Marketing affiliato: è la scelta giusta per te?

Di tutti i diversi modelli di business online là fuori, il marketing di affiliazione è il più popolare, e ci sono molti buoni motivi per cui. Ma è un modello che funzionerà per te personalmente come individuo? Come qualsiasi modello di business, il marketing di affiliazione ha i suoi pro e contro.

Se non si capisce bene la modella e si lavora con i propri punti di forza (e la propria), si potrebbe semplicemente perdere tempo e probabilmente perdere opportunità migliori. Naturalmente, ci sono molte persone che hanno imparato il modello e hanno avuto un grande successo da esso. Questa è sicuramente una di quelle aree in cui la conoscenza è potente, quindi continuate a leggere per scoprire il lato buono, cattivo e assolutamente brutto di gestire un sito affiliato.

1. È super economico

Rispetto ad altri tipi di business, i costi di start-up sono quasi incredibilmente bassi. In alcuni casi, a seconda di come stai andando a operare, il tuo unico costo diretto sarà quello di acquistare un nome di dominio e un accordo di hosting. Non solo, ma non hai inventario da riempire, nessun livello di stock da mantenere, nessuna preoccupazione per i tuoi prodotti che guastano o diventano obsoleti prima che tu possa venderli. Non devi mai avere a che fare con i clienti, e non devi preoccuparti del folle mondo dei riaddebiti di carte di credito o essere bloccato dal tuo conto PayPal.

2. Dovrai essere disposto a lavorare sodo (oa pagare qualcun altro per farlo)

I neofiti del marketing di affiliazione spesso pensano che sarà solo un tipo di accordo "fisso e dimenticato", in cui costruiranno un sito web, pubblicheranno alcuni annunci e poi attenderanno i soldi da versare sul loro conto. La realtà è enormemente diversa.

Hai la possibilità di progettare il tuo sito web e creare i tuoi contenuti, oppure puoi pagare i professionisti per fare uno o entrambi questi lavori. Anche con i professionisti sul posto di lavoro non si ottiene il tempo di essere pigri perché è necessario tenere traccia delle prestazioni del proprio sito e apportare le modifiche necessarie per mantenerlo redditizio.

La tua altra scelta è la pubblicità attiva o passiva. In quest'ultimo scenario, che è bizzarramente il più popolare, è sufficiente aggiungere alcune pubblicità pre-fatte dal tuo partner affiliato o da Google. Ci sono alcuni problemi con questo metodo, vale a dire:

  • Potresti non sapere o essere in grado di controllare quali annunci vengono offerti. Questo a volte può creare impressioni inappropriate, insensibili o addirittura offensive sul tuo pubblico. Ad esempio, potresti essere politicamente incline all'attuazione di leggi sul controllo delle armi più strette, quindi crei un blog su quell'argomento. Qualche grande follia omicida si svolge da qualche parte, e sai che i tuoi lettori vorranno conoscere le tue opinioni, quindi creerai fedelmente un post sul blog. Quindi l'ad server analizza la tua pagina, rileva le principali parole chiave e pubblica annunci pubblicitari per istruzioni su come convertire il tuo fucile in automatico, o sconti enormi su riviste con capacità extra.
  • A volte le pubblicità possono essere brutte e potrebbero non adattarsi bene al design della pagina.
  • Gli annunci potrebbero essere mal progettati e introdurre ritardi significativi nel tempo di caricamento della pagina.
  • Molti utenti dispongono di un software che blocca gli annunci, il che significa che si perde 100% del potenziale di reddito di tali visitatori. Questi utenti, non del tutto privi di giustificazione, si risentono del fatto che la loro larghezza di banda viene "rubata" da annunci che non sono nemmeno interessati a vedere.
  • Ancora di più, gli utenti non prendono in considerazione gli annunci e semplicemente non li vedono. Questo perché la pubblicazione degli annunci è eccessiva e molti affiliati utilizzano gli stessi fornitori di annunci, quindi gli utenti vedono gli stessi annunci sul sito dopo il sito. Riduce notevolmente le probabilità che facciano clic sull'annuncio il tuo sito.

Questo approccio si basa su elevati volumi di traffico per il successo, e non è sempre facile da raggiungere. Anche quando stai ricevendo il traffico, non puoi essere sicuro che gli utenti facciano clic sugli annunci e non devi chiedere loro di farlo.

Quindi, supponendo che un utente faccia clic sull'annuncio, molti inserzionisti in questi giorni non pagano per i clic, pagano solo commissioni dirette sulle vendite. Supponiamo quindi che 1% dei tuoi utenti si preoccupi di cliccare sull'annuncio (e questa è una cifra generosa), quindi 10% di quegli utenti effettivamente fa un acquisto, stai convertendo 0.001% del tuo traffico.

Questo è il motivo per cui il modello attivo è migliore, anche se richiede più lavoro da te o dai tuoi produttori di contenuti (e se stai assumendo persone per scrivere per te, sicuramente le pagherai di più per questo lavoro che per il lavoro sotto la modello passivo).

Con il modello attivo, tu crea gli annunci e di solito sono in forma di testo, incorporati direttamente nella tua copia. Questo di per sé è una forma d'arte e richiede una grande abilità nella scrittura per essere efficace. Anche così, questo approccio offre una serie di vantaggi rispetto al modello di affiliazione passiva:

  • Non si basa tanto sui volumi ad alto traffico
  • Gli utenti non possono bloccare gli annunci o non riescono a vederli
  • Gli annunci sono rilevanti per gli interessi dell'utente e l'utente è attivamente coinvolto nel contenuto
  • Puoi controllare la formulazione e lo stile dell'annuncio
  • Decidi quali prodotti saranno commercializzati per darti la migliore possibilità di guadagnare una commissione

3. Ci vorrà un po 'per costruire slancio

A meno che tu non sia il marketer più geniale del mondo, è improbabile che il tuo sito web sia un successo immediato. Dovrai lavorare con pazienza e intelligenza, costruire un seguito e gradualmente il successo accadrà. Per questo motivo, non dovresti scoraggiarti troppo se non guadagni molto nei primi mesi in cui lavori. Ci vuole tempo, ma se hai fatto un buon lavoro, alla fine dovresti essere ricompensato.

4. Per massimizzare il potenziale, è necessario combinare

Non commettere l'errore comune di pensare che devi solo creare un sito affiliato per fare soldi. O hai bisogno di combinarlo con altri concetti di business online di successo come marketing diretto o drop shipping, oppure devi creare più siti affiliati.

È possibile utilizzare alcuni dei profitti del primo sito per finanziare la creazione di contenuti per il secondo e i siti successivi. Un sito che porta $ 100 a $ 200 al mese non ti darà la vita più comoda, ma se hai 10 o più siti per te in una volta, ti troverai in un bel posto, anche con il tasse che stai pagando ai tuoi scrittori presi in considerazione.

Conclusioni

Il marketing di affiliazione è in genere un avvio lento, e non è il modo pigro per le ricchezze che molte persone pensano. Ma se sei pronto a impegnarti nello sviluppo di siti di alta qualità con buoni contenuti, puoi ricavarne dei soldi abbastanza decenti dopo aver accumulato abbastanza spettatori per iniziare a dare i tuoi frutti.

Il marketing di affiliazione certamente non sarà adatto a tutti, ma in ogni caso sicuramente batte alternative come avere un lavoro o essere disoccupato. Perché è un modello di business a così basso rischio, non c'è nulla di male nel darlo a fare se lo stai già prendendo in considerazione.

immagine di cortesia per gentile concessione di Axel Herrmann

Emma Grant

Emma Grant è una scrittrice freelance professionista dall'Irlanda. Negli ultimi tre anni ha viaggiato in tutto il mondo mentre gestiva la sua attività dal suo portatile. La trovi su www.florencewritinggale.com