto di bassa qualità, è possibile aggiungerne altre. O invece di scrivere solo tutti i possibili casi in cui il prodotto può essere usato, forse potresti aggiungere più immagini dove vengono mostrati alcuni di questi casi.

Altri due ottimi strumenti sono sondaggi veloci o chat live. Ti consentono di ottenere informazioni aggiuntive sui tuoi visitatori, scoprire cosa manca nella pagina o scoprire perché gli utenti non stanno acquistando.

2. Impara i tuoi numeri

Prima di iniziare il tuo negozio, speri di fare un calcolo approssimativo del numero di vendite necessarie. Quanti visitatori avresti bisogno di fare una vendita? Quanto pagheresti per ogni clic? Cosa valrebbe un ordine medio?

La pubblicità ti consente di ottenere chiarezza su questi numeri. Con i visitatori (e le vendite) che stanno arrivando, sei in grado di adattare il tuo piano con i numeri reali, non quelli che hai inventato. Questo potrebbe far riflettere, ma ti aiuterà a prendere decisioni più intelligenti.

3. Fare vendite

Non c'è niente come fare vendite effettive per motivarti. Anche se i numeri non hanno ancora senso, generare vendite si sentirà bene e dimostrerà che c'è un potenziale.

Quindi, se ritieni che la pubblicità abbia un senso per il tuo negozio, diamo un'occhiata a dove iniziare a vedere i risultati massimi, riducendo al minimo le perdite.

Il tuo progetto pubblicitario

C'è una buona possibilità che ti senti già sopraffatto da tutto ciò che "dovresti" fare per il tuo negozio. E più guardi alle strategie pubblicitarie, più grande dovrebbe essere la lista da fare.

Ma troppi nuovi proprietari di negozi saltano alla cieca sulla prima opportunità pubblicitaria che appare. E senza un solido piano, spesso finiscono per andare da nessuna parte.

Questo perché competi con le aziende che hanno giocato a questo gioco per anni. Hanno speso migliaia di dollari e potrebbero avere team dedicati per mettere a punto questa macchina.

Per competere efficacemente in questo spazio e abbreviare il processo, ti suggerisco di iniziare con cose che hanno meno probabilità di fallire.

E nel tempo, man mano che diventi più intelligente con i tuoi numeri e acquisisci maggiore familiarità con il funzionamento interno delle diverse piattaforme, puoi passare ai livelli successivi.

Livello 0: tracciamento

Se paghi per il traffico, è fondamentale sapere cosa ne esce.

Google Analytics è lo strumento perfetto per questo. Sei in grado di vedere esattamente da dove provengono i visitatori e cosa fanno sul tuo sito.

Ma un po 'di traffico, come da Facebook Ads, non viene tracciato automaticamente. Vedrai spesso queste visite come referral o traffico diretto, il che rende difficile sapere cosa funziona.

Per evitare ciò, è necessario aggiungi parametri extra alla fine dei tuoi link. In questo modo sarai in grado di identificare esattamente da dove proviene ciascun visitatore.

Puoi anche utilizzare questa tecnica per monitorare i visitatori che arrivano tramite link da altri luoghi come email o social media

Livello 1: retargeting

La parte più difficile del marketing è far preoccupare le persone.

Quindi se inizi con persone che hanno già visitato il tuo sito, i risultati saranno migliori. I tassi di conversione saranno più alti, il che significa un costo per conversione più basso rispetto alle persone che non hanno mai sentito parlare di te.

Questo è chiamato retargeting e puoi farlo sia tramite Facebook Ads o Google AdWords. Funzionano in modo abbastanza simile. La differenza principale è dove verranno visualizzati i tuoi annunci. Su Facebook le persone vedranno i tuoi annunci pubblicati sul loro feed di notizie mentre Google utilizza la sua rete di siti Web di terze parti per mostrare annunci di remarketing.

Quale funziona meglio per il tuo negozio dipende dai tuoi clienti e annunci. Ma vale la pena dare una possibilità e confrontare la performance.

Iniziamo con Facebook e affrontiamo Google in seguito.

Retargeting con le pubblicità di Facebook

facebook-retargeting-AD
Esempio di un annuncio di retargeting di Facebook per MVMT Watches

Diamo un'occhiata a come è possibile impostare qualcosa come questo annuncio per il tuo negozio.

1. Installa il pixel di Facebook

Innanzitutto, devi installare il pixel di Facebook. Questo è un codice che hai inserito su tutte le pagine del tuo negozio. Permette a Facebook di identificare quale visitatore ha visitato quali pagine del tuo sito.

L'effettiva implementazione dipenderà dal tuo piattaforma di e-commerce. Alcuni, come Shopify (leggi il nostro Fai una recensione di Shopify qui), hanno l'integrazione automatica, mentre con altri dovrai apportare modifiche ai tuoi modelli.

2. Crea pubblico

Grazie al pixel, Facebook registra tutti i visitatori. Dopodiché, devi impostare il pubblico. Questi sono gruppi di persone che hanno fatto cose simili sul tuo sito.

Alcune idee: i visitatori del tuo sito web, tutti i visitatori che hanno visitato una pagina di prodotto, visitatori di blog, acquirenti, ecc.

Quando inizi, probabilmente useresti un pubblico piuttosto ampio. Ma con l'aumento di visitatori, puoi creare segmenti di pubblico più specifici che ti daranno risultati migliori.

3. Crea annunci

Ora che hai deciso chi vuoi indirizzare, devi trovare una buona pubblicità.

Ricorda che le persone su Facebook non stanno aspettando di fare clic sugli annunci. Sono impegnati a fare cose diverse. Quindi devi attirare la loro attenzione.

Prima di andare alla ricerca di immagini accattivanti, decidi la tua offerta. Le persone a cui mostrerai questo annuncio sono già al corrente del tuo negozio. Quindi quale messaggio li farà tornare: magari uno sconto, una promozione speciale, i tuoi bestseller o un messaggio generale sul tuo negozio.

Se non hai paura di una sfida tecnica, puoi carica le informazioni del tuo prodotto su Facebook utilizzando i cataloghi dei prodotti. In questo modo puoi mostrare i prodotti reali che le persone visitavano sul tuo sito web.

Ciò che funziona meglio dipenderà dai tuoi clienti e dal tuo negozio. Avrai bisogno di provare molte varianti diverse prima di arrivare a quello che ti dà i migliori risultati.

Remarketing di Google

google-adwords-remarketing-ad-birchbox
Esempio di annuncio di remarketing di AdWords di Birchbox

Diamo un'occhiata a come è possibile impostare qualcosa come questo per il tuo negozio.

1. Installa il codice di remarketing

Per mostrare i tuoi annunci, Google deve sapere chi ha visitato il tuo sito. Come con il pixel di Facebook, non è difficile da fare. Hai due opzioni. Se utilizzi Google Analytics, devi solo creare un piccolo tweak al tuo codice oppure puoi anche utilizzare il codice di remarketing speciale di AdWords.

Preferisco questo primo perché ti consente di scegliere i diversi tipi di pubblico a cui mostrerai i tuoi annunci.

2. Crea segmenti di pubblico per il remarketing

Ancora una volta qui è necessario definire il pubblico, i gruppi di visitatori. A differenza di Facebook, hai anche l'opzione qui per approfondire ciò che questi visitatori hanno fatto sul tuo sito web.

Ad esempio, puoi creare un pubblico di visitatori che hanno trascorso una certa quantità di tempo sul tuo sito o includere solo persone che hanno visitato almeno 6 pagine durante la loro visita.

Creare questi pubblici ti permettono di indirizzare la più alta qualità possibile di visitatori.

3. Crea annunci

Ora devi creare i tuoi annunci di remarketing. Google Remarketing utilizza la rete Display, che è un'enorme rete di siti.

A differenza di Facebook, AdWords consente di inviare annunci in diverse dimensioni. Per ottenere la massima copertura, è necessario fornire un paio di formati diversi.

Ho scoperto che, a meno che tu non abbia un designer per il personale con il tempo libero a disposizione, di solito è più efficace da usare Generatore di annunci di Google. Ciò consente di creare annunci più veloci ed economici in tutti i diversi formati.

Questo è il lato pratico, più importante per le tue strategie pubblicitarie è quello che stai per mettere su questi banner: un'offerta, prodotti specifici o un semplice promemoria per visitare il tuo negozio.

Se hai impostato i tuoi feed di prodotto, puoi creare campagne di remarketing dinamiche. Questi mostreranno i prodotti reali che i visitatori stavano guardando. Ciò aumenta la pertinenza e spesso porta a risultati migliori.

Livello 2: Google Shopping

Gli annunci di Google Shopping vengono visualizzati nei risultati di ricerca. Ma invece di annunci di testo regolari, si tratta di annunci di prodotto che contengono l'immagine del prodotto, il prezzo e una breve descrizione.

Se un visitatore cerca un prodotto specifico, ci sono maggiori probabilità che finiscano per comprare.

Potrebbe non comprare quel prodotto esatto o potrebbe non comprarlo da te. Ma le tue possibilità di fare una vendita sono molto più alte rispetto a quando mostri un annuncio su Facebook a qualcuno che non ha mai sentito parlare di te.

Il motivo per cui sto suggerendo le campagne di Google Shopping è che sono diventati sempre più importanti negli ultimi due anni. Google dà loro più immobiliare nei suoi risultati di ricerca. E per te come inserzionista, sono abbastanza facili da gestire una volta che sono attivi e funzionanti.

Se fornisci a Google un file con tutte le informazioni sui tuoi prodotti, Google Adwords eseguirà la maggior parte del lavoro pesante per creare gli annunci e abbinarli alle query di ricerca corrette.

Tuttavia, impostare le campagne di Google Shopping può essere piuttosto impegnativo. Diamo un'occhiata alle due parti principali di cui hai bisogno: creare un feed prodotto senza errori e utilizzarlo per impostare una campagna effettiva.

Crea un prodotto (abbastanza buono)

Per creare gli annunci Shopping, Google Adwords ha bisogno di un feed prodotto. Questo è un file con tutte le informazioni sui tuoi prodotti: cose come marchi, descrizioni, immagini, dimensioni e prezzi.

Quanto è difficile creare quel file dipende dal tuo piattaforma di e-commerce e la qualità dei dati nel tuo sistema.

Anche se sei su una piattaforma oscura, è probabile che troverai app, plug-in o strumenti che possono aiutare a semplificare l'esportazione delle informazioni sul tuo prodotto in un formato che Google possa capire.

Dovrai quindi caricare quel file su Google Merchant Center, che è uno strumento gratuito di Google in cui elabora tutti gli articoli nel tuo feed di prodotto e verifica se corrisponde ai suoi requisiti.

google-merchant-centro-interfaccia
Interfaccia di Google Merchant Center

La maggior parte delle persone riuscirà a ottenere un feed prodotto dal proprio negozio e a caricarlo su Google Merchant Center.

Tieni presente che se utilizzi un'app o un plug-in, il tuo feed prodotto potrebbe essere trasferito automaticamente in Google Merchant Center.

Ma dopo l'elaborazione, è il momento in cui inizia spesso il problema. Google Merchant Center ti dirà cosa c'è di sbagliato in tutte le informazioni che hai appena fornito. Alcuni campi potrebbero mancare, le informazioni potrebbero essere errate o semplicemente nel formato errato.

La loro soluzione può essere semplice come aggiungere una politica di spedizione al tuo sito.

Ma per andare avanti dovrai farlo correggi gli errori nel tuo feed di prodotto che sono i più critici.

Oltre agli strumenti che ti aiuteranno nella creazione del tuo feed di prodotto, ci sono anche piattaforme che ti aiuteranno a gestire tutti i tuoi diversi feed di prodotto. Ciò può accadere se stai utilizzando altri servizi oltre a Google Shopping come Bing, Nextag, Pricegrabber o Amazon.

Crea campagne Google Shopping

Se il tuo feed prodotto è privo di errori critici, i tuoi articoli saranno approvati da Google Merchant Center. Allora sei in grado di utilizzare questo feed in Google Adwords per impostare le tue campagne.

Questo è piuttosto semplice. Quando si avvia una nuova campagna, si seleziona il feed che si desidera utilizzare per le proprie campagne, si seleziona un budget giornaliero e un importo che si desidera pagare per ciascun clic.

Quindi la tua campagna è pronta per essere eseguita.

Per impostazione predefinita, tutti i tuoi prodotti si troveranno in un unico grande gruppo di prodotti, tutti con la stessa offerta. Questo potrebbe essere utile per iniziare, ma alcuni prodotti ti saranno più preziosi di altri. Il loro prezzo sarà più alto, i loro margini potrebbero essere più alti, o potrebbe essere un prodotto che solo tu vendi.

Quando i primi clic e altri dati iniziano a rotolare, puoi continuare ottimizzare le tue campagne di acquisto.

Ciò significa tre cose:

  • Spulciando il "Rapporto sui termini di ricerca" per cercare ricerche non pertinenti e aggiungerle alle parole chiave a corrispondenza inversa.
  • Migliorare la struttura del tuo account: assicurati che i prodotti che vendono bene ottengano il maggior numero di clic.
  • Migliora la qualità delle informazioni nel tuo feed di prodotto. Fornire informazioni migliori ridurrà il prezzo pagato per ogni clic.

Suggerimento per professionisti: se ti piacciono i risultati che ricevi da Google Shopping, puoi facilmente importare le tue campagne in Bing. I loro annunci di prodotto funzionano quasi identici.

Livello 3: annunci Facebook

Molti nuovi proprietari di negozi iniziano qui e sono sorpresi quando non vedono immediatamente i risultati.

"Ho speso $ 120 su annunci FB e ho fatto esattamente vendite 0, sto pensando di chiudere questo negozio e aprirne uno in una nicchia diversa".

facebook-annunci-facepalm

Ci vuole del lavoro extra per convincere qualcuno a fare clic su un annuncio di Facebook, dal momento che non ha mai sentito parlare di te e non è venuto a Facebook per fare acquisti.

A differenza degli annunci Shopping del passaggio precedente, le persone che visualizzano questi annunci non cercano di acquistare il tuo prodotto. Non sono su Facebook e improvvisamente pensano: "Wow, questo è un bel maglione, passerò $ 129 su di esso".

Di solito ci vogliono da tre a cinque volte prima che qualcuno sia pronto per l'acquisto. Ciò significa che non puoi trarre conclusioni se pubblichi annunci per un solo giorno.

Non puoi fare tutto in una volta. Per prima cosa li disegna dentro, poi dopo li converti.

In particolare su Facebook, dovrai prima trovare persone che sono buone potenziali clienti.

Pensa ai tuoi clienti ideali: quanti anni hanno? Sono uomini o donne? Che tipo di programmi TV guardano?

Facebook ha uno strumento gratuito che ti può aiutare a identificare il tuo pubblico: Audience Audience di Facebook.

Facebook vuole promuovere buoni annunci, quindi se gli utenti fanno clic, condividono o commentano il tuo annuncio, Facebook ti premierà con un costo per clic inferiore. Nell'interfaccia di Facebook, puoi vederlo tramite il punteggio Rilevanza. Questo è un punteggio tra 1-10, più alto è il punteggio per un particolare annuncio, meno pagherai per ogni clic.

All'inizio non conoscerai l'approccio migliore. Dovresti mirare a un interesse generale ampio o andare su pagine specifiche? Il tuo annuncio dovrebbe avere una foto del tuo prodotto o una delle persone che la usano?

Puoi scoprirlo solo cercando approcci diversi e vedendo ciò che funziona bene.

A questo punto, avrai un annuncio che porta le persone al tuo sito a un costo per clic ridotto. Potresti o meno fare vendite, ma vedi che stanno navigando sul tuo sito (contro il rimbalzare).

Retargeting

Una volta che sono sul tuo sito, il remarketing o il retargeting di Facebook prenderà il via per mantenere il tuo negozio sul radar dei tuoi potenziali clienti.

Il pubblico sosia

Quando inizi, stai cercando di trovare un pubblico che risponda ai tuoi annunci.

Il Pixel di Facebook che hai installato sul tuo sito ti consente di creare segmenti di pubblico che hanno eseguito azioni specifiche sul tuo sito: hanno visto un prodotto, aggiunto qualcosa ai loro carrelli o acquistato qualcosa.

Oltre a indirizzare queste persone con il retargeting, puoi anche sfruttare la massiccia base di utenti di Facebook. Facebook utilizzerà il suo algoritmo per cercare tra i suoi profili utente per trovare persone simili a quelle del tuo pubblico o del pubblico.

Facebook analizzerà tutti quelli che sono stati acquistati dal tuo negozio e identificherà ciò che gli utenti hanno in comune. Forse sono tutti intorno agli 35-39 anni, tendono ad apprezzare le macchine e pubblicano attivamente su Instagram.

Più persone ricevi nel tuo pubblico originale, migliore diventa il pubblico di sosia di Facebook. Quindi, rispetto al targeting di un pubblico freddo, le tue possibilità di vedere buoni risultati diventano molto più alte con questi pubblici.

Livello 4: ricerca a pagamento

Il prossimo è una ricerca a pagamento.

Potresti chiederti perché è l'ultimo elemento nell'elenco e questo perché gli annunci di ricerca su Google AdWords sono diventati piuttosto competitivi.

Alcuni dei tuoi concorrenti su AdWords avranno trascorso molti anni e molti soldi per diventare più intelligenti, perfezionare i loro approcci e sfruttare gli strumenti migliori disponibili.

Quindi non puoi permetterti errori da principiante. Ma se hai implementato tutto quanto sopra, non sei più un novellino. Avrai una buona conoscenza di come sia il traffico di qualità e di cosa puoi permetterti di pagare.

Ci sono due grandi compiti che devi inchiodare per avere successo con la ricerca a pagamento:

  • Trova parole chiave redditizie
  • Crea fantastici annunci

Trova parole chiave redditizie

Innanzitutto, devi trovare parole chiave pertinenti per il tuo negozio. Puoi usare Google Keyword Tool per avere un'idea delle diverse parole chiave che le persone usano per cercare i tuoi prodotti. Se non hai alcuna ispirazione puoi anche controllare i siti web dei tuoi concorrenti per vedere quali parole chiave usano.

Apri un foglio di calcolo per creare un elenco di queste parole chiave. Successivamente, li dividi in gruppi di parole chiave strettamente correlate tra loro. Successivamente dovrai scrivere un annuncio specifico per ogni gruppo di annunci.

Quindi puoi iniziare a creare la campagna in AdWords.

Durante l'installazione ci sono tre errori da principiante per evitare:

  • Tipi di corrispondenza: questo decide la libertà che dai a Google di mostrare i tuoi annunci per parole chiave correlate. (Meno libertà è meglio)
  • Disattiva la Rete Display: questo assicura che i tuoi annunci vengano visualizzati solo nei risultati di ricerca
  • Aggiungi parole chiave a corrispondenza inversa: con questi, puoi specificare quando non vuoi che i tuoi annunci vengano visualizzati.

Prima del lancio, non c'è modo di dire esattamente quali parole chiave generano vendite. Questo diventerà chiaro solo quando inizi a ricevere clic. comunque, il Google Keyword Tool ha medie e statistiche della concorrenza per darti un'ipotesi plausibile.

Quindi, puoi combinare i risultati di Google Analytics per vedere se effettivamente questi visitatori finiscono per acquistare.

Crea grandi annunci di testo

Con Google Adwords, paghi per ogni clic. L'importo che paghi per ogni clic è determinato dal Punteggio di qualità per quella specifica parola chiave. Questo punteggio è il giudizio di Google sulla pertinenza del tuo annuncio per quella specifica query di ricerca.

Google è strettamente legato a ciò che costituisce questo punteggio, ma una delle più grandi variabili è la percentuale di clic per una parola chiave specifica.

Ciò significa che quanto più pertinenti sono i tuoi annunci e le pagine di destinazione, tanto più le persone cliccheranno (e più basso sarà il costo per clic).

La creazione di grandi annunci va oltre la ripetizione della parola chiave negli annunci pubblicitari. Puoi abbinare l'intento di una persona alla ricerca? O puoi mostrare nel tuo annuncio che sai a cosa stanno pensando?

Hai ancora un numero limitato di caratteri, ma con il nuovi annunci di testo espansi hai un po 'più di spazio per far passare il tuo messaggio. E con Estensioni annuncio puoi ottenere maggiore visibilità per i tuoi annunci e aumentare il CTR.

Riepilogo strategie pubblicitarie

La chiave da asporto di questo articolo è che è molto facile perdere soldi con la pubblicità online. E quando inizi, vuoi fare tutto il possibile per evitarlo.

Quindi, invece di evitare la pubblicità del tutto, puoi usare l'approccio sopra per massimizzare i soldi che spendi.

Inizia con il retargeting, in cui le persone ti conoscono già. Successivamente, passa a Google Shopping, dove Google eseguirà molte delle attività corrispondenti alle parole chiave con i prodotti. Quindi passare a Facebook Ads. E infine, usa gli annunci della rete di ricerca per catturare tutta la domanda.

In questo modo, inizi in cui poche cose possono andare storte e accumula le tue abilità e ridimensiona il budget da lì.

Se sei interessato a imparare come farlo, iscriviti al nostro corso di pubblicità online gratuito. Ciò ti aiuterà a ottenere i tuoi prodotti, il tuo sito web e la tua pubblicità in sintonia per ottenere i massimi risultati possibili.

Dennis Moons

Un business di e-commerce redditizio può davvero cambiare la vita. Ecco perché ho iniziato Coltivatori di negozi, una community dedicata ad aiutare i proprietari di negozi a costruire migliori attività di e-commerce.