L'impatto della Brexit sull'e-commerce nel Regno Unito

L'e-commerce europeo è a un incrocio di strade poiché le nuove leggi relative al pagamento e al geoblocco dei prodotti sono nelle fasi finali dell'adozione. La decisione della Gran Bretagna di lasciare l'Unione Europea (Brexit) negli anni 2 cambierà anche l'ecosistema dell'e-commerce europeo. Le aziende con sede in Gran Bretagna sono in grado di utilizzare l'e-commerce come anche un canale cambierà sicuramente.

Attualmente - per i prossimi anni 2 ci saranno discussioni e modifiche alle politiche e alla legislazione per l'e-commerce in Europa. Lo status quo rimane intatto fino a quando l'Unione europea e il governo del Regno Unito non concorderanno sulla loro separazione.

Primo impatto: la sterlina

Non appena il voto sulla Brexit ha avuto luogo ei risultati sono stati conteggiati, i mercati hanno espresso i loro sentimenti sulla decisione e improvvisamente la Sterlina ha perso valore rispetto all'Euro. Quando la Sterlina ha perso valore, i costi di acquisto e-commerce transfrontalieri sono aumentati per i clienti che acquistano merci al di fuori del Regno Unito. Le attività focalizzate esclusivamente sul Regno Unito potrebbero vedere un incremento a breve termine, ma poiché la Sterlina aumenta il valore rispetto al dollaro, le vendite internazionali e statunitensi potrebbero diventare un nuovo generatore di entrate per le attività di e-commerce con sede nel Regno Unito.

Tieni presente che il Regno Unito ha uno dei mercati di e-commerce più sviluppati e che la percentuale di vendita al dettaglio che ha l'e-commerce è la più alta in Europa. Secondo Ecommerce Europe e il rapporto di commercio elettronico europeo 2016 congiunto B2C della Ecommerce Foundation, il Regno Unito è in testa quando si tratta delle dimensioni del mercato (€ 157.1 miliardi) e della spesa media per e-shopper (€ 3,625).

Ingresso nel mercato

Il Regno Unito è stato visto come il punto di ingresso in Europa per molte aziende. Quando Brexit è completo, i commercianti di e-commerce con sede nel Regno Unito avranno uno svantaggio competitivo rispetto alle imprese con sede al di fuori del Regno Unito. Poiché il Regno Unito perde il suo appeal sul mercato, credo che la Germania e i Paesi Bassi diventeranno la scelta giusta per l'ingresso nel mercato in quanto hanno una forza lavoro qualificata e sono situati centralmente in Europa. La Germania ha un ricco patrimonio di e-commerce come Hybris, Intershop e Otto che sono leader del settore sono tutti fondati nel paese.

Svantaggio di costo

I commercianti britannici hanno attualmente accesso ai clienti europei e sono in grado di sfruttare l'Eurozona per costi standardizzati. Brexit significherà che le tariffe su beni e servizi saranno aumentate e che i costi di spedizione e merce aumenteranno. Attualmente non si sa quali costi amministrativi saranno aggiunti ai costi dei commercianti da un punto di vista legislativo. Il Prodotto del mercato unico dall'Unione europea avrà un impatto negativo sui clienti e i commercianti britannici in quanto l'e-commerce transfrontaliero in Europa migliorerà e sarà adottato più ampiamente.

Le aziende con sede nel Regno Unito avranno sfide di reclutamento

Attualmente le imprese di e-commerce del Regno Unito sono in grado di contrattare liberamente con lavoratori in altri paesi della zona euro. Questi contratti di lavoro per ruoli come lo sviluppo, il servizio clienti e altri ruoli richiederanno visti di lavoro quando la Brexit avrà effetto. Anche i requisiti per i visti saranno difficili in quanto il processo potrebbe richiedere molto tempo ed essere macchinoso. Le imprese di e-commerce transfrontaliere sono state in grado di utilizzare il personale per gestire il servizio clienti multilingue, ma in generale questi servizi sono difficili e costosi da esternalizzare. Ricorda inoltre che il Regno Unito ha una carenza cronica di competenze che è stata in parte risolta attraverso i lavoratori dell'UE.

L'e-commerce nel Regno Unito conta meno ma al momento

I commercianti con sede nel Regno Unito dovranno cambiare la loro strategia e potenzialmente prendere in considerazione le nazioni del Commonwealth (Australia, Nuova Zelanda, Canada e Sud Africa) tuttavia questi mercati pongono altre sfide in termini di posizione (sono lontane migliaia di miglia) e hanno leader di mercato che già servono i loro mercati.

I commercianti e le società di mercanti con base internazionale lasceranno il Regno Unito in quanto i costi avranno un impatto negativo sulle loro attività. I commercianti che vendono solo nel Regno Unito probabilmente vedranno pochi cambiamenti nelle loro operazioni.

I fornitori di servizi che assistono i commercianti britannici dovranno assicurarsi di essere a conoscenza dei cambiamenti in sospeso in quanto i costi e l'incertezza dei loro clienti nel Regno Unito porteranno a nuove sfide per questi commercianti.

I clienti dovranno anche potenzialmente cambiare le loro abitudini di consumo per quanto riguarda l'e-commerce transfrontaliero. I commercianti con base nell'UE diventeranno più costosi della loro situazione attuale e quindi sarà necessario esplorare gli acquisti dalle nazioni dell'Est e del Commonwealth.

Il sito L'Unione Europea è anche molto più complessa di quanto molti si rendano conto, ed è costituito da più accordi che lavorano a diversi livelli per creare un mercato più aperto. Ad esempio, l'Area europea di libero scambio (EFTA), lo Spazio economico europeo (SEE), l'Unione doganale dell'Unione europea (CU), gli accordi di associazione (AA e SAA), nonché i trattati specifici per paese per il commercio.

I commercianti dovranno assicurarsi di essere aggiornati sugli ultimi cambiamenti legislativi in ​​quanto i commercianti britannici dovranno conformarsi alle nuove normative.

La fiducia dei consumatori diminuirà

Quando il Regno Unito lascia l'Unione europea, perderà la capacità di sfruttare i programmi digitali dell'Eurozona come un certificato paneuropeo per i negozi online, come l'Ecommerce Europe Trustmark, che avrà certamente un impatto negativo sulla fiducia dei consumatori.

La costante sarà cambiata

In conclusione, le fluttuazioni valutarie avranno un impatto su commercianti, fornitori, produttori e clienti. L'acquisto da parte di aziende di e-commerce locali garantirà che le tue sterline non svaniranno e l'e-commerce transfrontaliero è ancora disponibile per i clienti e i commercianti. Dopo la separazione tra Regno Unito e Unione europea, le aziende dovranno cambiare i prezzi e i mercati di riferimento per rimanere sostenibili.

Hendrik Laubscher

Hendrik Laubscher ha un'esperienza decennale nell'e-commerce. Contribuisce a una varietà di pubblicazioni ed è affascinato dall'ecommerce (mercati, mercati emergenti e commercio elettronico globale transfrontaliero). Vive in Sud Africa ma viaggia a livello globale per provare l'e-commerce in tutto il mondo.