I mercati e-commerce hanno problemi fiscali?

Per molto tempo, i mercati e-commerce hanno avuto problemi riguardanti la riscossione delle imposte. innumerevole commercianti da tutto il mondo sono stati in grado di vendere i loro prodotti online senza pagare tasse di vendita.

Amazon, il più grande mercato di e-commerce, è un eccellente esempio di ciò di cui sto parlando.

La società lavora con centinaia di migliaia di venditori di terze parti da tutto il mondo per vendere prodotti nel suo gigantesco mercato.

Questi mercanti di terze parti sono una parte così importante di Amazon che in 2017, costituivano più di 50% delle unità a pagamento del rivenditore, generando miliardi di dollari ogni mese.

Eppure, la maggior parte di loro non paga le tasse.

Regolamentare e far rispettare il pagamento delle imposte da migliaia di commercianti di terze parti non è un compito facile. E poiché il mondo dell'e-commerce è una cosa relativamente nuova, le leggi precedenti non sono state in grado di tenere le cose sotto controllo.

Tuttavia, l'impatto economico di online rivenditori sta crescendo di giorno in giorno. E quindi le forze legislative hanno meno motivi per ignorare la questione.

In 2017, la quota globale delle vendite al dettaglio di e-commerce ha raggiunto 10.7%. E secondo 2021, Statista stima che crescerà fino a 17.5%.

fonte: Shopify con i dati di Statista

Non sorprende che la rilevanza politica dell'argomento sia notevolmente aumentata negli ultimi anni.

Camion carichi di denaro andrebbero ai governi se queste tasse fossero pagate,

quindi perché molti stati hanno fatto ricorso all'emanazione di nuove leggi fiscali negli ultimi anni.

Sei un commerciante online?

Rimanere aggiornato e assicurarti di fare le tasse giuste è una tua responsabilità. Non farlo in modo corretto significa che potresti dover affrontare le conseguenze legali che hanno danneggiato molte aziende.

In questo post, ti dirò ciò che tu e ogni altro commerciante di e-commerce, dovresti conoscere su questo argomento.

Immergiti subito!

Lotta fiscale di Amazon

Quando parliamo di problemi fiscali nell'e-commerce, Amazon è una delle prime cose che vengono in mente. E 'una conoscenza comune tra le persone coinvolte nel settore dell'ecommerce che Amazon ha sfiorato le tasse per un periodo piuttosto lungo.

E non stiamo parlando di pochi dollari. Stiamo parlando di miliardi. La dimensione pura di Amazon non è uno scherzo e l'ammontare delle entrate fiscali che può generare per i governi è considerevolmente alto.

Dopo tutto, la quota di Amazon nel mercato degli e-commerce negli Stati Uniti è quasi del 50%.

Pensaci.

Amazon da solo prende quasi tanto quanto ogni altro mercato dell'e-commerce combinato.

L'impatto di questo business è così potente che gli stati hanno intrapreso un'azione legislativa proprio per questo, creando leggi fiscali comunemente definite leggi "Amazon".

Tutto perché il gigantesco negozio ha trovato un modo per pagare meno tasse.

Gli Stati non possono obbligare i dettaglianti a riscuotere imposte sulla vendita se il rivenditore non ha nesso in tale stato. (avere nexus significa avere una presenza fisica in quello stato) E dal momento che Amazon è un rivenditore online, non ha bisogno di avere una presenza fisica per vendere i suoi prodotti.

Il che significa che legalmente parlando, Amazon non potrebbe essere costretta a riscuotere tasse nella maggior parte del paese.

Invece, i clienti dovevano pagare una tassa di "utilizzo" equivalente. Ma gli stati hanno sempre avuto difficoltà nel riscuotere le tasse d'uso.

E ovviamente a molti stati non piaceva, quindi alcuni hanno risposto creando le leggi "Amazon" che ho appena menzionato.

Grazie a queste nuove leggi, agli accordi statali e alla creazione di nuove strutture amazzoniche, la compagnia ora riscuote le tasse sulla maggior parte degli Stati Uniti.

A partire da gennaio 2014, la società tasse raccolte solo su stati 17. Ora lo fanno a livello nazionale con l'eccezione di pochi posti.

fonte: ilsr.com

Sfortunatamente, non è qui che finisce il problema fiscale.

Anche se Amazon riscuote le tasse per i propri prodotti, non si assume alcuna responsabilità per ciò che fanno i commercianti di terze parti.

Questo pone una nuova serie di problemi che gli stati devono affrontare.

La maggior parte dei commercianti di terze parti non paga le tasse che sono dovute. Non solo perché è fastidioso, complicato e influenza negativamente le vendite, ma perché molti venditori non sono nemmeno a conoscenza delle loro passività fiscali.

La riscossione delle imposte da centinaia di migliaia di venditori è quasi impossibile e, come ho detto prima, anche l'alternativa dell'imposta sulle tasse d'uso non è efficace.

Ciò lascia gli stati con una scelta chiara:

Rendi Amazon responsabile delle tasse di vendita di tutti i suoi commercianti.

La differenza di prezzo che Amazon offre grazie al tax skirting è sufficiente per i clienti che la scelgono rispetto ad altri mattoni e malta rivenditori come Walmart.

I dirigenti di Amazon lo sanno e sono disposti a fare il possibile per impedire che queste leggi abbiano luogo.

La lotta è iniziata.

Su un lato del ring, abbiamo Amazon, i suoi commercianti di terze parti e altri negozi di e-commerce che fanno gli stessi trucchi.

Dall'altra parte, entità governative e rivenditori al dettaglio.

Per ora, i venditori e i clienti di terze parti sono responsabili della riscossione delle imposte nella maggior parte del paese. Ma nei prossimi anni potremmo vedere le condizioni che si stanno trasformando e i rivenditori diventare responsabili.

Finora, solo Washington, Pennsylvania e Oklahoma richiedono ad Amazon di riscuotere le tasse dei commercianti di terze parti. Ma probabilmente vedremo altri stati fare lo stesso nei prossimi anni.

Se Amazon vuole perdere il combattimento, sicuramente farà il possibile per prolungarlo il più possibile. In modo che possa, almeno, beneficiare della sua condizione attuale più a lungo.

Un messaggio per i commercianti di e-commerce

Ciò che tutto ciò significa per te come commerciante è che dovresti essere informato sulle politiche fiscali applicabili al tuo caso.

Poiché le leggi variano da stato a stato e da paese a paese, le tue responsabilità possono essere inaspettate.

Non può essere piacevole avere un avvocato che ti sta venendo incontro per cose di cui nemmeno eri a conoscenza. E ora puoi evitarlo conoscendo i tuoi fardelli fiscali.

Sei preparato?

Sai se sei tu, il cliente o il rivenditore quello che è responsabile della riscossione delle tasse?

Ottenere un avvocato fiscale può aiutarti a capirlo insieme a tutte le altre domande che potresti avere. E farai in modo che un esperto ti stia aiutando e non commetterai errori.

Errori che possono essere abbastanza costosi da infrangere la tua attività.

Cosa pensi? I venditori di terze parti potrebbero avere debiti fiscali?

Fateci sapere nei commenti qui sotto.