Come calcolare un punto di pareggio - Analisi, definizione e formula

Fare nascere un'impresa è spesso un'impresa che provoca reazioni contrastanti. C'è così tanto flusso di lavoro da eseguire, più precisamente se sei un principiante. Sul terreno, le cose sono un po 'più pratiche. Un punto di pareggio ti aiuta a disegnare un piano aziendale fattibile.

Perché ciò accada, l'idea di andare in pareggio potrebbe casualmente attraversare la tua mente mentre gestisci le tue normali transazioni commerciali.

Calcolare un punto di pareggio è solo una piccola parte della gestione di un business fiorente. È fondamentale come gestire l'inventario, le campagne di marketing e le tasse. Viene anche utilizzato per valutare le spese di produzione ricorrenti.

Un'analisi del pareggio consente di valutare il margine di sicurezza. Questo, a sua volta, ti dà la possibilità di stimare il rischio prima di avventurarti in un'azienda.

Allora perché la formula di pareggio del valore intrinseco? Per la maggior parte, effettuare tale analisi consente di lavorare con proiezioni pratiche. Questa è solo una bozza di ciò di cui si tratta.

La maggior parte degli imprenditori e-commerce, per essere precisi, tende ad impazzire quando un problema matematico composto colpisce le priorità della propria attività. Di conseguenza, se un commerciante lascia questo incustodito, è probabile che la sua attività sia, sfortunatamente, destinata a fallire.

Se, ad esempio, un rivenditore non è sicuro dei costi variabili totali dell'azienda, ciò potrebbe interrompere pesantemente l'intero flusso di cassa. Non c'è da stupirsi che il tasso di fallimento dell'e-commerce, secondo statistiche basate sui dati, è circa 80%.

Quel numero è disgustoso, potresti essere d'accordo con me.

Per quanto spaventoso possa sembrare, c'è ancora abbastanza spazio per risultati migliori. Prima ancora di spendere un centesimo, un calcolatore di pareggio consente di consolidare le stime in modo conciso.

Questa guida rivela tutti i dettagli strettamente collegati alla formula del pareggio. Tiene conto di tutti i vantaggi che questo calcolatore di analisi porta a bordo e rompe ogni strano gergo.

Quindi leghiamo i fatti insieme.

Cos'è un punto di pareggio?

Abbastanza notevole, una formula di pareggio consente a un commerciante di fissare i propri obiettivi di business su terreni più sicuri e ad alto rendimento. È un approccio puntuale per equiparare l'ammontare delle entrate alle spese totali.

Per dirla diversamente, è un punto in cui i costi della tua azienda, sia le spese ricorrenti (fisse) sia le spese variabili sono costantemente inferiori ai tuoi volumi di vendita. In tale contesto, le entrate sono uguali a tutte le implicazioni apparenti dei costi.

Un'analisi di pareggio è quindi un piano previsionale per aiutare un imprenditore a realizzare il proprio margini di profitto. Con quello a portata di mano, è possibile impostare un chiaro prezzo di vendita per unità, marketing e piani di spesa variabili.

Quanto prima un business è in pareggio, tanto meglio per le proiezioni di redditività a lungo termine. D'altra parte, ci sono dinamiche imminenti che influenzano il margine di sicurezza del tuo profitto.

Un grande colpevole è il costo variabile. Cambia stagionalmente a seconda dei livelli di produzione e del potenziale di scalabilità.

Ma non è tutto.

I tuoi margini di profitto sono fortemente legati alle spese ricorrenti come affitto, lavoro, marketing, tasse e così via. Questi sono alcuni dei costi variabili comuni che un potenziale imprenditore dovrebbe includere nei loro progetto aziendale.

Un'analisi approfondita del pareggio consente di lavorare con una struttura dei prezzi precisa. Uno che porta a una sconcertante progressione delle entrate. L'idea qui è quella di sapere se le spese variabili totali sono alte o basse.

Questo aiuta un commerciante a vedere il momento più probabile per raggiungere il pareggio. Un singolo calcolo non è mai abbastanza. Poiché l'inflazione è in qualche modo inevitabile in un'economia, ciò giustificherebbe perché debba essere un esercizio stagionale.

Perché la formula del punto di pareggio è così cardinale?

Vi sono ragioni pragmatiche per le quali un imprenditore deve eseguire tale analisi per la propria attività.

Per prima cosa, un punto di pareggio mostra quando l'ammontare totale delle entrate derivate dalle vendite effettive è uguale ai costi totali di gestione dell'azienda. In termini semplici, non hai realizzato né profitti né perdite.

In parole povere, un punto di pareggio è una sorta di fase elettrizzante durante la gestione di un'azienda che indica un punto potenziale in cui le entrate corrisponderanno a tutte le spese.

Se raggiungi il punto di pareggio, sarai in grado di determinare quando esattamente anticipare le tue proiezioni di profitto. Strettamente correlata a questa è la strategia dei prezzi. Il prezzo di vendita dei tuoi prodotti influenzerà sicuramente il tuo flusso di cassa, come notato in precedenza.

Una cosa che fa aumentare il tuo profitto è la produzione. Non c'è assolutamente alcun dubbio.

Torna al tavolo da disegno.

Quindi, se diciamo, acquisti un articolo da un fornitore a $ 20 e lo vendi per $ 30, la matematica superficiale rapida ti porterà a $ 10 in profitto. Ma non è così che funziona. Lo scenario peggiore che non vorresti accadere è incorrere in perdite. Lasciami spiegare come. Puoi semplicemente scendere a una cifra di profitto perfetta solo se ti iscrivi quando si verifica ogni spesa.

Per fare ciò in modo impeccabile, devi sapere esattamente quando spuntano i profitti effettivi. Ci sono due parametri più salienti da utilizzare per materializzarsi. Il primo fattore pertinente è il numero di prodotti che devi vendere per raggiungere il pareggio.

In ogni caso, ciò dipende fortemente dal prezzo per prodotto venduto. In secondo luogo, quello è lo spazio di markup dei profitti su cui farai leva. Se si riducono i costi di spedizione, ad esempio, è possibile regolare i prezzi per migliorare i progressi delle entrate.

Un'analisi del pareggio in modo eccellente ti dà una rapida stima di quanto in prospettive di profitto, dovresti guardare, trimestralmente o anche annualmente, quale formula periodica si adatta meglio alla tua attività.

Come commerciante, non è necessario attendere la fine dell'esercizio finanziario per calcolare le vendite unitarie nell'inventario di un determinato periodo. Il mercato a volte fluttua. Come tale, ottenere il margine di profitto per un determinato periodo in un anno è un'idea ben ponderata mentre si esegue una suddivisione di tutti i costi di produzione.

Come calcolare il punto di pareggio.

Prima ancora di mettere insieme tutti i fatti, è necessario tracciare una linea chiara tra costi fissi e variabili. Vedremo nel dettaglio come entrambe le spese sono distinte tra loro solo a breve.

Di seguito è riportata una formula descrittiva del punto di pareggio;

Punto di pareggio = Spese fisse ÷ (Entrate totali per unità di prodotto - Costo variabile per unità di prodotto)

La cosa più illustre è che bisogna identificare il margine di contribuzione. Pensalo come un trapano contabile. In breve, un margine di contribuzione è più simile alla quantità di entrate ricavate da un'unità venduta.

Facciamo un esempio pratico.

Se il costo per realizzare un singolo prodotto ammonta a $ 100, lo vendi a $ 150, il margine di contribuzione, in questo contesto, è $ 50. Così facile. A questo punto, vengono presi in considerazione solo i costi variabili. L'equazione esclude tutte le spese fisse.

E perché questa è la regola del gioco?

Il margine di contribuzione, che viene anche definito contributo in dollari per unità, è destinato esclusivamente a consentire all'imprenditore di essere consapevole dell'utile effettivo per prodotto, meno tutti i costi operativi. Avere un'analisi approfondita di quali siano i tuoi profitti, ti dà un indicatore del fatto che stai competendo in modo equo sul mercato.

In secondo luogo, fornisce una tabella di marcia per calcolare il punto di pareggio. E per farlo, devi accumulare tutti i costi fissi e sommarli. Il prossimo passo è dividere quel numero con il margine di contribuzione.

Ecco un breve riepilogo.

Tieni sempre presente che il margine di contribuzione della tua azienda è la differenza tra l'importo totale delle entrate che genera e i costi variabili. In senso figurato, se si spendono $ 100 per assemblare o piuttosto, fabbricare un singolo prodotto e venderlo a $ 150, il margine di contributo sarà $ 50.

Il margine di contribuzione e il margine di profitto sono due gerghi relativi alle imprese che sono, senza dubbio, confusamente simili.

Tieni presente che la tua equazione di profitto è uguale a zero (0). Inoltre, vale la pena notare che il rapporto del margine di contribuzione ti avvicina di molto alle tue entrate. La dichiarazione sul margine di contribuzione aiuta un rivenditore a utilizzare i dati storici delle vendite precedenti per prevedere in qualche modo il futuro di pareggio del business.

Affondiamo un po 'più a fondo in questa parte.

Rapporto sul margine di contribuzione

Se hai un ampio catalogo di prodotti nella tua azienda, essere al corrente del margine di contribuzione è solo un graffio sulla superficie. Questo rapporto indica, in percentuale, l'importo (preferibilmente in dollari) che un prodotto produce in profitto e l'eccedenza lasciata per risolvere le spese fisse di un'azienda.

Man mano che la tua attività si espande notevolmente, così è la necessità di spiegare il livello di entrate che ogni prodotto genera per vendita, a lungo termine.

Un modo semplice per calcolare il rapporto del margine di contribuzione è sottrarre le spese fisse dal margine di contribuzione. Finché hai i numeri in ordine, sei a posto.

Formula del rapporto sul margine di contribuzione = margine di contribuzione / entrate totali delle vendite

A parte quello del produttore prezzo al dettaglio suggerito (MSRP), un rapporto di margine consente di monitorare il modo in cui ciascun prodotto venduto viene confrontato con la struttura dei prezzi della concorrenza. È più un modo pratico per avere un'analisi approfondita del potenziale di profitto del tuo prodotto.

Un termine correlato che è necessario comprendere durante la risoluzione della formula BEP è l'analisi costo-volume-profitto. Nella maggior parte dei casi viene anche definita analisi del pareggio. La parte migliore di questo metodo di contabilità è che esamina come i costi variabili e i livelli di produzione influenzano il profitto finale.

La formula CVP viene spesso utilizzata per calcolare il potenziale volume di vendite su cui si trova la tua azienda. Puoi anche contare su queste informazioni per ottenere un numero esatto di vendite necessarie per ordinare le spese fisse e sapere quando la tua attività sarà probabilmente in pareggio.

Calcolo dei costi fissi

Bene, devi considerare attentamente questo durante l'esecuzione dell'analisi del pareggio. L'accordo con i costi fissi è che non hanno nulla a che fare con il numero totale di vendite che fai.

In altri termini, i costi fissi sono il tipo di spese che si ripetono, indipendentemente dal fatto che tu venda o meno. Rimangono sempre costanti. Inutile dire che il catalogo dei prodotti non fa parte delle spese fisse.

La maggior parte di questi costi sono generalmente pagati periodicamente. Quelli comuni includono;

  1. Il pagamento dell'affitto / locazione del negozio.
  2. Rimborso del prestito commerciale
  3. Licenze commerciali
  4. Tasse sulla proprietà applicabili
  5. Costi di marketing
  6. Leasing di veicoli e attrezzature
  7. Spese di lavoro / salari dei dipendenti
  8. Bollette (elettricità, internet)
  9. Assicurazione

Per un'azienda già esistente, il calcolo dei costi fissi non è un esercizio così assordante. Una start-up, tuttavia, dovrà fare qualche ulteriore scavo e apprendere tutte le curve incombenti.

Calcolo dei costi variabili

Come forse saprai, un costo variabile è quella spesa strettamente collegata alle priorità di produzione della tua azienda. Quando il volume della produzione aumenta, lo sono anche i costi variabili e viceversa.

Con costi variabili, è necessario valutare i livelli di produzione nella propria azienda. In questo modo, è piuttosto difficile restare al di sotto del costo unitario variabile.

Alcuni degli indicatori comuni da tenere in considerazione durante il calcolo delle spese variabili includono il costo di acquisto di un prodotto o materie prime, le tariffe di spedizione e le tasse da pagare.

Da un punto di vista pratico, se il costo per unità di produzione di uno zaino è $ 5 e la società decide di produrre unità 100, il costo variabile, in questo caso, sarebbe $ 500.

Quindi diamo una rapida rassegna di alcuni dei costi variabili tradizionali.

Tassi di transazione

Se stai cercando di vendere prodotti online, devi disporre di un canale di pagamento sicuro di cui gli acquirenti possano fidarsi. Più comunemente, potrebbe essere necessario accetta transazioni con carta di credito.

È necessario considerare una commissione di transazione con carta di credito come un costo variabile poiché si basa su una percentuale per importo di vendita. La cifra cambia in base al prezzo di un articolo.

Costo di produzione

Esistono due modi principali per esaminare questa spesa variabile. Un venditore può acquistare un prodotto finito da un fornitore o acquistare materie prime e realizzare un articolo su misura secondo le specifiche dei clienti.

Qualunque sia il caso, ciò che conta di più è il costo per unità. Se stai realizzando un prodotto da zero, devi sapere quanto stai pagando per le materie prime per evitare disavanzi e sommare tutti i costi variabili.

Riparazione

Questo è praticamente inevitabile durante la gestione di un'azienda. Potrebbe essere necessario stabilire un accantonamento per le riparazioni una volta esauriti i macchinari o le attrezzature per mantenere la capacità di produzione.

Ad un certo punto, dovrai aggiornare i tuoi computer o anche il software.

Tasse di importazione

Se provieni prodotti da un altro paese, è ovvio che il dazio e le tasse all'importazione sono variabili da considerare e alle quali ci si abitua.

Tariffe di spedizione e consegna

Il fatto divertente spedizione è che la maggior parte delle compagnie aeree utilizza l'approccio basato sul peso per calcolare i costi. Pertanto, di solito dipende da quanti prodotti si intende spedire.

Lo stesso vale per l'evasione dell'ordine, in cui le spese di prelievo, imballaggio, etichettatura e spedizione variano da un articolo all'altro.

Punto di pareggio in breve….

Per concludere, è di grande importanza evidenziare le ragioni principali per cui un'analisi del pareggio è in qualche modo, un approccio ideale da utilizzare durante la gestione di un'azienda.

Questa parte presenta alcuni suggerimenti finali sul motivo per cui è necessario utilizzare i calcoli di pareggio.

Quindi chi deve eseguire un'analisi BEP?

Effettuare calcoli BEP non si limita alle imprese di livello aziendale. Un rivenditore di PMI può effettuare il calcolo del pareggio per valutare le opzioni quando si tratta di stabilire livelli di prezzo realistici.

Un'analisi BEP funziona perfettamente per qualsiasi commerciante che deve identificare il numero di vendite che coprirebbero le spese fisse. In tal modo, l'imprenditore può creare un piano finanziario solido fissando un budget praticabile.

Il risultato?

Ti permette di regolare il prezzo di vendita. A prima vista, potrebbe sembrare un po 'inverosimile. Utilizzando il rapporto del margine di contribuzione, si arriva a valutare il valore che ogni vendita di prodotti porta in tavola.

Se aggiungi un paio di dollari al prezzo di vendita su ciascun prodotto, è certo che devi vendere meno articoli per raggiungere il pareggio. In un settore che ha una concorrenza aggressiva, dovrai adattare i tuoi prezzi con molta attenzione. Ed è qui che entrano in gioco i calcoli.

Puoi essere in grado di ridurre i costi fissi e variabili. Questo ti aiuta a fissare obiettivi ragionevoli e realistici per gli obiettivi a lungo termine dell'azienda. Se riduci un costo fisso come l'affitto e operi in un luogo con imposte clemente, puoi arrivare al pareggio prima di quanto tu possa mai immaginare.

La maggior parte dei rivenditori utilizza la formula BEP per individuare le spese generali e le spese di produzione nel modo più scrupoloso e poco complicato. Questa guida dovrebbe portare alle cifre giuste, nonostante le dimensioni della tua attività.

Soprattutto, puoi usare a Calcolatore BEP per lavorare con numeri privi di errori.