Qui ci sono 5 grandi problemi con i tuoi sforzi di retargeting

I professionisti dell'e-commerce con esperienza conoscono l'accordo.

Non c'è una formula magica quando si tratta di marketing per i clienti.

Prende le prove, commette errori e apprende ciò che vogliono i tuoi clienti specifici.

Uno dei modi migliori per trova nuovi clienti e riportare quelli vecchi è tramite retargeting. E la stessa idea di testare e fare errori suona vera per quello.

Il problema è che molti negozi online avere problemi con il retargeting. Quindi quali sono alcuni dei grossi problemi con i tuoi sforzi di retargeting?

Una breve descrizione di Retargeting

Ti sei mai chiesto perché internet sembra leggere la tua opinione quando si tratta di pubblicità? Potresti cercare una nuova TV su Amazon, poi all'improvviso, ogni sito web che vai a sapere che stai acquistando una nuova TV.

Questo è retargeting.

Succede attraverso le reti pubblicitarie come la Rete Display di Google o Facebook.

Dal momento che molte aziende sono registrate su queste reti e molti siti Web hanno annunci delle stesse reti, è tutto connesso.

Il retargeting è fatto con l'aiuto del browser biscotti. Quindi, cerchi quella TV su Amazon e un cookie viene registrato nel tuo browser con i dati del prodotto TV. Poi, salti sul tuo blog sportivo preferito e cosa sai? Quel blog è parte della rete di Google, quindi gli annunci rivelano la stessa TV che hai considerato su Amazon. Nifty, eh?

È un sistema meraviglioso per i commercianti, che funge da promemoria costante per le persone che tornano al tuo negozio. Pensala come un'altra tecnica di carrello abbandonata, tranne che la rete pubblicitaria fa la maggior parte del lavoro per te.

Ora che capiamo cos'è il retargeting, esploriamo alcuni dei problemi più grandi che potresti avere con i tuoi sforzi di retargeting.

Problema di retargeting #1: non avere un limite alla frequenza degli annunci

Gli studi dimostrano che gli annunci ad alta frequenza avere un impatto negativo sul modo in cui i consumatori vedono un marchio.

Se hai mai frequentato un appuntamento e ti rendi conto che la persona è troppo appiccicosa, conosci le sensazioni. I clienti ottengono un'atmosfera più creeped quando vedono i tuoi annunci più e più volte. Pensano, "Come mi stanno trovando ovunque io vada?" E sembra quasi disperato al punto che i clienti potrebbero pensare che la tua azienda non è poi così eccezionale per cominciare.

Invece di essere noioso, metti un limite alla frequenza degli annunci. Ciò non solo rende più appetibili i tuoi sforzi di retargeting, ma crea un ambiente in cui il consumatore non è disturbato.

Problema di retargeting #2: utilizzo ripetuto degli stessi annunci noiosi

Per qualche ragione, nelle nostre teste, ha senso creare un annuncio e diffonderlo su Internet. Lo vedi anche con il marketing regolare, in cui un'azienda invia un post sui social media ma include le stesse immagini, copywriting e risorse digitali nel loro newsletter, Twitter e banner pubblicitari.

Parte di questa logica potrebbe derivare dal fatto che le risorse digitali sono costose e richiedono molto tempo per essere create. Pensi: "Ho già fatto una bella immagine per i miei social media, quindi perché non usarla ovunque?"

Questo modo di pensare ti può portare in qualche problema di retargeting.

Pensa a tutti gli annunci che le persone vedono ogni giorno. Sono bombardati al punto in cui molti consumatori semplicemente bloccano le pubblicità senza nemmeno saperlo. Quindi cosa succede quando iniziano a vedere lo stesso annuncio da te più e più volte?

Li ignorano, in modo simile a come i guidatori inconsciamente iniziano a ignorare i segnali di limite di velocità. Sanno che i segni ci sono, ma non c'è molta registrazione nella loro mente per rispondere.

Problema di retargeting #3: la finestra dei cookie è troppo lunga o troppo breve

La finestra dei cookie predefinita per molti reti pubblicitarie è giorni 30. Sembra un buon punto di partenza, ma in realtà, stai spendendo troppi soldi per i clienti che non hanno intenzione di convertire o stai limitando le tue possibilità di catturare un cliente che è più propenso ad acquistare dopo 30 giorni . Questo è particolarmente vero per le industrie come i viaggi e la chirurgia plastica.

L'intervallo di tempo fino a quando non è possibile trovare la conversione nella sezione di analisi della rete pubblicitaria. Come vedrai, alcuni clienti hanno percorsi di conversione molto più lunghi di altri.

Ciò significa che una società potrebbe avere clienti che prendono tempo per prendere una decisione, ma alla fine, premono il grilletto e effettuano l'acquisto. Gli articoli costosi vengono solitamente acquistati in questo modo. D'altra parte, la tua azienda potrebbe scoprire che i tuoi clienti prendono decisioni di acquisto rapide. Successivamente, le probabilità di ottenere una conversione diminuiscono in modo significativo.

Dipende tutto dalle tue statistiche, quindi ti invitiamo a rivedere ciò che sta accadendo con i tuoi potenziali clienti. La finestra dei cookie 30-day è troppo lunga o troppo corta? Chissà, potrebbe davvero essere perfetto!

Problema di retargeting #4: non stai utilizzando la segmentazione

La segmentazione è il processo di retargeting dei tuoi annunci in base a ciò che gli individui (o gruppi di clienti) stanno acquistando. La segmentazione è popolare con l'email marketing (inviando email mirate alle persone giuste,) e gli annunci non sono diversi.

Per impostazione predefinita, la maggior parte delle reti pubblicitarie fa spuntare dove viene inviata una campagna di retargeting a tutti i visitatori del tuo sito.

Beh, non è l'ideale, vero?

Quindi, stai inviando lo stesso annuncio di retargeting a queste due persone ?: Un uomo che sta acquistando scarpe da corsa e una donna alla ricerca di fasce.

Ogni cliente è unico, quindi è necessario avere tassi di conversione migliori se si segmenta in base a ciò che le persone stanno acquistando e i tipi di persone che sono.

Problema di retargeting #5: ricerca del biglietto d'oro

Blog, corsi e altro materiale di formazione sono ottimi per tenere il passo con le tendenze del settore e per trovare piccole informazioni sull'e-commerce. Ma molti professionisti dell'e-commerce cadono in una trappola dove continuano a cercare quel biglietto d'oro.

Assumono che se leggono abbastanza sul retargeting, qualcuno alla fine darà loro la formula perfetta.

Ma non c'è alcun sostituto per testare e fallire e riprovare.

Non riuscirai mai a farlo bene la prima volta, ma sei destinato a migliorare la volta successiva e l'ora successiva. Il marketing e il retargeting, in particolare, riguardano la definizione di una strategia per il successo. Devi testare questa strategia e poi tornare indietro per capire cosa è andato bene e cosa è andato storto.

Se stai cercando la formula magica che aumenterà il tuo ROI in modo esponenziale durante la notte, stai perdendo tempo.

Sei pronto a correggere i tuoi errori di retargeting?

La cosa grandiosa nell'identificare i problemi con i tuoi sforzi di retargeting è che sono generalmente facili da risolvere. Prenditi un momento per aggiungere un segnalibro a questa pagina per ricordarti quali sono i modi giusti per retarget.

Dopo di ciò, facci sapere nei commenti se hai domande.

immagine di cortesia per gentile concessione di Josh Martin

Joe Warnimont

Joe Warnimont è uno scrittore freelance che crea strumenti e risorse per aiutare altri scrittori a diventare più produttivi e commercializzare il proprio lavoro.