Ispirazione urbana: rintracciare le grandi mostre

Qualche giorno fa stavo passando per il National Galleria di ritratti a Londra. Due code impressionanti stavano girando intorno agli angoli dell'edificio. Era soleggiato e pochi minuti a 10 am quando la galleria si apre. A Londra, è normale che le persone facciano la coda per visitare una mostra. E non ha niente a che fare con il sole. Avrebbero aperto i loro ombrelli.

Questa è una delle grandi cose delle grandi città: infinite leccornie culturali e abbastanza "spettatori" per infiniti eventi sold out. Prendi David Hockey, uno degli artisti più famosi del Regno Unito del secolo scorso. La sua mostra di paesaggi di Yorkshire Yorkshire recentemente conclusa alla Royal Academy of Arts è stata un successo, con persone che aspettavano in fila a volte per ore (orario invernale!), Recensioni entusiastiche, enormi bandiere sulle pareti della città e borse di plastica con paesaggi colorati. Ovviamente, un macchinario di marketing ben oliato può essere "incolpato" per una parte del successo, ma con i principali artisti non è difficile svendersi. Forse perché sono una grande fonte d'ispirazione.

Sono d'accordo, l'ispirazione è un'esperienza intima, difficile da definire e classificare, ma se vieni ferito di fronte a capolavori, non mancano le grandi mostre là fuori è un grande vantaggio.

Se vi capita di essere o di passare da Londra fino alla fine di maggio, vi suggeriamo di non perdere Lucian Ritratti di Freud. Qui hai degli incentivi. È la mostra più ambiziosa del suo lavoro da 2001, con oltre dipinti, disegni e incisioni 100 riuniti da tutto il mondo. Questo è piuttosto unico, poiché potresti non riuscire più a vedere alcuni di questi ritratti. Almeno nella vita reale.

Freud (1922-2011) è stato uno di quei grandi artisti realisti in grado di creare opere di notevole intensità osservativa. È un po 'come un'overdose di sincerità che agita lo spettatore e costringe gli umori pensosi. Con circa 100 gli esseri umani ti fissano direttamente dai dipinti è un incontro piuttosto intenso che potrebbe farti sentire svuotato ed esposto. C'è un fascino nel suo uso di pennelli più spessi, applicazione densa di pigmenti, cambiamenti cronologici nello stile, nelle sitter e negli interessi. Le storie che vengono con i ritratti sono altrettanto stimolanti quanto i dipinti stessi. Da personaggi famosi a regnanti, familiari e amici, molti volevano posare per lui. Compresa la regina. E non è un ritratto lusinghiero. Ma poi di nuovo, non hai posato per Freud se volevi lusingare.

La mostra non è consigliata ai prudenti che pensano che l'arte sia solo cherubini e mele su un piatto. O ai vicari. Lo dico perché anche se il vicario che ho ascoltato l'altro giorno è rimasto impressionato dal talento di Freud, non è stato particolarmente affezionato alla sua scelta di argomenti.

Che ti piaccia o no, non lo so. Ma so che rimarrà con te e metterà più domande e idee nella tua testa di quanto tu possa credere. Inoltre, non possiamo garantire alcuna coda all'ingresso.

Altre informazioni su altri grandi nomi della città presto. Godere!

National Portrait Gallery, Londra
Fino 27 maggio 2012