Interviste di e-commerce etico: Zero Waste Club sulla gestione di un'azienda a rifiuti zero

Questo è il primo di una serie di interviste con imprenditori etici online: speriamo che possano essere utili e di ispirazione per chiunque cerchi di trovare la propria strada nel mondo degli affari. Facci sapere cosa ne pensi nei commenti qui sotto!

Il nostro primo intervistato è Pawan Saunya, co-fondatore di Club Rifiuti Zero: creazione di elementi essenziali sostenibili (e abbordabili) per vivere senza sprechi.

Cosa ti ha spinto a fondare Zero Waste Club?

Era un documentario del 2009 chiamato The Age of Stupid: ha mostrato quanto il consumo umano ha un impatto sull'ambiente e come potrebbe crollare l'intero sistema tra trent'anni se non provassimo a cambiarlo. Quindi ho rinviato il mio posto all'università per creare Zero Waste Club, e sono davvero grato che abbia funzionato finora.

Come hai avviato la tua attività con una filosofia "zero rifiuti" in mente?

In realtà non penso che l'obiettivo "zero sprechi" al 100% dovrebbe essere l'obiettivo: come impresa, anche solo come essere umano, avrai sempre un qualche tipo di impatto sul mondo. Penso che l'obiettivo sia ridurre il più possibile il tuo impatto.

Ma il primo passo è pensare ai materiali più sostenibili con cui puoi lavorare per creare i tuoi prodotti: il bambù è un'opzione davvero ecologica perché cresce così velocemente e non richiede pesticidi.

Quindi, scegli i fornitori sostenibili: è davvero importante cercare certificazioni come la BSCI che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana Sedex. È più veloce, più facile, più economico e migliore trovare fornitori online piuttosto che volare di persona: ci sono alcuni siti che puoi usare, come Alibaba che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana IndiaMART, ma anche se si è solo google "fornitore di bambù" appariranno centinaia di opzioni.

Paghi i tuoi artigiani cinesi il doppio del salario minimo regionale. È stato difficile?

Dal punto di vista della burocrazia, è stato piuttosto semplice: cerchiamo solo fornitori che paghino bene i loro dipendenti. Ci sono brave persone là fuori: devi solo fare delle ricerche.

Da un punto di vista commerciale è stato più difficile: direi che costa all'azienda circa il 5% in più, e talvolta dobbiamo sacrificare i tempi di consegna. Ci sono fornitori là fuori che possono invertire gli ordini in quindici giorni, ma ciò significa che bruciano i loro lavoratori o assumono più lavoratori e li pagano di meno.

Come hai fatto crescere il business?

La prima cosa che abbiamo fatto è stato ottenere uno stand per £ 50 allo Yoga & Vegan Festival di Londra. Ho lavorato per circa un mese per preparare i prodotti e penso che abbiamo guadagnato £ 126. Ovviamente non è stata una fortuna, ma ci ha fatto capire che le persone erano davvero ricettive alla nostra idea.

Oggi ci stiamo concentrando sul commercio all'ingrosso. È piuttosto semplice: memorizza solo google "zero rifiuti grossisti", e noi saltiamo fuori! Abbiamo anche un venditore interno che si rivolge attivamente ai negozi.

Quali sono le maggiori sfide che hai affrontato?

Vendevamo cibo, fino a quando non ci siamo resi conto che stavamo mentendo a noi stessi sul concetto di "cibo zero rifiuti". Ci sono così tanti impatti che il cliente non vede: il cibo ha dovuto viaggiare dal nostro magazzino, a un magazzino di imballaggio, a un magazzino di spedizione, a casa loro. Quindi abbiamo deciso di smettere di venderlo. È stato davvero difficile: abbiamo perso una notevole quantità di entrate e alcuni clienti fedeli, ma era la cosa giusta da fare.

Sei cresciuto nello Sri Lanka, che è un paese prevalentemente buddista. Ha influenzato il tuo approccio al business?

In realtà medito per due ore al giorno. Penso che sia davvero importante avere una pratica spirituale per ottenere il controllo di te stesso. Soprattutto se stai avviando un'attività, devi rimanere umile e rimanere concentrato: forse devi vivere con i tuoi genitori per alcuni anni per mantenere bassi i costi, o forse devi prendere uno stipendio basso. Senza autocontrollo, potresti continuare a correre dietro a cose che sembrano brillanti, ma non hanno un vero valore.

Parlaci della tecnologia che usi.

Abbiamo usato Squarespace, che è stato fenomenale perché ha integrato analytics, SEO, praticamente tutto ciò di cui hai bisogno quando avvii un business. Ma stiamo costruendo il nostro sito all'ingrosso su Shopify, perché ha più funzionalità commerciali.

Utilizziamo anche:

  • Squarespacel'email marketing: l'abbiamo trovato molto più semplice di Mailchimp
  • Xero contabilità, che si integra molto bene con il tuo sito
  • Monday.com: uno strumento organizzativo che ti consente di visualizzare lo stato dei prodotti in arrivo e di assegnare attività
  • wechat è essenziale se lavori con fornitori cinesi!

Che consiglio daresti a qualcuno che ha appena iniziato l'e-commerce?

Innanzitutto, pensa al motivo per cui lo stai facendo: c'è un problema che stai cercando di risolvere? In tal caso, potrebbe effettivamente esserci un modo migliore per affrontarlo rispetto all'avvio di un'impresa!

E non essere così concentrato sulla vendita online all'inizio: è davvero facile trovare i tuoi clienti a fiere ed eventi, e parlare con loro ti aiuterà a capire cosa vogliono. Ad esempio, se sei nel mercato dei prodotti vegani, cerca solo "fiere vegane" e vedi se c'è qualcosa che sta accadendo vicino a te: quindi prenota una bancarella e vedi come va. Il feedback che ricevi dalle persone che incontri lì ti aiuterà a decidere quali passi dovresti prendere dopo.

Come pensi che sarà il futuro: per l'e-commerce e per Zero Waste Club?

COVID aumenterà sicuramente lo shopping online a lungo termine e i grandi rivenditori, come Amazon, ne trarranno sicuramente maggiori benefici. Penso anche che l'e-commerce all'interno della realtà virtuale sarà enorme: l'ho provato alcune volte ed è spaventoso quanto si possa assorbire. Tra vent'anni sarà un mondo strano.

Per quanto riguarda noi, il nostro obiettivo è piantare 100,000 alberi. Andiamo attraverso Riforestazione dell'Edene incorpora il costo di piantare un albero in ogni oggetto che vendiamo. Ci rende più costosi: ma siamo felici di prendere quel colpo.

Commenti Risposte 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valutazione *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Diventa un esperto di e-commerce

Inserisci la tua email per iniziare la festa