convertireKit Recensione: automazione dell'email marketing per i blogger

Questa convertireKit la recensione copre tutte le caratteristiche importanti, i suoi prezzi complessivi, oltre alla sua idoneità come strumento di automazione del marketing via email.

Come blogger regolare, ho anche visto i risultati di prima mano. Anche quando non stai vendendo nulla in particolare, l'email marketing ti farà ottenere quelle condivisioni di contenuti che hai come target. In realtà, gli abbonati alla posta elettronica sono tre volte più probabile condividere i tuoi pezzi sui social media rispetto ad altri tipi di lettori.

Ecco perché sono sempre stato particolarmente attento agli strumenti di automazione della posta elettronica. Mailchimp, Salesforce, HubSpot, Marketo, Constant Contact, lo chiami. Li ho provati tutti. Comprese alcune delle ultime soluzioni che non sono state sul mercato a lungo.

Ora, ammetto che potrei non avere il tempo di seguire tutti i debuttanti. Mi concentro solo su quelli che sembrano eccezionali e hanno un odore diverso.

E tu sai cosa? Questo particolare si è distinto principalmente perché tocca qualcosa di vicino al mio cuore-blogging. Si tratta di un nuovo strumento di automazione del marketing via email creato appositamente per i blogger.

Quindi, quanto è buono? Quali sono i suoi punti di forza? Eventuali debolezze osservabili?

Bene, scopriamo ...

convertireKit Revisione: panoramica

Soddisfare convertireKit. A malapena 5 anni, ma ben nella zona degli utenti attivi 20,000, e già generando oltre $ 1 milioni al mese.

La forza trainante dietro convertireKit è nientemeno che Nathan Barry. È un designer e un marketer. Ancora più importante, tuttavia, è anche un blogger.

Quindi, ha intrapreso un viaggio per sviluppare un provider di servizi di posta elettronica che sarebbe stato ottimizzato per blogger, podcast e installazioni simili che cercavano di espandere le loro basi di pubblico.

Poi convertireKit è nato in 2013.

convertireKit

Con una base di clienti che si estende in tutti i settori, convertireKitLa missione fondamentale è dare potere alle piccole imprese e ai blogger, per aiutarli a far crescere il loro pubblico. Mira a capitalizzare la successiva mailing list e, in ultima analisi, a facilitare la conversione degli abbonati in clienti paganti.

Per ottenere ciò, apparentemente offre un'orda di caratteristiche che presumibilmente rivaleggiano anche con i più grandi giocatori come Aweber e MailChimp.

Ma quanto è vero questo, davvero? Abbiamo visto un numero di fornitori andare e venire. Tutto con fondamentalmente la stessa sceneggiatura all'inizio. Che alla fine rivoluzionerebbero l'intero concetto di email marketing.

Quindi, cosa fa esattamente convertireKit offrire? E va bene per la tua azienda?

Ti dico io cosa. Ti aiuterò lì. Questo convertireKit la recensione copre tutte le caratteristiche importanti, i suoi prezzi complessivi, oltre alla sua idoneità come strumento di automazione del marketing via email.

convertireKit Caratteristiche

Automazione di posta elettronica

Iniziamo con il motivo per cui stiamo analizzando anche questo strumento: l'automazione della posta elettronica.

Per gestirlo, convertireKit utilizza due strumenti primari. È arrivato con un generatore di regole tradizionale all'inizio, quindi ha recentemente introdotto un generatore di workflow visivo. Qualcosa come quello che abbiamo visto su Drip e ActiveCampaign.

Sono entrambi potenti gestori di automazione della posta elettronica. Ma, tutto sommato, il generatore di regole tradizionale è convertireKitIl punto forte.

È piacevolmente semplice e diretto, poiché tutti i processi sono fondamentalmente raggruppati in trigger e azioni. Le operazioni di trigger sono abbinate alle corrispondenti azioni di sistema per avviare processi selezionati in base al comportamento del visitatore del sito.

convertireKit Trigger e azioni

Il conseguente elenco di regole di automazione è abbastanza chiaro. Ma solo per semplici automazioni. Il tutto inizia a diventare un po 'complicato quando si creano automazioni complesse, complete di regole combinate che riguardano più canali contemporaneamente.

Quindi, per risolvere questo problema, convertireKit ha gettato un costruttore di automazione visuale. E persino reso la finestra predefinita per le automazioni.

Questo sistema delinea essenzialmente i flussi di lavoro in base al contesto di risultato corrispondente.

E la cosa migliore è?

Tutte le operazioni sono coordinate in linea. Compreso l'aggiunta di moduli e intere e-mail.

Ora è molto più pulito di quello che abbiamo usato su altri servizi, tra cui ActiveCampaign. Mette persino vergogna alcuni marchi affermati.

Tuttavia, i like di ActiveCampaign non prendono questo sdraiato. Lo compensano con flussi di lavoro estremamente flessibili.

Mentre convertireKit è piacevolmente semplice da gestire, i suoi flussi di lavoro sono apparentemente statici. Ideale per il blogger medio. Ma non per i professionisti del marketing, che stanno meglio con servizi che offrono più potenti gestori del flusso di lavoro.

Invio di e-mail

Le automazioni sono perfettamente ideali per gestire il tuo pubblico in numeri. Ma questa è solo una parte dell'intero ecosistema di email marketing. L'altra parte è composta da quelle e-mail una tantum che potresti dover inviare a singoli utenti.

E convertireKit rende così semplice.

Invece di creare complessi insiemi di regole di trasmissione, gli utenti possono sfruttare lo strumento di filtro per selezionare le parti specifiche a cui desiderano inviare e-mail.

Il miglior filtro qui è il Iscritto a, che consente di segmentare ulteriormente la trasmissione su determinati prodotti, tag, sequenze e moduli.

Quando procederai, lo noterai convertireKit usa l'editor di email HTML standard, che viene fornito con diverse opzioni aggiuntive. Facendo clic sul comando A / B adiacente al campo dell'oggetto, ad esempio, viene lanciato un test di suddivisione del titolo.

E per sfruttare la segmentazione dei tag selezionata o aggiungere tag di unione, convertireKit fornisce un'opzione di personalizzazione aggiuntiva.

Moduli e pagine di destinazione

Se c'è una cosa che tutti conosciamo dell'email marketing, è questo: hai bisogno di un elenco di indirizzi email legittimi di potenziali clienti sul mercato. E dal momento che non ti contatteranno a caso per inviare i loro dettagli, dovrai implementare un sistema affidabile per convincere i visitatori del tuo sito ad aderire volontariamente alle email di marketing.

Per questo, convertireKit fornisce due opzioni: forme e pagine di destinazione. I moduli, ovviamente, sono sempre stati la modalità preferita perché sono abbastanza flessibili da poter essere incorporati praticamente su qualsiasi pagina web.

E la buona notizia qui è quella convertireKit si rende conto che per la costruzione ottimale della mailing list, avrete bisogno di diversi tipi di moduli. Quindi supporta forme slide-in, modali e in-line, che possono essere posizionate strategicamente su pagine che il tuo pubblico target frequenta.

convertireKit forme

Sfortunatamente, queste forme possono essere piuttosto insignificanti e la personalizzazione qui non è davvero un'opzione. L'unica cosa che sarai in grado di cambiare comodamente è il colore. Oltre a questo, dovrai usare CSS personalizzati.

A peggiorare le cose, non finisce qui. Passando a tali limiti sui moduli, non è una sorpresa convertireKit è anche abbastanza sfidato quando si tratta di pagine di destinazione. Il suo costruttore di pagine di destinazione ha opzioni di personalizzazione inadeguate, per non dire altro.

Quindi, stai molto meglio con un generatore di pagine dedicato come Leadpages. E se sei particolarmente insistente convertireKit, potresti voler concentrarti su quelli che possono integrarsi con esso.

Gestione degli abbonati

Ammettilo. Il modo in cui gestisci gli abbonati determina in definitiva il tuo protocollo di targeting generale, le email che invii e i risultati conseguenti.

Per semplificare il tutto e ottimizzare la capacità dei tuoi sistemi, convertireKit utilizza una metodologia basata su tag per gestire gli abbonati. Questo è anche sfruttato pesantemente nell'automazione per impostare regole per diversi tipi di abbonati.

Ora, il sistema di tag ha numerosi vantaggi critici. E il più eccezionale deve essere la capacità di segmentare gli abbonati in base ai loro comportamenti distintivi.

Ad esempio, puoi impostare un tag per gli abbonati che aprono una particolare e-mail, quindi procedere ad applicarne uno diverso per i pochi selezionati che fanno anche clic su un determinato link. Ora questo da solo forma due diversi insiemi di abbonati che è possibile in seguito indirizzare con e-mail e offerte diverse.

convertireKit tag

Bene, è anche possibile combinare più gruppi unendo i tag. Ciò consente di inviare messaggi di marketing dinamici che si applicano collettivamente a diversi sottogruppi allo stesso tempo.

E per semplificare ulteriormente il processo di assegnazione dei tag, convertireKit rilasciato un plugin aggiornato per gli utenti di WordPress. Tra le altre caratteristiche, è in grado di tracciare i visitatori del sito Web e successivamente assegnare i tag in base ai loro comportamenti individuali.

Questa è una caratteristica estremamente utile. Ma ecco il kicker. Potrebbe essere necessario attendere per ora se il tuo sito non è basato su WordPress.

convertireKit integrazioni

New sembra sempre buono e ha un odore fresco. Ma, quando si tratta di SaaS, nuovo significa anche limitata adattabilità ed estensioni. Gli ultimi arrivati ​​sul mercato hanno sempre il minor numero di integrazioni.

E convertireKit non è diverso Ma devi darlo a loro per emergere dal nulla, per costruire integrazioni per più di servizi 70 che sono comunemente usati dalle creatività. Alcuni dei più importanti includono:

Zapier è particolarmente critico qui perché funge da gateway per centinaia di altre possibili integrazioni.

convertireKit Prezzi

Per fortuna, convertireKit estende il suo tema generale di semplicità al programma dei prezzi.

Tutto è abbastanza semplice qui. Invece di bloccare gli utenti selezionati da determinate funzionalità, il servizio garantisce l'accesso completo a tutti i livelli di abbonati. La fatturazione corrispondente si basa solo sul numero di abbonati sulla tua mailing list.

E se vuoi sentirti convertireKitLe disposizioni prima di procedere, è possibile provalo gratuitamente per i giorni 14. Ma, purtroppo, questo è applicabile solo agli utenti che si occupano di abbonati fino a 5,000. Passato quel livello è il livello utente avanzato, che è aperto solo alle demo.

Ora, per continuare a sfruttare il servizio oltre il periodo di due settimane, ci sono quattro possibili opzioni di prezzo:

  • Per gli abbonati 1,000, gli utenti sono tenuti a pagare $ 29 al mese.
  • Per gli abbonati 1,000 agli 3,000, gli utenti sono tenuti a pagare $ 49 al mese.
  • Per gli abbonati 3,000 agli 5,000, gli utenti sono tenuti a pagare $ 79 al mese.
  • Per gli abbonati 5,000 agli 8,000, gli utenti sono tenuti a pagare $ 99 al mese. Questo è l'unico pacchetto che supporta la migrazione dei concierge gratuiti.

convertireKit prezzi

Fortunatamente, c'è un modo per rendere il tuo pacchetto più economico. Ma c'è un problema. Devi rimanere in giro per almeno un anno, dal momento che solo il pagamento anticipato annuale ti qualificherebbe per i mesi 2 gratuiti. Fondamentalmente, si finisce per pagare cumulativamente i mesi 10, per ottenerne altri due senza costi aggiuntivi.

Chi dovrebbe considerare l'utilizzo di ConvertKit?

Bene, sembra convertireKit è stato infatti creato per i blogger, i podcaster e le piccole imprese che cercano di accrescere la propria base di pubblico e, infine, convertire gli abbonati in clienti.

Sfortunatamente, è praticamente così. Sebbene sarebbero impressionati da convertireKitLa sua semplicità generale, i professionisti di alto livello si sentirebbero molto limitati su questa piattaforma. Solo le soluzioni avanzate di email marketing hanno la giusta dose di flessibilità e disposizioni per il targeting esteso, il marketing e la conseguente conversione.

convertireKit Valutazione: 4.0 - Recensione di

Davis Porter

Davis Porter è un esperto di e-commerce B2B e B2C particolarmente ossessionato dalle piattaforme di vendita digitale, dal marketing online, dalle soluzioni di hosting, dal web design, dal cloud tech e dai software di gestione delle relazioni con i clienti. Quando non sta testando varie applicazioni, probabilmente lo troverai costruendo un sito Web o tifando per l'Arsenal FC.