Interviste di e-commerce etico: QWSTION sulla creazione del proprio tessuto sostenibile

Questo è il secondo di una serie di interviste con imprenditori etici online: speriamo che possano essere utili e di ispirazione per chiunque cerchi di trovare la propria strada nel mondo degli affari. Facci sapere cosa ne pensi nei commenti qui sotto!

Il nostro secondo intervistato è Hannes Schoenegger, co-fondatore di QWSTION. Oltre alle loro collezioni di borse sostenibili ed etiche, il marchio ha sviluppato il proprio tessuto sostenibile: Bananatex.

Cosa ti ha ispirato ad avviare QWSTION?

Ho fondato QWSTION con quattro miei amici nel 2008. Lavoravamo tutti in campi diversi, ma tutti viaggiavamo molto e cercavamo una borsa che potesse soddisfare le nostre esigenze: qualcosa di funzionale, ma che potrebbe anche essere utilizzato per incontri di lavoro. Nel lontano 2008, se avessi una borsa funzionale sembrerebbe che verrai da una montagna quando entri in una riunione di lavoro! Quindi abbiamo deciso di creare il nostro zaino.

Come hai fatto ad avviare l'attività?

Non l'abbiamo creato come tu hai creato affari al giorno d'oggi: con piani aziendali, proposte, investitori e tutto il resto. Abbiamo appena iniziato l'attività perché pensavamo che il nostro prodotto fosse eccezionale e che ce ne fosse una richiesta. Abbiamo iniziato dando il prodotto ai nostri amici: nessuno lo ha restituito, che abbiamo preso come un buon segno!

E tutto il resto è seguito, non c'era una vera strategia dietro di esso. Ma è sempre stato giusto concentrarsi sul prodotto: la sua funzionalità e la sua sostenibilità erano le cose che contavano per noi.

Il marchio è stato sostenibile sin dall'inizio?

Tutti noi volevamo essere il più sostenibili possibile, ma quando hai appena avviato un marchio e hai a che fare solo con piccoli volumi, c'è un importo limitato che puoi fare.

All'inizio, quindi, dovevamo lavorare con ciò che potevamo permetterci e ciò che potevamo ottenere sul mercato: ma abbiamo deciso di lavorare fin dall'inizio con fibre naturali a base vegetale. Quindi le nostre prime edizioni sono state realizzate in cotone convenzionale e solo pochi anni dopo abbiamo avuto la capacità di sviluppare i nostri materiali: cotone organico e canapa ad alta densità. Quindi, quattro anni fa, abbiamo inventato Bananatex.

Il punto di partenza è stata l'idea di una catena di approvvigionamento circolare: come è possibile trasformare una pianta in un prodotto e tornare in una pianta?

La nostra catena di approvvigionamento era in Asia. Quindi la domanda era: cos'è una fibra asiatica sostenibile? Abbiamo scoperto che esiste una storia di utilizzo della fibra di banana per i tessuti in Asia: ma il problema era che, poiché non c'era modo di trasformarlo in un filo sottile, era stato usato solo per cose davvero robuste, come le corde per l'industria navale. Ma insieme ai nostri partner, abbiamo trovato un modo per elaborarlo.

Bananatex è un tessuto "open source": cosa significa?

Significa che siamo felici di condividerlo con qualsiasi marchio che abbia un serio interesse per la sostenibilità: anche se sono concorrenti. E se qualcuno vuole sviluppare qualcosa di nuovo con noi, siamo aperti a questo. Pensiamo davvero che la cooperazione sia migliore della concorrenza.

Il feedback è stato travolgente da tutti i tipi di settori. I marchi di moda vogliono realizzarne versioni più leggere per l'abbigliamento; i marchi di mobili vogliono realizzare una versione più pesante; i marchi automobilistici vogliono esplorare le possibilità di usare Bananatex in auto!

Come hai fatto crescere l'azienda?

Non facciamo pubblicità, non l'abbiamo mai fatto. Invece, ci concentriamo sulla creazione di progetti che contano, come Bananatex, e parlarne con i media, che è PR suppongo.

E stiamo cercando di costruire una comunità di persone consapevoli interessate a prodotti ben fatti. Abbiamo un pagina Instagram che curiamo, ma parliamo principalmente alle persone direttamente attraverso la nostra newsletter, The QWSTION Circle, in cui trattiamo le cose che contano per noi: dalle innovazioni nella sostenibilità alla musica che i nostri designer stanno ascoltando, perché forse è d'ispirazione anche per le persone.

Quali sono le maggiori sfide che QWSTION ha dovuto affrontare?

Le cose che funzionano economicamente sono spesso l'opposto di quelle che funzionano ecologicamente: ciò si traduce in un sistema che punisce le aziende che lavorano in modo sostenibile e premia quelle che in realtà non lo fanno. Il sistema deve cambiare.

Le cose dovrebbero essere vendute al loro prezzo reale, perché al momento non lo sono. Ad esempio, se vai a comprare uno zaino in nylon per € 40, questo potrebbe sembrare un affare rispetto a uno zaino in cotone biologico. Ma non è proprio così, perché a un certo punto dovremo scavarlo da una discarica o pescarlo dall'oceano e l'intera società pagherà. Quindi i politici devono attuare politiche come tassazione del carbonio, per mostrare ai consumatori cosa è veramente economico: e cosa non lo è.

Che consiglio daresti a qualcuno che ha appena iniziato l'e-commerce?

Penso che sia davvero importante assicurarsi che il prodotto offra un contributo significativo alla società. Se hai capito bene, tutto il resto seguirà.